Aprilia, sotto con l’Isola Liri

Continuare sulla linea adottata domenica e tentare di conquistare il secondo turno di Coppa Italia di Lega Pro. Con questi presupposti, questa sera, l’Aprilia di mister Vincenzo Vivarini affronta la seconda trasferta ufficiale del girone «H», raggruppamento che vede i biancoazzurri a tre punti in classifica dopo la vittoria bella e meritata, ottenuta a Fondi 

Leggi tutto

Continuare sulla linea adottata domenica e tentare di conquistare il secondo turno di Coppa Italia di Lega Pro. Con questi presupposti, questa sera, l’Aprilia di mister Vincenzo Vivarini affronta la seconda trasferta ufficiale del girone «H», raggruppamento che vede i biancoazzurri a tre punti in classifica dopo la vittoria bella e meritata, ottenuta a Fondi domenica scorsa contro l’Aversa Normanna.

ASSENTI E IN FORSE – L’Aprilia si prepara quindi ad affrontare la terza gara ufficiale in casa dell’Isola Liri, in programma alle ore 20.30 allo stadio «Nazareth». L’obiettivo, come detto, è quello di vincere e convincere come fatto nella gara casalinga contro i campani. Soprattutto adesso che pian piano tutti i giocatori stanno tornando a disposizione del mister abruzzese. Dopo aver ritrovato gran parte della rosa a propria disposizione, Vivarini dovrà però fare ancora a meno di alcune pedine importanti come Aquino, Stankovic, Cruciani e Di Libero (squalificato), mentre sono in netto miglioramento ma ancora in forse il centrocampista Criaco, il portiere Bifulco e gli attaccanti Gomes e Branicki. La squadra effettuerà l’allenamento di rifinitura questa mattina al Centro Sportivo Primavera, per poi partire alla volta di Isola Liri dove arriverà nel primo pomeriggio. Per quanto riguarda l’Isola Liri, l’Aprilia troverà una squadra in forma che, dopo la vittoria nel primo turno per 1-0 in casa dell’Aversa Normanna, domenica, ha osservato un turno di riposo nella seconda giornata. Questa la terna arbitrale. Il direttore di gara sarà Emanuele Brodo di Viterbo, assisstito daMirko Bisbano di Lanciano e Pier Luigi De Rubeis di L’Aquila.

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento