Il Latina Scalo non ha paura di sognare

Vola il Latina Scalo, la quinta posizione utile per andare in Coppa Lazio è solo a due punti. Nel giro di tre domeniche Andrea Tammaro e compagni hanno   recuperato ben sei punti al Lido dei Pini. Domenica al Tiziano Righetti a cadere è stato l’Hermada che veniva da una lunga serie di risultati utili consecutivi. 

Leggi tutto

Vola il Latina Scalo, la quinta posizione utile per andare in Coppa Lazio è solo a due punti. Nel giro di tre domeniche Andrea Tammaro e compagni hanno   recuperato ben sei punti al Lido dei Pini. Domenica al Tiziano Righetti a cadere è stato l’Hermada che veniva da una lunga serie di risultati utili consecutivi.
Per il tecnico Stefano Galassi ci sono i complimenti da parte di tutta la dirigenza. «La partita l’avevamo preparata bene – dice il tecnico Galassi – C’è stata la mentalità giusta e l’intensità necessaria. La squadra era fortemente motivata: questo è un gruppo eccezionale. I giocatori fisicamente stanno bene, per questo vorrei ringraziare pubblicamente il nostro preparatore atletico, il professor Paolo Tasciotti, si tratta di un vero professionista. Adesso da qui alla fine dovremo conservare questa  convinzione».

COPPA LAZIO – Classifica alla mano il Latina Scalo può puntare ad un posto in Coppa Lazio. Stefano Galassi non pare particolarmente  preoccupato del fatto che se ne possa parlare. «Non ho particolare fastidio a sentire parlare di Coppa Lazio. Perché non è un modo per creare aspettative e  tensioni e nemmeno un obiettivo che se fallito porterà chissà quali scompensi. Sappiamo bene quale era l’obiettivo di questa squadra. Adesso il mio primo pensiero è alla gara di domenica prossima in casa del Sermoneta, in noi brucia ancora la sconfitta dell’andata. Il Sermoneta ha più qualità, la forza di questa squadra non la scopriamo certamente in questo momento, noi ci metteremo di sicuro tanto cuore. Mi auguro che il risultato premi chi giocherà meglio». E così il Latina Scalo dato alla vigilia come squadra di terza fascia si è ritagliato il suo giusto spazio, una squadra compatta che lotta fino al triplice fischio. «Non era  semplice battere l’Hermada – dice Andrea Tammaro – Invece non abbiamo mai sofferto. Lo spirito e soprattutto la condizione fisica è quella giusta per fare bene fino alla fine». C’è il derby in casa del Sermoneta domenica prossima, per Andrea Tammaro è una partita speciale. «Ho trascorso un bel periodo, ho ancora tanti amici. Con Dante de Santis mi sento spesso, c’è grande rispetto. In tutte le società dove sono andata a giocare ho sempre lasciato un buon ricordo perché ho sempre dato il massimo. Andiamo a  Sermoneta per fare la nostra partita senza alcun timore reverenziale. L’obiettivo salvezza è sempre più vicino, questo ci può dare grande tranquillità, per altri obiettivi ne riparleremo nelle prossime settimane». In casa Latina Scalo c’è la giusta tranquillità in attesa del derby con il Sermoneta.

Lascia un commento