Tris servito sulla ruota di Latina

Partenza lanciata per il Formia di Davide Palladino. Le grandi motivazioni della vigilia fanno la differenza al «Nicola Perrone» dove, all’esordio nel campionato di Eccellenza 2011/2012, i biancoazzurri capitanati da Agostino De Santis travolgono il Ceccano con un secco 3-0. Un Formia che vince, diverte e strappa applausi ai circa 800 spettatori presenti in tribuna: 

Leggi tutto

Partenza lanciata per il Formia di Davide Palladino. Le grandi motivazioni della vigilia fanno la differenza al «Nicola Perrone» dove, all’esordio nel campionato di Eccellenza 2011/2012, i biancoazzurri capitanati da Agostino De Santis travolgono il Ceccano con un secco 3-0. Un Formia che vince, diverte e strappa applausi ai circa 800 spettatori presenti in tribuna: una squadra così unita e un gioco così spumeggiante non si vedeva da diverse stagioni. Tutto merito del lavoro meticoloso di mister Palladino e dei giocatori arrivati in estate; uno su tutti Gennaro Vitale. Dai suoi piedi passano la maggior parte dei palloni di marca biancoazzurra che abilmente gli attaccanti riescono a tramutare in gol.

CRONACA – I padroni di casa partono con il piede sull’acceleratore e all’8’ rischiano per ben due volte di passare in vantaggio. Sul corner di Fiorillo, Tiberia tenta l’autorete con un goffo rinvio e Olevano è costretto a concedere nuovamente l’angolo ai formiani. Questa volta Liccardi, tutto solo sul secondo palo, spedisce incredibilmente a lato di testa. Al 14′ prima incursione di uno scatenato Andrea Scipione che taglia il campo da destra verso sinistra, si presenta in area di rigore ma il suo sinistro è debole e termina senza problemi tra le braccia di Olevano. Il Ceccano è praticamente inesistente e l’undici tirrenico ne approfitta: al 21′, sugli sviluppi di un corner, ancora Scipione arpiona in area, tenta la girata volante ma sulla linea gli ospiti si salvano. Ancora locali in avanti al 23′ quando Borrino sale dalla difesa, viene pescato ottimamente in area da Gioiello, ma il suo sinistro al volo termina alto sopra la traversa. Al 29′ i biancoazzurri ottengono un dubbio calcio di rigore per atterramento di Fiorillo: sul dischetto si presenta Liccardi ma il suo è un passaggio tra le braccia di Olevano che salva così il risultato. Al 40’, però, il «Perrone» esplode per la prima rete in biancoazzurro proprio di Liccardi: il merito è tutto di Medoro che dal limite si inventa la parabola del campionato, Olevano ci mette una pezza e manda la sfera sulla traversa ma il neo attaccante del Formia ribadisce in rete di testa ed è 1-0. La ripresa parte con un brivido per i pontini: all’8′ Perrotti in area scarica in rete, ma sul primo palo è splendida la risposta di Salemme che di fatto salva il risultato indirizzando la partita su binari ben precisi. Infatti, al quarto d’ora, Scipione si fa tutto il campo sul settore di destra, salta un paio di uomini, assist al centro per Liccardi che di destro mette la sfera sul secondo palo per il 2-0. Il Ceccano non c’è più e al 18′ arriva la gioia del gol anche per Medoro, che aggancia in area e in una frazione di secondo gira di destro la palla sul palo più lontano dove Olevano non può arrivare: 3-0 e partita finita.

TERRACINA, MALE LA PRIMA – Il Terracina Calcio debutta nel girone B di Eccellenza cedendo 2-0 allo stadio «Marocco» di Morolo. Privi dello squalificato Botta e dell’infortunato Altobelli, i tigrotti subiscono una rete per tempo in una sfida caratterizzata dal nervosismo: un espulso e ben nove ammoniti sono lì a dimostrarlo. Le azioni salienti? Al 14’ i padroni di casa passano in vantaggio: palla lunga per Annunziata che in velocità brucia Cavallaro, mette al centro e per Martino, appostato sul secondo palo, è un gioco da ragazzi mettere dentro di piatto. Il Terracina tenta subito la reazione con un sinistro di Ferrara che la difesa di casa devia in angolo. Per rivedere i biancocelesti dalle parti di Catracchia bisogna attendere il 31’, vale a dire quando Festa tenta di sorprendere il portiere con una palla angolata ma un po’ troppo debole. La prima frazione si chiude di fatto al 47’: pasticcio della difesa terracinese ma Annunziata, scattato sul filo del fuorigioco, non riesce a scavalcare Petriglia che in uscita sventa la minaccia.

