Amaro esordio di Coppa: il Latina è fuori

Non era questo risultato che la città sperava ma la prima uscita del Latina nella Tim Cup ha dato risposte importanti al tecnico Stefano Sanderra. Il sogno Rigamonti svanisce dopo il gol di Caraffoni nel primo tempo ma, considerando anche le assenze importanti, la formazione nerazzurra ha sicuramente onorato la sua prima uscita stagionale. I 

Leggi tutto

Non era questo risultato che la città sperava ma la prima uscita del Latina nella Tim Cup ha dato risposte importanti al tecnico Stefano Sanderra. Il sogno Rigamonti svanisce dopo il gol di Caraffoni nel primo tempo ma, considerando anche le assenze importanti, la formazione nerazzurra ha sicuramente onorato la sua prima uscita stagionale. I nerazzurro hanno mostrato il solito carattere e la voglia di giocare, di riprendere il risultato in ogni maniera. Il tutto è stato sicuramente facilitato dall’ingresso di Tortolano e di un vivacissimo Zampaglione nella ripresa anche grazie agli spazi maggiori avuti nella ripresa. L’impressione  però è che questa squadra sia partita con il piede giusto anche se il risultato non è stato quello sperato (chi ricorda quel Latina-Pomezia di coppa?).

RITMI BLANDI AL VIA – La squadra nerazzurra l’aveva già dichiarato più volte di voler fare bene in questa Coppa Italia ma che comunque l’obiettivo principale è il campionato il prossimo 4 settembre. La possibilità di potersi giocare il secondo turno di Coppa al Rigamonti di Brescia però fa gola a molti. In campo ci vuole più di un tempo prima di vedere qualcosa, nei primi 45 minuti di gioco c’è spazio per l’occasione di Gigli dopo un minuto anche se è tra il 38′ e il 39′ ci sono le occasioni migliori. La prima è una grande intuizione di Jefferson che, dopo due dribbling, colpisce il palo dal limite con un bell’esterno destro, la seconda invece è la doccia fredda per i pontini con il gol di Garaffoni che si fa trovare pronto sul secondo palo sugli sviluppi di un calcio d’angolo.

RIPRESA PIU’ VIVACE – Se la prima parte di gioco è sottotono nella ripresa il Latina entra con un altro piglio. C’è voglia di riprendere il risultato ed in campo si vede da subito. All’ottavo ci prova al volo Ancora mentre tre minuti più tardi il diagonale di Merito finisce di poco a lato. E’ il momento dell’ingresso in campo dell’idolo di casa Tortolano che dà subito una sterzata importante alla partita. Al 17′ il suo destro finisce a lato ma la sua presenza in campo mette in seria difficoltà la formazione abruzzese con frequenti incursioni. Al 22′ palla per Toscano che mette in mezzo, mischia in area di rigore che Jefferson prova a risolvere con un colpo di testa alto sopra la traversa. E’ un ottimo momento per la truppa di Sanderra perchè L’Aquila è sulle gambe e non riesce a reagire. L’allenatore del Latina nel frattempo ha mandato in campo anche Zampaglione che insieme a Tortolano suona la carica verso la porta di Testa. Al 23′ dribbling a rientrare di Tortolano e botta sul secondo palo ma Testa si fa trovare preparato. Al 26′ invece è velletario il tiro da 30 metri di Zampaglione ma conferma l’ottimo impatto del numero sedici nerazzurro. L’assalto pontino rallenta con la punizione sballata di Jefferson al 32′ e riprende sullo scadere con un bel calcio piazzato di Tortolano terminato alto. L’Aquila può solo contenere e dopo l’occasione del Latina con Pagliaroli prova a chiudere l’incontro al 50′ ma il tiro di Pianese termina a lato. L’assedio però finsice dopo il triplice fischio dell’arbitro concludendo da subito l’avventura tricolore del Latina.

Stefano Scala

LATINA-L’AQUILA 0-1
Latina: Costantino, Toninelli, Toscano, Ricciardi (40’ st Pagliaroli), Mariniello, Farina, Merito (13’ st Tortolano), Berardi, Jefferson, Giannusa, Ancora (19’ st Zampaglione). A disp. Spilabotte, Carta, Celli, , Corsi. All. Sanderra
L’Aquila: Testa, Blaiotta, W.Piccioni, Perfetti, Garaffoni, Ruggiero, Petrella, Carcione, Giglio, G.Piccioni, Battistelli (10’ st Pianese). A disp.Modesti, Marcotullio, Tufo, Volpicelli, Fontana, Alese. All. Ianni
Arbitro: Cangiano di Napoli. Ass. Orlando di Molfetta e Sbrescia di Castellammare di Stabia
Marcatore: 41’ Garaffoni,
Note – Ammoniti: Ruggiero, Jefferson, Berardi, Blaiotta,W.Piccioni. Spettatori 2000 circa

Lascia un commento