Borelli cerca squadra: “A Sezze non ho sentito più nessuno”

Una salvezza arrivata ai playout per il tecnico Giuliano Borelli che aveva preso la Vis Sezze in una situazione disperata. Al momento l’allenatore di Terracina è senza squadra. «Dalla fine della stagione agonistica – dice Giuliano Borelli – Non ho sentito più nessuno del Sezze quindi penso che la società intenda rivolgersi altrove. Peccato, perchè 

Leggi tutto

Una salvezza arrivata ai playout per il tecnico Giuliano Borelli che aveva preso la Vis Sezze in una situazione disperata. Al momento l’allenatore di Terracina è senza squadra. «Dalla fine della stagione agonistica – dice Giuliano Borelli – Non ho sentito più nessuno del Sezze quindi penso che la società intenda rivolgersi altrove. Peccato, perchè avevo iniziato un lavoro proficuo che avrebbe potuto dare nel prossimo campionato dei risultati importanti. Del resto, è giusto che decida chi spende. Questo fa parte del gioco, noi allenatori non possiamo fare più di tanto».

“ITRI?NON SO NULLA” – In questi giorni sta girando una voce di un interessamento della Nuova Itri nei suoi confronti. Cosa c’è di vero? «Non so nulla in proposito. Una voce del genere, comunque, mi fa piacere, perchè la Nuova Itri è una realtà importante. C’è una società sana, il presidente Ialongo conosce molto bene la materia calcio, quello che promette lo mantiene fino alla fine. dalle mie fonti penso che il prossimo allenatore della Nuova Itri sarà Piero Tersigni». Cosa pensa delle altre formazioni pontine? «Il Bassiano punterà sicuramente a un campionato tranquillo, con obiettivi ridimensionati. Per quello che ne so io, il presidente Roberto Campagna è rimasto da solo e più di tanto non può fare. Le due matricole San Michele e Sermoneta invece faranno un bel campionato. Si stanno muovendo bene in sede di campagna acquisti, quando c’è la forza economica, tutto diventa più facile. In questo caso entra in gioco la forza di un allenatore». Cosa si aspetta dal suo futuro calcistico? «Aspetterò con serenità il mio momento. Di solito quando una situazione diventa difficile si fa ricorso a quegli allenatori più esperti che hanno dimostrato qualcosa nel corso degli anni».

Lascia un commento