Il Latina affonda il Brindisi e prenota la festa

Quello che tutta la città stava aspettando e stava sognando da tempo ormai è a pochi metri. Un piccolo passo separa il Latina dal sogno della promozione in Prima divisione per una stagione che per il momento sta facendo di tutto per restare nella storia di questa società. Un’onda di entusiasmo ha infatti accompagnato la 

Leggi tutto

Quello che tutta la città stava aspettando e stava sognando da tempo ormai è a pochi metri. Un piccolo passo separa il Latina dal sogno della promozione in Prima divisione per una stagione che per il momento sta facendo di tutto per restare nella storia di questa società. Un’onda di entusiasmo ha infatti accompagnato la squadra di Sanderra alla sua sedicesima vittoria in campionato, una delle più sofferte. I nerazzurri battono un Brindisi fin troppo coriaceo e progettano la grande festa tra sette giorni a Lamezia.

INIZIO DIFFICILE – Ci sono voluti due calci piazzati però per scardinare la porta di Locatelli perchè la squadra di Rastelli fino allo 0-0 ha provato a reggere l’urto grazie anche al suo estremo difensore. La prima parte però non è stata travolgente come ci si attendeva perchè forse il Latina sembrava scarico dai festeggiamenti di Mugnano e forse un pò appesantito dall’obbligo dei tre punti. A calmare le acque e la mente della truppa di Sanderra però ci ha pensato l’Avellino con la sua pioggia di reti al Partenio contro il Trapani. Con il +4 in tasca i nerazzurri sono riusciti a sbloccare e mettere al sicuro il risultato. Proprio i calci piazzati hanno aperto la gara con la punizione di Giannusa al 12′ neutralizzata a terra da Locatelli. Il Brindisi prova a contenere mentre il Latina tenta qualche timido cross dal fondo. Passata la prima mezz’ora il diesel del Latina comincia a farsi sentire. Al 35′ occasionissima per Polani e Mariniello ma ne esce fuori solo una brutta botta per il difensore. Al 40′ grande conclusione di destro di Tortolano ma Locatelli comincia il suo show tra i pali con un bel tuffo. Il Latina comincia a crescere, sostenuto da una curva in fiamme e portato avanti dalle notizie del Partenio. A pochi minuti dallo scadere ancora Francioni che grida al gol ma stavolta il colpo di testa di Konè esce davvero di un soffio.

SALE LA PRESSIONE – Nella ripresa Sanderra lascia gli stessi undici in campo convinto di poter vincere la partita senza dover stravolgere il suo scacchiere. Al 2′ infatti è subito un colpo di testa di Polani ad impegnare ancora una volta Locatelli. I pontini sono ormai in pieno forcing nella metà campo del Brindisi ed al 5′ protestano per un presunto fallo di Locatelli in uscita su Tortolano. E’ un momento chiave della gara perchè i nerazzurri spingono senza ottenere il gol e tutto questo può far perdere la calma. I padroni di casa però non si perdono d’animo e già al 7′ si rendono ancora pericolosi con una fiondata di Tortolano da 25 metri deviata ancora da Locatelli. Un minuto più tardi è di nuovo Polani a sfiorare la rete ma il vantaggio finalmente arriva al 10′ quando su una punizione a due al limite Farina trova l’angolino alla destra di Locatelli e manda in estasi tutto il Francioni. Una festa incredibile e una pioggia di abbracci, cori e urla per la rete del difensore nerazzurro che sblocca così la gara incanalandola sui binari di casa. Il gol dell’1-0 infatti manda al tappeto il Brindisi che, alle prese con i suoi problemi societari, non ha più la forza di reagire. Al 22′ arriva anche il raddoppio con la solita punizione chirugica di Giannusa ma qualche minuto prima era stato un super Mancosu a sfiorare il gol.

MONOLOGO NERAZZURRO – La padronanza del campo è davvero totale per i ragazzi di Sanderra con i minuti finali che sono tutti per Mancosu, assolutamente tra i giocatori più in forma di questo finale di stagione. Il numero undici locale si invola nuovamente verso l’area pugliese collezionando due dribbling fantastici conclusi con una grande botta respinta da Locatelli. Il centravanti nerazzurro non arriva al gol ma l’attenzione ormai è tutta rivolta verso la curva che accompagna in un modo spettacolare questi ultimi minuti di gara. Al triplice fischio scoppia la festa anche se tra tutti i festeggiamenti c’è un assente giustificato: è Stefano Sanderra che, richiamato anche dalla sua curva, ci ha tenuto a specificare negli spogliatoi: “Manca un solo passo, quando sarà fatto sarò il primo a festeggiare questo miracolo con i nostri tifosi”.

Stefano Scala

IL TABELLINO

LATINA-BRINDISI 2-0

Latina: Martinuzzi, Cafiero, Toscano (30’ st Erba), Tortolano (34’ st Merito), Mariniello, Farina, Koné (28’ st Ruiz), Berardi, Polani, Giannusa, Mancosu. A disp.: Gaudino, Cinelli, Zarineh, Martinez, Ruiz. All.: Sanderra
Brindisi: Locatelli, Camposeo, Fruci, Caravaglio, Taurino, Mottola, Piro (30’ st Morleo), Pollidori, Scarcella (26’ st Gennari), Caputo (5’ st Matarazzo), Maiorino. A disp.: Prisco, Papa, Formuso, Cosi. All.: Rastelli
Arbitro
: Lobina di Cagliari. Assistenti: Vigo di Acireale e Bottegoni di Terni
Marcatori:
11’ st Farina, 25’ st Giannusa
Note
– Ammoniti: Camposeo, Maiorino, Tortolano, Mottola, Ruiz

Lascia un commento