Il Calcio Sezze vuole stupire ancora

Lo sport non finisce mai di stupire: ci si può ritrovare a dover varare una squadra intera, per un torneo inedito, ad una manciata di giorni dal via assoluto. Si fanno progetti, si vive di emozioni, passioni e di una bella e sana piccola improvvisazione. La POLISPORTIVA CALCIO SEZZE sta mettendo a segno una delle 

Leggi tutto

Lo sport non finisce mai di stupire: ci si può ritrovare a dover varare una squadra intera, per un torneo inedito, ad una manciata di giorni dal via assoluto. Si fanno progetti, si vive di emozioni, passioni e di una bella e sana piccola improvvisazione. La POLISPORTIVA CALCIO SEZZE sta mettendo a segno una delle più belle avventure calcistiche stagionali, frutto della serietà e costanza di tutti i suoi membri, dal massimo dirigente ai calciatori. Un club al primo anno di Seconda Categoria, e già pieno di stima e affetto di tutti gli appassionati. Uno dei calciatori ‘simbolo’ di un’annata tenace e combattiva è RICCARDO PANICO: difensore roccioso, grintoso ed allo stesso tempo ordinato, pulito e mai sopra le righe. L’infortunio occorsogli pochi giorni fa non gli permetterà di ergere il solito muro a supporto della difesa rossoblu, ma, senz’altro, la sua sagacia sarà utile all’interno dello spogliatoio. Lo abbiamo incontrato, scoprendo una persona affabile, piacevole: vero e proprio esempio di sport e di vita per gli amanti del pallone…

Una squadra costruita con il tempo che nel girone di ritorno viaggia con numeri invidiabili…

« Penso che nessuno a inizio campionato avrebbe pensato di vederci lassù, sui piani alti della classifica, a 2 giornate dalla fine. Siamo partiti non molto bene, essendo una squadra costruita a pochi giorni dall’inizio del campionato; noi però, sempre e fino in fondo, ci abbiamo sempre creduto. E’ stato naturalmente necessari molto sacrificio e grande determinazione così, anche grazie all’aiuto di tutta la società, ci stiamo togliendo molte soddisfazioni. Più è andato avanti il campionato e più noi siamo cresciuti, trasformandoci da gruppo a squadra autentica. Difatti, nel girone di ritorno, abbiamo acquisito più punti di tutte le altre squadre, essendo imbattuti da ben 15 gare. Peccato che manchino solo 2 match alla fine: chissà dove saremmo potuti arrivare ».

Sarà la gara di congedo dal vostro caloroso pubblico…

« Aspettavo con ansia la gara contro il Borgo Grappa per vari motivi: sia per la sconfitta immeritata subita all’andata, sia perché si tratta dell’ultima gara in casa. Tutto ciò a corredo di un finale di stagione straordinario che stiamo portando a termine. Purtroppo però, per un infortunio al ginocchio (40 giorni di stop), sarò costretto a vederla dalla tribuna insieme al nostro meraviglioso pubblico, che ci è stato vicino per tutta la stagione, seguendoci anche in trasferta. Domenica ci sarà una grande festa al campo sportivo “Fontanelle” ed invito tutti a sostenerci ».

Hai accettato l’idea di calarti nella realtà della 2a: come è maturata la decisione e come ti sei ambientato?

« Andare via dall’R11 Latina non è stato facile per me. Lì ci sono persone che sanno fare il calcio: brave, buone e sempre disponibili. Tuttavia, l’idea di tornare nella società dove sono cresciuto è stata più forte e più trascinante di tutto il resto. Quando il presidente Roberto Rossi mi ha chiesto se volevo partecipare a questo bellissimo progetto, non ho saputo dire di no e ho accettato con grande entusiasmo e volontà ».

In campo dimostri spesso e volentieri di avere un’ottima visione d’insieme del match: inclinazione da coach?

« L’idea di allenare in futuro mi affascina moltissimo anche se, per il momento, credo di avere ancora molto da dare sul campo di gioco. Ho già avuto una piccola esperienza da allenatore sempre all’interno della Polisportiva Calcio Sezze con i bambini del nostro club, e ciò mi è piaciuto moltissimo. Nel futuro, chissà: potrei trovarmi a sedere in panca a dare indicazioni a miei calciatori, dando un seguito alla mia attività agonistica».

Progetti futuri?

« Intanto bisogna restare concentrati su questo finale di stagione dove ci giochiamo moltissimo. Al futuro ci penserò a fine stagione, sperando di poter rimanere a lungo nella Polisportiva Calcio Sezze. Vorrei concludere questa intervista con dei ringraziamenti: in primis al nostro presidente Roberto Rossi, che ci ha dato la possibilità di realizzare questo bellissimo progetto; e poi a tutti i nostri dirigenti, con una particolare menzione per Amerigo Marchetti (nostro punto di riferimento per tutta la stagione). Grazie a tutti ».

Tanti auguri di pronta guarigione Rick…

Ago Madonna

Lascia un commento