Girone A – Campo Boario al colpo di reni: è Seconda!

CHAPEAU Campo Boario. Proprio sul filo di lana, si decide il girone A del campionato di Terza Categoria. Ha vinto il Campo Boario, alla fine è stata la squadra più forte, più tecnica, più determinata a portare a casa questa preziosissima promozione, che le dà diritto a partecipare al campionato di Seconda Categoria, senza passare, 

Leggi tutto

CHAPEAU Campo Boario. Proprio sul filo di lana, si decide il girone A del campionato di Terza Categoria. Ha vinto il Campo Boario, alla fine è stata la squadra più forte, più tecnica, più determinata a portare a casa questa preziosissima promozione, che le dà diritto a partecipare al campionato di Seconda Categoria, senza passare, ne per i playoff, ne per eventuali domande di ripescaggio. Il Campo Boario ha nel suo organico giocatori di assoluto livello, come Santucci, Mallardo, Costantino, Gargano, Guerra, Caciotti, che alla lunga, hanno fatto la differenza, soprattutto quando è arrivata la primavera, dove sono emersi i valori tecnici.

LA SITUAZIONE FINALE – Mister Banin ha potuto contare su una dirigenza di spessore, che è stata in grado di correggere i difetti della squadra, inserendo nel corso della stagione due giocatori navigati come Santucci e Gargano, e il cambio di passo è stato notevole. Il suo avversario più autorevole è stato il Cos Latina, che è caduto sul filo di lana, proprio, quando doveva moltiplicare le forze, queste probabilmente sono venute a mancare, forse ci voleva quell’esperienza che a volte serve, soprattutto quando nelle partite così delicate, prende il sopravvento l’ansia. Anche se per la verità al Cos Latina, nelle ultime giornate è mancato Kershaw, un giocatore che aveva realizzato molte reti. Alla fine quest’assenza ha pesato tantissimo. Adesso per Libertini e Marco Ciaramella arriva il difficile, arriva la Coppa delle Provincie, bisogna resettare tutto per ripartire, anche se non sarà certamente facile.

I PLAY OFF – Al terzo posto si è piazzato l’R2 Piccarello. Un grande girone di andata ed un pessimo girone di ritorno, hanno precluso alla squadra del presidente Di Matteo e di Tonino Smorgon di vincere il campionato. E’ mancata quella continuità che hanno avuto il Campo Boario e il Cos Latina. Troppi pareggi, hanno condizionato il campionato di Zaninelli e compagni. Il presidente, Ivano Di Matteo, si aspetta molto da questi play off, e intanto si complimenta con il Campo Boario augurandosi che l’anno prossimo ambedue le compagini si ritrovano a giocarsi due nuovi derby, questa volta in Seconda Categoria.
Si decide anche la lotta per il quarto e quinto posto: riescono a qualificarsi Campo di Carne e Roccasecca. Ne fà incredibilmente le spese il Città di Maenza, che aveva chiuso in testa alla classifica il girone di andata. Infatti in questi casi, il regolamento parla chiaro in caso di tre o più squadre in parità di punti: «Si procede preliminarmente alla compilazione della classifica avulsa in base ai criteri stabiliti dal già citato art. 51 delle N.O.I.F.». In base alla classifica avulsa la Virtus Campo di Carne è quarta e il Roccasecca dei Volsci è quinto. Quindi ufficiosamente il Roccasecca affronterà il Real Spigno e la Virtus Campo di Carne la Virtus Scauri. Per l’R2 c’è il Suio e per il Cos c’è la Rinascita Fondi.
CAMPO BOARIO – R2 PICCARELLO 3 -2
Campo Boario
: Gargano, Facco (21’st Carbonari), Costantino (27’st Bruni), Ferrari (27’st Crepaldi), Valle, Nardi, Natella, Arcese (37’st Tomaselli), Santucci, Farelli, Mallardo (15’st Cacciotti). A disp.: Vinci. All.: Banin
R2 Piccarello: Rigon, Frappola, Fridian, Maggiarra, Manzi (23’st Lucarini), Novelli (16’st Titu), Zaninelli (25’st Rotelli), Perroni, Rega, Sarra (36’st Loi), De Cesaris (36’st Testa). A disp.: De Tuzza, Rigoni. All.: Smorgon
Marcatori: 14’pt Zaninelli (R2), 37’pt Farelli (CB), 1’st Costantino (CB), 31’st De Cesaris (R2), 34’st Santucci (CB)
TRIONFA il Campo Boario, che vola in Seconda Categoria, battendo con merito l’R2 Piccarello, approfittando dello scivolone del Cos sul campo del Piave. Alla fine ha vinto la squadra più forte. Il CampoBoario nel finale di campionato ha dimostrato di avere una marcia in più, sicuramente giovandosi di un Santucci, che in primavera, con l’avvicinarsi della bella stagione, ha ritrovato voglia e gol, diventando quel valore aggiunto come era prevedibile. L’atmosfera di festa, condita dalla giusta tensione, con molta gente del quartiere accorsa al campo, per sostenere i ragazzi di Banin, in questa straordinaria chiusura di campionato. La partita era sicuramente una delle più difficili e ostiche della stagione visto l’avversario, l’R2 Piccarello. Nonostante un inizio di partita blando, il Campo Boario, trova la rete con Costantino, ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Al 14’pt Zaninelli, sorprende Gargano e regala l’1-0 all’R2. I ragazzi di Banin osservano increduli, con Zaninelli che per poco non raddoppia. Passano però dieci minuti e Farelli e Santucci, suonano la carica, fallendo alcune buone occasioni, al 37’pt però i locali pareggiano con Farelli, che si fà trovare pronto e realizza il pareggio su assit di Facco. Il primo tempo finisce con l’ammonizione di Santucci per un gol di mano.
L’inizio del secondo tempo, è di marca del Campo Boario che al 1’st realizza il gol del vantaggio con Costantino, che di testa realizza su assist di Santucci, su corner di Mallardo. Il Campo Boario cerca il gol del 3 – 1 con insistenza, ma l’imprecisione e qualche fuorigico fischiato negano a Santucci e Caciotti la sospirata rete della sicurezza. Invece alla mezz’ora arriva la doccia fredda per i locali, visto che De Cesaris vede Gargano fuori dai pali, e lo sorprende con un beffardo pallonetto. E’ il gol del 2-2. Ma la paura dura soltanto quattro minuti. Al 35’st Titu commette fallo su Natella che viene anche ammonito. Il calcio di punizione dalla sinistra dell’area di Santucci, è una parabola che regala il 3-2 decisivo. Continua a cercare la rete della sicurezza il Campo Boario, facendo attenzione ha non commettere errori e colpisce una traversa con Crepaldi al 47’st. Alla fine la festa dei giocatori e sostenitori del Campo Boario, soprattutto dopo che era giunta la notizia del pareggio del Cos Latina, sul campo di Borgo Piave.

