Aprilia, un primato da mantenere

UN primato da difendere con il carattere. L’Aprilia di mister Ezio Castellucci torna a giocare al Quinto Ricci dopo il successo di Guidonia che ha consentito alle rondinelle di godersi, per la seconda settimana consecutiva, il primato solitario nel girone G del campionato di serie D. Un traguardo raggiunto a suon di gol e vittorie. 

Leggi tutto

UN primato da difendere con il carattere. L’Aprilia di mister Ezio Castellucci torna a giocare al Quinto Ricci dopo il successo di Guidonia che ha consentito alle rondinelle di godersi, per la seconda settimana consecutiva, il primato solitario nel girone G del campionato di serie D. Un traguardo raggiunto a suon di gol e vittorie. Dodici i risultati utili consecutivi ottenuti dai biancoazzurri che, però, adesso devono cancellare il trend negativo casalingo, dove la vittoria non arriva ormai da quattro partite consecutive.

Per farlo bisognerà battere i sardi del Tavolara. Una formazione che, classifica alla mano, non dovrebbe rappresentare uno scoglio proibitivo per i biancoazzurri, anche se la squadra di Castellucci ha imparato a non sottovalutare le formazioni che vengono al Quinto Ricci per cercare punti vitali per la lotta alla salvezza. E’ con questo spirito che l’Aprilia dovrà affrontare questo delicato testacoda, con un occhio proteso proprio alla terra nuragica, dove l’inseguitrice Monterotondo sarà ospite del Budoni nel tentativo di annullare il punticino che la divide proprio dal club pontino.

La probabile formazione che scenderà sul terreno di gioco sarà formata da: Pergamena tra i pali, linea difensiva composta da Franzese, Galluzzo, Pietrucci e Bianchi. A centrocampo agiranno Fratangeli e Rossini, supportati sugli esterni da Miccichè e Siclari. In avanti la coppia Branicki-Foderaro. Il direttore di gara sarà il signor Vesprini di Macerata. Dopo l’ondata di tifosi biancoazzurri nella trasferta di Guidonia, al Quinto Ricci si prevede il quasi tutto esaurito, per cercare di spingere ancora una volta la squadra alla vittoria.

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento