Orbisaglia: “I nostri ragazzi e i tifosi la marcia in più”

MAIURI (Gaeta-Nardò 3-2) – Abbiamo giocato un’ottima gara nel primo tempo, è stata praticamente perfetta la nostra prestazione perché abbiamo annullato di fatto il gioco del Gaeta, che sappiamo essere uno dei fattori principali, andando anche sul 2-0 dopo pochi minuti – spiega Vincenzo Maiuri – Poi sinceramente non riesco a spiegarmi l’inizio del secondo 

Leggi tutto

MAIURI (Gaeta-Nardò 3-2) – Abbiamo giocato un’ottima gara nel primo tempo, è stata praticamente perfetta la nostra prestazione perché abbiamo annullato di fatto il gioco del Gaeta, che sappiamo essere uno dei fattori principali, andando anche sul 2-0 dopo pochi minuti – spiega Vincenzo Maiuri – Poi sinceramente non riesco a spiegarmi l’inizio del secondo tempo dopo aver fallito altre due palle gol nella prima frazione di gioco. Siamo entrati sul terreno di gioco forse con poca convinzione e il Gaeta ha saputo approfittarne siglando i gol della vittoria. Ho cercato di cambiare qualcosa in corso d’opera ma la squadra non è più riuscita ad essere lucida e determinata in fase di costruzione del gioco

MELCHIONNA (Gaeta-Nardò 3-2) – Siamo partiti male senza ombra di dubbio, poi ho cambiato Errico spostando Ciminari nel suo ruolo naturale, Iozzi in difesa e da lì è cambiata la partita. Già nei minuti finali del primo tempo sentivo che qualcosa sarebbe cambiato. Ai giocatori negli spogliatoi ho detto di giocare con la solita carica agonistica e poi è nato questo secondo tempo di ottima fattura. Bravi i ragazzi, soprattutto i più giovani che si sono fatti trovare pronti. Vivendo lo spogliatoio sapevo che la squadra era in condizione e che avrebbe centrato il passaggio del turno e ora andiamo a Pomigliano con la nostra classica mentalità vincente sperando di recuperare gli assenti.

ARMENI (Vis Aurelia-Borgo Podgora 1-3) – La soddisfazione è enorme perchè nel giro di due anni siamo passati dalla Prima Categoria, peraltro raggiunta dopo una rimonta incredibile, all’Eccellenza. E’ stata dura ma ce l’abbiamo fatta: ad un certo punto sembrava tutto compromesso, ma il gruppo, così come la società, non ha mollato e alla fine, tutti insieme, abbiamo centrato questo traguardo storico per il Podgora. Adesso ci godiamo questa Promozione e al futuro cominceremo a pensare più avanti. Le prospettive sono rosee perchè c’è tutta l’intenzione di fare un grande Podgora anche in Eccellenza. Ma questo è un discorso che va fatto con la società: io posso parlare solo a nome della squadra che da capitano non posso far altro che ringraziare di tutto cuore. Un sentito grazie va anche a Moreno Mancini e a tutti quei giocatori che nel girone di andata hanno fatto parte di questo gruppo straordinario.

ORBISAGLIA (Atletico Cisterna-Virtus Nettuno 1-0) – Grazie a questi ragazzi che sono stati splendidi, ma una citazione speciale e una dedica ai nostri sostenitori. Oggi è il coronamento di un sogno, il giusto epilogo ad uno splendido percorso che abbiamo compiuto sempre con un uomo in più in campo, vale a dire i nostri tifosi. Adesso ci attende la Prima categoria. Un campionato difficilissimo in cui non vorremo essere delle semplici comparse

CAMPAGNOLI (Atletico Cisterna-Virtus Nettuno 1-0) – Per la prima volta questo quartiere ha raggiunto il traguardo della Prima categoria. Ce l’abbiamo fatta grazie al gruppo. Ragazzi uniti dalla passione per il calcio che, senza prendere nemmeno un rimborso, ogni domenica scendono in campo con l’unico scopo di regalare ai nostri tifosi la gioia della vittoria. Il nostro segreto? Essere grandi amici fuori e dentro il campo. Tra alti e bassi siamo e saremo sempre un unico cuore pulsante.

A.GIACOBONE (Atletico Cisterna-Virtus Nettuno 1-0) – In molti dicono che siamo la seconda squadra di Cisterna – commenta Antonello Giacobone – Io dico che per la gente che ogni domenica viene a seguirci in casa e in trasferta noi siamo la prima squadra di questa città. Ieri sera siamo stati fino alle tre di notte a preparare coreografie e striscioni

CAMPAGNA (Lido dei Pini-Sermoneta 0-2) – E’ stato importante trovare il gol a cinque minuti dalla fine del primo tempo e rientrare negli spogliatoi in vantaggio. Poi nella ripresa abbiamo controllato molto bene la gara e trovato il gol della tranquillità. Onore comunque al Lido dei Pini che si è giocato la partita a viso aperto senza regalarci nulla. Adesso ci attende questo spareggio: penso che per il campionato disputato sia da noi che dal San Michele questo sia l’epilogo più giusto.

GIOVANNELLI (Atletico Nettuno-San Michele 1-4) – La stagione è finita come ci eravamo prefissati: sapevamo che era difficile fare sessantasette punti ma non impossibile e devo dire che con l’impegno, il sacrificio e l’abnegazione abbiamo raggiunto questo risultato storico. In tutto questo non dobbiamo assolutamente dimenticare il preziosissimo lavoro fatto dallo staff con cui ho collaborato nel corso dell’anno a partire dal preparatore atletico Andrea Pellicciotta per proseguire col preparatore dei portiere Gianluca Rotolo. Siamo già strafelici di aver centrato il salto in Promozione ma visto che ci stiamo, adesso concentriamoci su quest’ultimo sforzo da fare.

Lascia un commento