L’addio di Iannarilli

MAGLIOZZI (Pomigliano-Gaeta 3-1) – Volevo precisare che tutto quello che è stato scritto nella lettera dei giocatori, non corrisponde a realtà e che in settimana seguirà un mio comunicato stampa. Non sono a Pomigliano perchè sostengo che questi giocatori non meritano la mia presenza e sopratutto perchè ero certo della loro prestazione negativa BORELLI (Vis 

Leggi tutto

MAGLIOZZI (Pomigliano-Gaeta 3-1) – Volevo precisare che tutto quello che è stato scritto nella lettera dei giocatori, non corrisponde a realtà e che in settimana seguirà un mio comunicato stampa. Non sono a Pomigliano perchè sostengo che questi giocatori non meritano la mia presenza e sopratutto perchè ero certo della loro prestazione negativa

BORELLI (Vis Sezze Setina-Pontinia 2-0) – Non è stato facile ma ce l’abbiamo fatta, quando sono arrivato la situazione era davvero brutta, in particolare a livello psicologico perchè questo è un gruppo fatto di persone non abituate a combattere per certe posizioni di classifica. Comunque, grazie al lavoro, all’abnegazione e alla volontà di tutti siamo riusciti a venirne fuori. Per quanto riguarda il futuro non ho ancora parlato con la società: adesso ci godiamo questa salvezza e soltanto tra qualche giorno ci ritroveremo per decidere il da farsi

COSIMI (Vis Sezze Setina-Pontinina 2-0) – Purtroppo è andata male, loro hanno fatto qualcosa di più ma penso che due gol di scarto siano troppi. Adesso dobbiamo essere bravi a dimenticare questa sconfitta e ripartire in vista di queste doppia sfida con l’Arce: sappiamo che troveremo un clima molto caldo, ma daremo il cento per cento.

CAMPAGNA (San Michele-Sermoneta 1-0) – Ovviamente sono rammaricato per il risultato finale ma comunque resta una stagione da incorniciare. Ci abbiamo provato in tutte le maniere, di occasioni da gol ne abbiamo create ma non siamo riusciti a concretizzarle: certo se Vecchio non la tocca quella palla saremmo qui a commentare un’altra partita. C’è tanta amarezza ma allo stesso tempo anche soddisfazione per come la squadra ha tenuto il campo. Gare del genere, d’altronde, si possono perdere o vincere a seconda degli episodi, e così è stato: siamo andati sotto su calcio piazzato e non siamo riusciti a rimontare. Non è affatto facile fare gol a questo San Michele, cui va riconosciuto di aver dato più di noi dopo l’espulsione di Gigli. Il futuro? Vedremo, ci sarà tempo per parlarne. In ogni voglio già da ora ringraziare la società, che mi ha dato l’opportunità di allenare una prima squadra e di portarla in Promozione.

DE SANTIS (San Michele-Sermoneta 1-0) – Siamo rammaricati, con l’uomo in più si poteva fare qualcosa di meglio ma una gara secca è una gara secca, basta poco e prende una piega difficile da raddrizzare e così è stato. Nel primo tempo è stata una sorta di partita a scacchi col San Michele: entrambe le squadre pensavano soprattutto a non prenderle, poi nella ripresa è andata come è andata. Quando il San Michele passa in vantaggio è difficilissimo fargli gol: lo avevamo già provato in campionato e ne abbiamo avuto conferma stavolta. A tal proposito vorrei fare i complimenti a loro portiere che è stato davvero eccezionale. Comunque, al di là di tutto, direi che tutta la gente di Sermoneta deve essere orgogliosa di questa squadra, di quello che ha fatto nel corso di tutto l’anno: adesso mi auguro che il loro apporto continui anche il prossimo anno in Promozione.

