Aprilia, prima o poi doveva succedere

Prima o poi doveva succedere. La bella favola dell’Aprilia capolista si infrange sulla voglia di playoff della Viterbese che vince in casa per 3-2 e ferma, dopo quattordici turni di imbattibilità, la marcia trionfale dell’undici di Castellucci. Le rondinelle vanno sotto per 3-1 per poi tentare una splendida rimonta che, in pieno recupero, va a 

Leggi tutto

Prima o poi doveva succedere. La bella favola dell’Aprilia capolista si infrange sulla voglia di playoff della Viterbese che vince in casa per 3-2 e ferma, dopo quattordici turni di imbattibilità, la marcia trionfale dell’undici di Castellucci. Le rondinelle vanno sotto per 3-1 per poi tentare una splendida rimonta che, in pieno recupero, va a sbattere sui piedi del difensore Ciafrei che spezza in gola l’urlo di Siclari che fallisce il 3-3 ad un passo dalla porta. L’Aprilia, comunque, rimane in vetta alla classifica, anche se vede assottigliarsi il gap dalle inseguitrici. Il Monterotondo non va oltre il 2-2 casalingo con il Selargius e rimane a -3, mentre il Bacoli vince all’inglese sul Guidonia e, come previsto, si candida come maggiore antagonista delle rondinelle nella rincorsa alla Lega Pro. I campani di mister Carannante si portano a -1, vantaggio che, a tre giornate dal termine, diventa troppo misero per poter dormire sonni tranquilli.

SI CAMBIA IN DIFESA – Per la trasferta di Viterbo Castellucci è costretto a cambiare qualcosa viste le assenze di Pergamena tra i pali (squalificato) e Galluzzo in difesa, out per un risentimento muscolare. Ecco allora Di Maio a difesa della porta e Bianchi, spostato al centro della difesa con Avagliano in posizione di terzino. Nota positiva la convocazione di Gentile, che lentamente sta tornando a disposizione del tecnico campano in vista del rush finale.

BOTTA E RISPOSTA – Partenza ad handicap dei biancoazzurri, che al Rocchi vanno sotto già all’11. Calcio d’angolo, Gay può inserirsi nella difesa immobile apriliana e poi serve al centro dell’area di rigore Federici che di prima intenzione batte a rete trafiggendo l’incolpevole Di Mario. Ma non c’è nemmeno il tempo di esultare che l’Aprilia reagisce con il gol del momentaneo pareggio. Calcio d’angolo dalla sinistra pennellato da Rossini Foderaro svetta più in alto di tutti e fa 1-1.
Ma in questo scoppiettante inizio non c’è tempo di respirare. Al 13’ ecco servito il nuovo vantaggio della Viterbese. Gay, sempre lui, recupera palla a centrocampo e allarga per Federici. Filtrante per Scerratti e cross al centro per l’accorrente Di Matera che da due passi sigla il gol del sorpasso. Con il vantaggio dei padroni di casa la partita si addormenta. L’Aprilia fa poco dalle parti di Grandclement e la Viterbese conduce in porto il primo tempo con il prezioso vantaggio in cassaforte.

DOCCIA FREDDA – Nella ripresa altra doccia fredda per l’Aprilia nei minuti iniziali. Al 2’ azione spettacolare dei gialloblu con Sceratti che fugge via sulla fascia, crossa al centro dell’area dove Di Matera fa velo per l’accorrente Federici che, in corsa, spara a rete il gol del 3-1. Ma c’è tempo per abbozzare un tentativo di rimonta. Lo sa bene Castellucci che spedisce nella mischia Miccichè, Gentile e Di Maio. Ma succede poco, almeno fino ai concitati minuti di recupero. All’89’ Foderaro colpisce in contropiede e poi batte Glanclement con un sontuoso colpo sotto che dà la linfa per l’assalto finale.

FINALE AL CARDIOPALMA – Assalto finale che, come detto, produce un’occasione colossale proprio a qualche istante dal triplice fischio con Siclari che ha la palla buona del pari ma spreca tutto facendosi respingere il tiro scoccato da pochi metri. Nello sviluppo dell’azione arriva il contro-cross di Gentile, intercettato da un difensore con un fallo di mano in area parso evidente che fa andare su tutte le furie la panchina ospite. A farne le spese è il diggì Ermanno Rosina, allontanato dal direttore di gara. Una sconfitta che brucia ma che non deve inficiare sulla splendida corsa dell’Aprilia che potrà reagire già domenica prossima, quando al Quinto Ricci arriverà il Portotorres.

Gianpiero Terenzi

VITERBESE – APRILIA 3-2
Viterbese: Grandclement, Esposito Ma., Esposito Mo., Corral Pinero, Gay, Scoppetta (27’ st Ciafrei), Scerrati (41’ st Zagarella), Sbaccanti, Federici, Di Matera, Lentini (31’ st Marinelli). A disp.: D’Ippolito, Mezzotero, Cadeddu, Marigliano. All.: Sergio
Aprilia: Di Mario, Oliva (13’ st Miccichè), Avagliano, Pietrucci, Bianchi, Rossini (13’ st Gentile), Franzese, Salese, Foderaro, Branicki (22’ st Di Maio), Siclari. A disp: Paris, Esposito V., Fratangeli, Vona. All.: Castellucci
Arbitro: Tordino di Milano
Marcatori: 11’, 2’ st Federici (V), 12’pt, 44’ st Foderaro (A), 13’pt Di Matera (V)
Note – Ammoniti: Sbaccanti (V), Salese (A), Gay (V), Branicki (A), Corral Pinero (V), Franzese (A)

Lascia un commento