LA RIPRESA – La ripresa si apre con il raddoppio del Morolo; è il 4’ e un’azione in verticale si conclude con il cross di Orefice per la testa di Annunziata che infila Petriglia. Al 18’ La Cava, su punizione, pesca Cavallaro solo davanti alla porta ma il difensore biancoceleste manda a lato. Due minuti dopo ci prova anche Mucciarelli ma il suo diagonale viene deviato in angolo da Catracchia. Al 22’, La Cava sfiora il gol direttamente su punizione dal limite ma Catracchia toglie la sfera dal set. Al 35’, sugli sviluppi di un corner, testa di Tacon alto sulla traversa.
Al termine mister Ermanno Fraioli taglia corto così: «C’è ancora tanto da lavorare, ma alla fine siamo stati puniti da due tiri in porta. In settimana vedremo di analizzare la gara e di capire dove abbiamo sbagliato».

IL BABY CISTERNA DA’ SPETTACOLO – Dopo nove anni la Vigor Cisterna torna a giocare la prima in casa sul terreno del Domenico Bartolani, e miglioresordio non poteva esserci. La formazione di mister Alfonso Greco regola con un secco 3-0 il Colleferro. Una risultato questo mai stato in discussione con i biancocelesti che hanno controllato la gara per quasi tutto l’arco dei novanta minuti lasciando agli ospiti solamente i primi dieci minuti della ripresa. Parte forte la Vigor quando non è passato un giro di lancetta Salvini scalda i guantoni a Bucciarelli con fendente dalla lunetta dell’area ospite che il portiere rossonero devia in corner. Dal calcio d’angolo la palla arriva fuori area dove Troisi si coordina per un collo esterno destro che disegna una traiettoria imparabile per Bucciarelli e si insacca sul palo lungo. Nemmeno il tempo di festeggiare che la Vigor mette sui binari biancocelesti la gara: cross dalla destra per Giacani che anticipa i due difensori centrali ospiti e batte per la seconda volta Bucciarelli. C’è gloria anche per l’ultimo arrivato, Daniele Assogna, super al 14’ a negare il gol a Cardinali su colpo di testa ravvicinato. Intorno al 20’ Giacani si divora la terza rete spendendo alto di testa un ottimo cross di Salvini dal settore destro. Il monologo della Vigor continua alla mezz’ora con Spinetti bravo a destreggiarsi tra gli avversari ma poco lucido al momento della conclusione. Cardinali per il Colleferro è il più pericoloso dei suoi e lo dimostra ancora al 33’ con un diagonale che impegna Assogna in tuffo alla sua destra. Prima di andare al riposo Giacani ha ancora sui piedi il matchball ma la sua fuga solitaria si conclude con un diagonale che termina fuori. Nella ripresa gli ospiti escono dagli spogliatoi più intraprendenti ma i loro attacchi però si rivelano sterili. Al quarto d’ora la Vigor cala il tris: lancio di trenta metri di Salvini, ottima la prova del classe ‘94 del prodotto del vivaio Vigor, ad innescare Spinetti che resiste alla carica di un avversario ed appena in area trafigge con chirurgico diagonale Bucciareli. La gara finisce qui con la Vigor che ha la possibilità di arrotondare il risultato con il subentrato Bellucci che trova sulla sua strada il piede di Bucciarelli che gli nega la gioia del gol. Ora tutti a lavoro in vista della delicata trasferta in casa della Lupa Frascati.

CARATTERE PODGORA – IL Borgo Podgora 1950 conquista i suoi primi tre punti nel campionato di Eccellenza, al termine di un match dal doppio volto: tanto impacciato nella prima frazione quanto straripante nella ripresa. I padroni di casa passano al vantaggio al 21’ con Corsetti che risolve una mischia in area di rigore. Forti del vantaggio il Segni schiaccia il Podgora nella propria metà campo senza però mai chiudere il conto. Nella ripresa mister Paloni cambia volto alla propria formazione: dentro Armeni, Sossai e Bilancini per un Podgora a trazione anteriore. I borghigiani, infatti, cominciano a farsi vedere con un certa insistenza dalle parti di Salviti e al quarto d’ora agguantano il pari grazie a Rubino, che trafigge l’estremo difensore romano sugli sviluppi di un calcio di punizione dalla trequarti. Una volta trovato il pari, il Podgora conquista progressivamente campo e alla mezz’ora ribalta completamente il risultato con lo stesso Rubino, che di testa sigla il 2-1. Passano due minuti e Maglitto mette al sicuro la vittoria con un pregevole tiro a giro.

