Borrelli sulla panchina del Sezze: “Un onore”

COME già anticipato è arrivata l’ufficialità: Giuliano Borrelli è il nuovo allenatore della Vis Sezze Setina. A comunicarlo sono stati gli stessi vertici rossoblu che dunque hanno individuato nell’ex tecnico di Vis Terracina e CLC Priverno l’uomo giusto per risollevare le sorti di una squadra in profonda crisi di risultati e ormai quasi a ridosso della 

Leggi tutto

COME già anticipato è arrivata l’ufficialità: Giuliano Borrelli è il nuovo allenatore della Vis Sezze Setina. A comunicarlo sono stati gli stessi vertici rossoblu che dunque hanno individuato nell’ex tecnico di Vis Terracina e CLC Priverno l’uomo giusto per risollevare le sorti di una squadra in profonda crisi di risultati e ormai quasi a ridosso della retrocessione diretta. Mister Borelli, quindi, torna in sella a distanza di poco più di quindici mesi dall’ultima volta, datata 20 dicembre 2009 sulla panchina del Priverno e subentra proprio ad un suo concittadino, Emiliano Del Duca, esonerato nella serata di lunedì.

LE PAROLA DI BORRELLI – Intanto, ieri, Borelli ha diretto il suo primo allenamento in vista dell’esordio in casa del Colleferro: «Sono a dir poco onorato di lavorare in una società che ha la storia del Sezze – sono state le prime parole del neo-tecnico rossoblu – Stiamo parlando di una squadra dal grande blasone e vederla nei bassifondi della classifica è davvero un peccato, soprattutto se si pensa a tutti i buoni propositi che c’erano alla vigilia: sinceramente penso che qualunque allenatore sarebbe entusiasta di lavorare in una piazza importante come questa, quindi non potevo dire di no. Per quanto concerne il campionato posso dire che quello di Promozione lo conosciamo tutti, è assai impegnativo per cui ci sarà da lottare, e non poco, per raggiungere la salvezza. Noi naturalmente lavoreremo sodo per ottenere il massimo e per tentare di evitare i play-out. In otto turni disputeremo ben quattro scontri diretti uno dietro l’altro: contro Bellegra, Paliano e Pontinia giocheremo in casa, mentre solo con l’Arce andremo in trasferta, per cui non c’è dubbio che saremo assolutamente padroni del nostro destino».

Simone D’Arpino

Lascia un commento