Marini insieme ai bambini

IL presidente del Nuovo Latina Davide Marini scende in campo per quanto riguarda il calcio dei bambini. Anche in questa fascia di età cominciano ad arrivare segnali poco confortanti. LE PAROLE DEL PRESIDENTE – «In questo ultimo periodo stiamo assistendo ad episodi diseducativi – dice il presidente del Nuovo Latina – Sia da parte di 

Leggi tutto

IL presidente del Nuovo Latina Davide Marini scende in campo per quanto riguarda il calcio dei bambini. Anche in questa fascia di età cominciano ad arrivare segnali poco confortanti.

LE PAROLE DEL PRESIDENTE – «In questo ultimo periodo stiamo assistendo ad episodi diseducativi – dice il presidente del Nuovo Latina – Sia da parte di coloro che dovrebbero fungere da esempio (genitori, arbitri, allenatori e dirigenti) sia dai ragazzi in campo. I valori basilari dello sport, come aggregazione, rispetto e divertimento stanno passando in secondo piano. Abbiamo avuto modo di leggere quanto accaduto in provincia di Lecco, durante una partita dei Pulcini si è verificata una rissa fra genitori tale da costringere alla sospensione dell’incontro. Si tratta di comportamenti vergognosi – continua il patron – Perché è impensabile predicare buone regole ai ragazzi se poi chi funge loro da esempio adotta comportamenti così anti sportivi. Quanto accaduto dovrebbe aiutarci a riflettere. Anche nella nostra provincia non mancano polemiche e veleni. Come presidente invito tutti i colleghi ad impegnarsi nell’osservare comportamenti civili e rispettosi, reprimendo atti provocatori e irruenti. Noi addetti ai lavori non possiamo fare nulla per insegnare ai genitori come comportarsi durante le partite. E’ invece importante lavorare di più sui ragazzi, insegnando il rispetto dell’avversario, l’onore della sconfitta. Al termine di ogni partita tutti al centro del campo con una sincera stretta di mano, qualunque sia il risultato. Nel pieno spirito dei principi fondamentali dello sport giovanile – chiude Marini – esprimo la mia solidarietà al dirigente Giuseppe Donati il quale non voleva minimamente sindacare la merita posizione in classifica dell’ F.C. Agora e tantomeno essere da monito. Donati invitava le autorità competenti ad effettuare un maggiore controllo sull’osservanza dei comportamenti rispettosi, fondamentali nello sport. Colgo l’occasione per ringraziare la società F. C. Agora perché, pur non essendo dovuto, ci ha contattato per scusarsi di quanto avvenuto».

Paolo Annunziata

Lascia un commento