MORBIDELLI (Bella Farnia-Poli 1-0) – Oggi posso dire con un pizzico di presunzione di saper fare calcio. La giornata di oggi è un traguardo storico per tutti noi. Tra gli alti e bassi che ci sono in una stagione, come in tutte le società, abbiamo dimostrato di saper superare ogni ostacolo con uno spirito di coesione che si è creato tra la squadra e la gente di Bellafarnia. Il prossimo anno saremo ancora qui, sicuramente rinforzeremo un collettivo già competitivo con la riconferma di tutta la rosa, tranne chi ci chiederà di andar via perchè magari quest’anno ha collezionate poche presenze

BARBON (Bella Farnia-Poli 1-0) – E’ una gioia e una soddisfazione immensa per me. Vedere crescere questa squadra dalla terza categoria fino ad arrivare ad oggi è una grande emozione; dopo il gol di Peppe (Di Raimo ndr) è stato dura per me arrivare alla fine. Soffrivo ad ogni azione guardando in modo continuo l’orologio. Quello che riesco a dire in questo momento è grazie a tutti, tutto ciò che c’era da vincere lo abbiamo conquistato. Ora giù a Bellafarnia ci stanno aspettando, sarà una grande festa visto che con noi sta tornando la Coppa Lazio

IANNARILLI (Bella Farnia-Poli 1-0) – La chiave di volta della gara è stata senza dubbio l’espulsione nel primo quarto d’ora di gioco. Lì invece di fare subito cambi, ho arretrato Santini sulla linea dei difensori, giocandomi così i tre cambi nell’arco dei novanta minuti, visto che, c’era anche il rischio dei supplementari. Questa coppa non è di Iannarilli, ma della gente di Bella Farnia che ha permesso con il loro sostegno di farci lavorare nel migliore dei modi portandoci a giocare tutto in questo finale di stagione. Permettemi di ringraziare anche tutto lo staff e in paritcolare il preparatore Paolo Tasciotti che ci ha permesso di arrivare in queste condizioni a giocarci la finale. Ho fatto una scelta a livello di ambizione professionale, è la voglia di mettermi alla prova con categorie superiori, questa è la motivazione per cui lascio il Bella Farnia. Ma se ho questa possibilità è grazie a questa società e a questi ragazzi per la stagione fatta. Purtroppo nel calcio conta solo chi ha buoni uffici e chi porta sponsor. Il sottoscritto, però, ha vinto a livello giovanile, due campionati di Seconda, andando bene in Prima ed ora una Coppa Lazio, quindi penso sia giunto il momento di provare a fare un salto che fino ad oggi non era ancora avvenuto e spero avvenga nonostante il sottoscritto non abbia certo sponsor da portare con sè.

VONA (Bella Farnia-Poli 1-0) – Il cuore mi batteva a duemila, poi al triplice fischio mi sono calmato questa è una giusta ricompensa per un anno pieno di sacrifici grazie al lavoro di tutti dai ragazzi passando per il mister, per arrivare a tutta la dirigenza. La squadra ha mostrato quel carattere che rispecchia l’ideale di gioco del mister, mostrando così un lavoro unanime dove tutti hanno remato dalla stessa parte. L’anno prossimo la promessa che oggi vi posso fare è che continueremo a divertirci facendo divertire il nostro pubblico.

MANCINI (Bella Farnia-Poli 1-0) – Rimanere in dieci dopo appena un quarto d’ora è stata dura. Poteva pesare nella testa e nelle gambe ed abbiamo giocato con il cuore, la grinta e la voglia di tornare all’Adolfo Nalli con la Coppa. La vittoria è di tutti e sono ben felice di poterne far parte con quel gol qualificazione alle semifinali. Per la prossima stagione posso solamente dire che qui a Bellafarnia si sta veramente bene, quindi vediamo cosa succederà, ma la mia intenzione è rimanere qui

TABANELLI (Bella Farnia-Poli 1-0) – Voglio dedicare questo successo a mia moglie Federica che tra qualche giorno mi darà una seconda gioia, ben diversa e più grande di quella provata oggi. Mi riferisco alla nascita di nostro figlio Tommaso.

Lascia un commento