I TABELLINI

FORMIA 1905 – CECCANO 3-0
Formia 1905: Salemme, Scipione, Borrino, Vitale (41’st Volpe), Di Franco, La Valle, Fiorillo, De Santis, Gioiello (8’st Capogrosso), Medoro (28’st Mariniello), Liccardi. A disp.: D’Alessio, Panella, Morrone, Valente. All.: Palladino.
Ceccano: Olevano, Pullo, Orsinetti, Braccani (1’st Santopadre), Tiberia, Fumagalli, Ciotoli (21’st Lucchetti), Lillo, Perrotti (38’st Carcasole), Colafranceschi, Sanna. A disp.: Gatto, De Persis, Pimmi, Spiga. All.: Adinolfi.
Arbitro: Leo di Roma 2. Assistenti: Giovannetti e Giuberi di Ciampino.
Marcatori: 40’pt, 15’st Liccardi, 18’st Medoro.
Note – Espulsi: Tiberia al 41’st per doppia ammonizione; ammoniti: Borrino, Vitale (F), Orsinetti, Lillo (C); Liccardi fallisce un calcio di rigore al 29’pt.

MOROLO – TERRACINA 2-0 (pt 1-0)
Morolo: Catracchia, De Rosa, Paoliello, Risi (7’st Trossi), Fasani, De Angelis, Orefice, Capuano, Martino (12’st Burgueno), Gaitan, Annunziata (33’st Verrecchia). A disp.: D’Ambrosio, Perrella, Ndaw, Persichini. All.: Gaeta
Terracina: Petriglia, Renzi, Bove, Festa, Cavallaro, Foti (11’st Tacon), Mucciarelli, Grossi, Ferrara, La Cava, Drogheo. A disp.: Cuomo, Trillò, Fiorini, Borelli, Del Duca, Minieri. All.: Fraioli
Arbitro: D’Aquino di Roma, coadiuvato da Paladino e Nocito di Ostia Lido
Marcatori: 14’ Martino, 4’st Annunziata
Note: espulso al 5’st Paoliello. Ammoniti: De Rosa, Risi, Fasani, Orefice, Martino, Annunziata, Renzi, Foti, Ferrara

VIGOR CISTERNA – COLLEFERRO 3-0
Vigor Cisterna: Assogna, Paglia, Di Girolamo, Rossi (15’st Piras), Anselmi, Latini (cap.), Frattarelli, Salvini, Giacani (27’st Bellucci), Spinetti, Troisi (39’st Mariti). A disp.: Leone, Magni, Cannistrà, Morelli. All.: Greco
Colleferro: Bucciarelli, Morioni, Fiacco, Incitti, Putrella, Nilson (cap.), Coppatelli (1’st Amici), Abbondanza, Cardinali, Molle (1’st Salvagni), Pasqualini. A disp.: Rovitelli, Ma tozzo, Foschi, Figlioli, Pazienza. All.: Baiocco
Arbitro: Tucci di Ostia; assistenti: Morlacchetti di Roma2, Maggiore di Albano Laziale
Marcatori: 2’pt Troisi, 4’pt Giacani, 17’st Spinetti
Note – Ammoniti : Paglia, Giacani (VC), Petrella, Nilson (C)

SEGNI – BORGO PODGORA 1950 1-3
Segni: Salviti, Girardi, Rea, Faiola (Bornigia), Carbonari, Corsi, Ferraro, Di Placito (Colaiori), Pacetti, Binaro, Corsetti (Biagiotti). A disp.: Pro, Simoncelli, Ronchetti, Coccia. All.: Conti.
Borgo Podgora 1950: Ramiccia, Porcelli, Arduini, Cannariato, Seppani, Rubino, Cifra (Bilancini), Pacchiarotti (Sossai), Cirelli (Armeni), Giuffrida, Maglitto. A disp.: Roma, Di Chiara, Favero, Bertassello. All.: Paloni
Arbitro: Capogrande di Roma1; assitenti: Bernabei di Roma1 e Pasquarello di Ostia.
Marcatori: 21’pt Corsetti, 15′, 30’st Rubino, 32’st Maglitto.
Note – Ammoniti: Faiola, Pacetti (S), Porcelli (BP).

Lascia un commento