Nuovo Latina, la salvezza liberatoria

La grande paura è passata. Il Nuovo Latina dopo una stagione tribolata tra infortuni e squalifiche, in un girone davvero incerto ed equilibratissimo ha festeggiato la salvezza decisa soltanto negli ultimi novanta minuti. La permanenza matematica in Seconda categoria è arrivata proprio all’ultimo respiro, grazie alla vittoria dell’Aurora Vodice sul Norma. «E’ stato un risultato 

Leggi tutto

La grande paura è passata. Il Nuovo Latina dopo una stagione tribolata tra infortuni e squalifiche, in un girone davvero incerto ed equilibratissimo ha festeggiato la salvezza decisa soltanto negli ultimi novanta minuti. La permanenza matematica in Seconda categoria è arrivata proprio all’ultimo respiro, grazie alla vittoria dell’Aurora Vodice sul Norma. «E’ stato un risultato importante – spiega il diggì Franco Carnevali – perchè una vittoria dei lepini ci avrebbe fatto scivolare in terzultima posizione. Devo dire che nell’ultimo mese si sono verificati dei risultati strani, tutti a sfavore del Nuovo Latina e non riesco a capirne le ragioni. E’ stata una salvezza a mio avviso meritata: a gennaio abbiamo sistemato alcune cose all’interno dello spogliatoio e i risultati sono cominciati a venire. In casa del Nuovo Latina i valori e il rispetto sono le prime regole, chi non le osserva può andare a casa. Di quelli che sono rimasti hanno tutti dato la loro disponibilità nel seguire il nostro programma, questa salvezza vale molto di più di un campionato vinto, perchè è sempre doveroso ricordare che nessuno prende un euro. Abbiamo sofferto veramente ma non abbiamo ceduto a ricatti di nessun genere e adesso siamo veramente felici».

ZARAMELLA, IL VALORE AGGIUNTO – Franco Carnevali porterà dentro il suo cuore questo gruppo, ma c’è un ragazzo in modo particolare che merita una menzione. «E’ così, si tratta di Gianmarco Zaramella un ragazzo che è cresciuto nel nostro vivaio. A dicembre per motivi di studio ha dovuto lasciare il Celano (2° Divisione) c’erano due squadre di serie D che lo avevano contatto, ma il problema era sempre lo stesso. Scherzando gli ho chiesto se poteva darci una mano, visto che abita a dici metri dal campo. Ci ha pensato e mi ha detto subito di sì. Il suo apporto è stato determinante. Si è subito messo a disposizione del tecnico e della squadra, è un ragazzo eccezionale pronto per ritornare e a giocare nelle categorie che gli appartengono. Il tecnico Lallo Orsini? Da parte nostra c’è tutta la disponibilità per una riconferma perchè ha lavorato sempre per il bene del Nuovo Latina».
Paolo Annunziata

Lascia un commento