La rabbia di De Paris: “Vogliamo essere tutelati”

“Sarebbe un vero peccato vedere vanificati tutti gli sforzi fatti dai ragazzi in questo campionato per colpa di qualche torto arbitrale di troppo”. Questo, in sostanza, lo sfogo di mister David De Paris del Borgo Grappa a cui non è proprio andata giù la sconfitta arrivata su calcio di rigore in casa del San Donato, 

Leggi tutto

“Sarebbe un vero peccato vedere vanificati tutti gli sforzi fatti dai ragazzi in questo campionato per colpa di qualche torto arbitrale di troppo”.

Questo, in sostanza, lo sfogo di mister David De Paris del Borgo Grappa a cui non è proprio andata giù la sconfitta arrivata su calcio di rigore in casa del San Donato, nel delicato derby di domenica scorsa che è costato ai suoi il quarto posto in classifica: “Da tre domeniche a questa parte la mia squadra viene penalizzata. Due settimane fa in casa del Santa Rita sul 2-2 c’era un rigore grande come una casa, a detta stessa dei nostri avversari, che ci avrebbe regalato molto probabilmente la vittoria. Non parliamo poi del match contro il Vallemarina, in cui l’arbitro, dopo il nostro vantaggio, ha fischiato praticamente a senso unico”.

L’EPISODIO DI DOMENICA – “Ma l’apice di tutto – continua il tecnico – che mi costringe a prendere una posizione netta in merito, lo abbiamo raggiunto domenica a San Donato. Un rigore che ha lasciato tutti sbigottiti, ma soprattutto tanti falli duri non ravvisati dal direttore di gara. L’episodio più eclatante in occasione di un durissimo intervento su Pattaro, che ha rimediato tre punti di sutura al ginocchio e che l’arbitro non ha nemmeno sanzionato. In ottanta panchine con il Grappa (che il mister ha festeggiato proprio domenica scorsa ndr) non mi era mai successo di essere espulso come invece successo in questa occasione. Sono andato su tutte le furie e non volevo credere ai miei occhi. Spero proprio che questo mio appello non cada nel vuoto e che la mia squadra inizi a essere tutelata”.

BAGARRE COPPA LAZIO – Una sconfitta che, come detto, ha fatto scivolare il Grappa fuori dal podio dietro allo Sporting Terracina e Fc Agora, raggiunto anche da Calcio Sezze e Sabaudia. Ma non tutto è perduto: “Figuriamoci. Ora che stiamo in alto vogliamo rimanerci possibilmente fino alla fine del campionato. Siamo, a mio avviso, la più grande sorpresa di questo campionato e un plauso va certamente al gruppo che si è formato in questa stagione. Ad ogni allenamento siamo almeno 20-21 elementi come minimo, segno evidente di un’unità di intenti che non c’era mai stata prima. Il terzo posto è lì e vogliamo giocarcelo fino in fondo, possibilmente ad armi pari con tutte le altre formazioni”.

Lascia un commento