Ciaramella dice che non è finita

Ultimo treno per la Sa.Ma.Gor per nutrire ancora speranze legate al primo posto. Domenica all’«Ivano Ceccarelli» arriva la capolista di Prima categoria San Michele che vanta quattro punti in più dalla squadra di Gennaro Ciaramella. In mezzo c’è il Sermoneta atteso dalla difficile trasferta di Ardea. Un finale di campionato, dunque, che si sta trasformando 

Leggi tutto

Ultimo treno per la Sa.Ma.Gor per nutrire ancora speranze legate al primo posto. Domenica all’«Ivano Ceccarelli» arriva la capolista di Prima categoria San Michele che vanta quattro punti in più dalla squadra di Gennaro Ciaramella. In mezzo c’è il Sermoneta atteso dalla difficile trasferta di Ardea. Un finale di campionato, dunque, che si sta trasformando in una ‘roulette russa’ tra queste tre formazioni, ma soltanto due saliranno in Promozione.

CIARAMELLA DICE CHE NON E’ FINITA – «L’avevo detto alla vigilia della gara con il Lido dei Pini: dobbiamo soltanto pensare a vincere tutte le partite – afferma il tecnico della Samagor – Non abbiamo altre possibilità. Il San Michele è al comando con grande merito. La condizione fisica e mentale è buona ma dobbiamo mantenerla fino in fondo. Siamo convinti delle nostre possibilità, ce la giocheremo fino all’ultimo respiro. L’ho già detto ai ragazzi che non abbiamo alternative. Bisognerà pensare a vincere ogni partita e fare come i ciclisti, abbassare la testa sul manubrio e arrivare al traguardo. Contro il San Michele è uno scontro diretto che non dobbiamo assolutamente sbagliare».

QUALE SAN MICHELE? – «Troveremo una squadra al completo e che non perde dal 28 gennaio (3-2 con l’Hermada, ndr). Sono in serie positiva da ben 15 turni. Scenderanno in campo decisi a giocare una partita importante perché vorranno chiudere i conti prima dell’ultima giornata, visto che li aspetta una gara difficile in casa dell’Atletico Nettuno che sta lottando per la permanenza nella categoria. La partita la dobbiamo fare noi, quindi servirà cinismo. E bisognerà sfruttare le occasioni che ci capiteranno stando bene attenti a non scoprirci in difesa perché loro, al primo errore, farebbero gol. Giochiamo contro la miglior formazione del girone, dobbiamo rimanere concentrati e tranquilli e giocare come sappiamo».

Paolo Annunziata

Lascia un commento