Continua il tabù Arnale Rosso

Settima sconfitta in casa, due punti raccolti nelle ultime cinque partite. I numeri parlano chiaro: questo Fondi ormai non c’è più con la testa e sembra attendere solo che cali finalmente il sipario su questo stranissimo primo campionato professionistico della sua storia. La sconfitta di oggi va certamente aldilà dei demeriti dei rossoblù, che hanno 

Leggi tutto

Settima sconfitta in casa, due punti raccolti nelle ultime cinque partite. I numeri parlano chiaro: questo Fondi ormai non c’è più con la testa e sembra attendere solo che cali finalmente il sipario su questo stranissimo primo campionato professionistico della sua storia. La sconfitta di oggi va certamente aldilà dei demeriti dei rossoblù, che hanno dovuto fare i conti con la voglia di rivalsa di un Pomezia colpito nell’orgoglio dalle ultime vicende. Ma i tifosi non ci stanno e contestano la squadra ancora una volta.

OTTIMA PARTENZA – Il Fondi parte bene. Dopo tre minuti i rossoblù guadagnano un calcio di punizione dai venticinque metri, sul pallone va Cucciniello che cerca Valerio ben appostato in area. La difesa pometina libera. Ma alla prima, vera occasione, la formazione ospite passa: cross di Marano, Ruscio di testa insacca. Ancora una volta il Fondi si trova a dover inseguire sul proprio campo. All’11’ Vaccaro pesca bene Agostinelli che va in gol, ma il guardalinee annulla per posizione di fuorigioco dello stesso attaccante. Un minuto dopo, azione speculare, stesso esito ma con qualche dubbio in più: Agostinelli sembrava in posizione regolare, ma comunque il tiro era terminato ampiamente a lato. L’occasione più clamorosa per la formazione di Trillini arriva al 16’: gran tiro dalla distanza di Vaccaro, palla che si stampa sulla traversa e che, ricadendo, finisce tra le braccia del portiere Fiumanò. Proprio quando la formazione allenata da Trillini sembra poter reagire, il Pomezia trova il secondo gol al secondo tiro in porta: calcio d’angolo battuto da Marano, batti e ribatti in area, il pallone termina tra i piedi di Mastromattei che calcia a botta sicura. Sembra una punizione eccessiva per la formazione rossoblù, che ha costruito tanto ma senza fortuna. E non è ancora finita: al 31’ azione personale di Virdis che sfodera un rasoterra non irresistibile su cui Cacchioli si avventa in ritardo. Un minuto più tardi, Ruscio prova a replicare di testa, ma stavolta il portiere rossoblù si allunga e respinge in corner. Grande parata, che riscatta parzialmente l’errore commesso poco prima. A questo punto i rossoblù accusano il colpo e rallentano notevolmente la manovra. Al 43’ c’è una grande occasione per gli ospiti: Virdis, solo davanti a Cacchioli, calcia centralmente e consente al portiere di bloccare. Finisce il primo tempo, i tifosi continuano a invocare il nome di Liquidato. Nella ripresa, Trillini si gioca subito il primo cambio: fuori Gaudiano, dentro Pirozzi, mentre Dionisio lascia il posto a Bombara. Il secondo tempo stenta a decollare: il Pomezzia è appagato dai tre gol di vantaggio e il Fondi non sembra avere la forza pero provare almeno ad accorciare le distanze. Al 20’ ci prova Agostinelli su punizione, nulla di fatto. Un minuto dopo Marinucci tenta la giocata in rovesciata, ma la pala termina altissima.

IL GOL DELLA SPERANZA – Al 27’ il Fondi accorcia le distanze: Marigliano, appena entrato in campo, serve un gran pallone ad Agostinelli che mette a segno il gol dell’1-3. Reazione forse troppo tardiva, restano poco più di un quarto d’ora più recupero per le speranze rossoblù. Ma questo Fondi non sembra avere la forza di rincorrere. La gara scivola via senza particolari sussulti, con i tifosi sempre più contrariati.

Alessandra Stefanelli

FONDI – POMEZIA 1-3
Fondi: Cacchioli, Dionisio (1’st Bombara), Di Paola, Gaudiano (1’st Pirozzi), Gambuzza, Valerio, Alleruzzo, Cucciniello (23’st Marigliano), Agostinelli, Vaccaro, Marinucci. A disp.: Mezzacapo, Panella, Pirozzi, Marigliano, Schiavon, Paparello Bombara. All.: Trillini
Pomezia: Fiumanò, Martorelli, Nastasi, Costantini, De Martis, Conson, Coppola, Mastromattei (23’st Piroli), Virdis (17’st Campione), Marano, Ruscio (30’st Fatati). A disp.: Scarzanella, Colantoni, Trobiani, Piroli, Morbidelli, Fatati, Campione. All.: Farris
Arbitro: Brasi di Seregno. Assistenti: Marinelli di Jesi e Serpilli di Ancona
Marcatori: 7’pt Ruscio (P), 22’pt Mastromattei (P), 31’pt Virdis (P), 27’st Agostinelli (F)
Note: Ammoniti Valerio, Alleruzzo, Vaccaro (F). Recuperi 1’ e 3’

Lascia un commento