Piave – Cos Latina 1 – 1
Piave
: Mazzi, Marangon (35’st Di Viccaro), Lucci, Colantuono (15’st Campanari), Muneretto, Pozzobon P., Guerriero, Salvini, Ciaravino 35’st Gubitosa), Ferrazzi (25’st Lombardi), Pozzobon A. All.: Iavarone
Nuovo Cos Latina: Cipolla, Lo Pinto, Quintavalle, Viscido (15’st Taffuri), Nocella, Fusco (20’st Grando), Leggi (10’st D’Arienzo), Rolando, La Portello (41’st Sciuto), Pregnolato, Natalizia. A disp.: Monti, Bonomo, Di Rubbo. All.: Libertini
Arbitro: Russo di Latina
PROPRIO sul filo di lana, il Cos Latina, vede sfumare il traguardo della promozione diretta in Seconda Categoria. La caduta, forse vittima della tensione e della volontà del Piave, di non essere la scontata vittima sacrificale. Parte subito con veemenza il Cos con Leggi, La Portello e Lo Pinto che falliscono di un niente il gol, poi Rolando costringe Mazzi al miracolo. Il Piave non sta ha guardare, e in contropiede cerca di impensierire Cipolla. Le emozioni salgono, con lo scendere dei minuti, Natalizia fallisce l’ ccasione di sbloccare la gara incredibilmente con il Piave che risponde con Ciaravino. Al 12’st Guerriero viene steso da Rolando; dagli undici metri Ferrazzi non sbaglia. 1-0 per il Piave. Reagisce il Cos, che pareggia al 23’st con D’Arienzo di testa. Gli ospiti si catapultano in attacco per cercare il gol vittoria, ma Sciuto e Rolando falliscono ancora ottime chances.

Roccasecca dei Volsci: Mirandola, Albanese, Falcone, Papi, Menichelli, Bruni, Brusca, Precopio, Reali, Ippoliti, De Marchis. A disp: D’Ascanio, Casale, Cappadocio, Bove, Chieffallo, De Angelis, Giovannelli R. All. Giovannelli.

Vis Terracina: Pensiero, Mandatori, Cacciotti, Cinicarelli, Pannozzi, Mantovani, L’Aurora, pecchia, Ambrifi, De Dimoni, Cristini. A disp.: Grossi, Marzullo, Cicci, Giorgi. All. Galio.
Marcatori:10’pt De Simoni, 40’pt De Marchis, 42’pt Menichelli.
BASTANO due minuti di fuoco per il Roccasecca per assicurasi una vittoria importantissima che proietta la squadra di Giovannelli nei play off. Le reti sono state realizzate da De Simoni per il Terracina De Marchis e Menichelli per il Roccasecca.

Real Sabaudia: Mariano, Giuordano A, Porri, Chessa, Pansera, Martucci, Merangolo, Cannella, Corni, Greco, Campacci. A disp: Donato, Giordano, Eneches, Salamesca, Elmonetto. All.: Bergamo.
Amatori Circeo: Altobelli M, Altobelli D, Di Prospero, Carocci, Cerasoli, Mignardi, Palmerio, Bove, Moro, Bellato, Fortunato. A disp: Maragoni, Cristini, Smith. All. Capponi.
Marcatori: 18’st Moro.
ULTIMA partita di campionato per le due le due formazioni del Circeo. Ha vinto la squadra più forte, ma onore al Real Sabaudia, che anche oggi ha giocato la sua bella partita, perdendo di misura contro un’Amatori Circeo, che ha fatto di tutto per chiudere in bellezza la sua stagione.

Lascia un commento