Il futuro del calcio passa da qui

Continuano le grandi occasioni di prestigio per il centro sportivo del SS.Pietro&Paolo, sito in via Londra a Latina. Il club, guidato dal presidente Gaetano Naddeo, ha avuto modo di OSPITARE una tappa importante del CORSO di ALLENATORI per la provincia di Latina e Frosinone. L’AIAC (AssoAllenatori) ha, infatti, deciso di scegliere l’impianto dei templari biancorossi per poter far osservare 

Leggi tutto

Continuano le grandi occasioni di prestigio per il centro sportivo del SS.Pietro&Paolo, sito in via Londra a Latina. Il club, guidato dal presidente Gaetano Naddeo, ha avuto modo di OSPITARE una tappa importante del CORSO di ALLENATORI per la provincia di Latina e Frosinone. L’AIAC (AssoAllenatori) ha, infatti, deciso di scegliere l’impianto dei templari biancorossi per poter far osservare da vicino, ai suoi 40 corsisti, le metodologie di insegnamento della ‘Scuola Calcio’ ai baby calciatori. Un grande motivo di orgoglio e soddisfazione per l’intera dirigenza biancorossi, da sempre attenta ad incastrare perfettamente tutti gli aspetti dell’attività sportiva e calcistica in particolare. Ne abbiamo parlato con alcuni dei protagonisti del meeting: da una parte i padroni di casa, GIANFRANCO GIOVANNELLI (segretario SSPP) e SIMONE SCHIAVON (coach Juniores SSPP e corsista); dall’altra il prof MARCO MASTRIPIERI (tecnica calcistica) e ALBERTO PIZZI (presidente AIAC Latina)…

GIANFRANCO GIOVANNELLI (segretario generale SS.Pietro&Paolo): « A nome di tutta la dirigenza Naddeo-Marini, posso asserire di essere davvero felice per la scelta dell’AIAC di considerarci per il meeting di apprendimento sul campo dell’aspetto educativo dell’attività di base. La chance di avere tra noi ben 40 corsisti, con la delegazione dell’AssoAllenatori, permette alla nostra struttura di fare un ulteriore passo in avanti: si tratta di riconoscimenti che, nel corso del tempo, attribuiscono sempre maggior prestigio al nostro frequentatissimo centro sportivo. Negli anni è stato rimodernato, ristrutturato e reso accogliente per manifestazioni del genere. Settore giovanile? Siamo attentissimi da tempo a tutto ciò e l’attestazione di stima del movimento ci ha permesso di comprendere che la nostra intrapresa è quella giusta ».

SIMONE SCHIAVON (coach Juniores SSPP e corsista attivo): « Il nostro corso procede bene. Io e tutti i miei 39 colleghi siamo motivati nel raggiungere il nostro scopo, acquisendo tutti i requisiti e la professionalità necessaria per questo ruolo sportivo e sociale fondamentale nel mondo odierno. La possibilità data al mio club di riferimento di ospitare questo workshop, dedicato alle ‘Scuole Calcio’, senz’altro è motivo di ulteriore orgoglio ».

MARCO MASTRIPIERI (prof di tecnica calcistica). Mastripieri, protagonista attivo della vita calcistica dell’intero movimento (con circa 400 gare tra i prof ed altrettante tra i dilettanti, nella carriera da calciatore), ha deciso di dedicarsi pienamente all’insegnamento. Tra i suoi incarichi più prestigiosi, in particolare, la cattedra universitaria inerenti proprio il football e la partecipazione attiva al gruppo UEFA per lo studio delle metodologie: « Ringrazio prima di tutto il SSPP per aver ospitato questo importante incontro: è la settimana di studio delle ‘Scuola Calcio’ per i nostri 40 corsisti. I nostri coach osservano da vicino gli insegnamenti ai baby calciatori, che rappresentano il futuro del movimento. Certo, fino a poco tempo fa, l’attività di base era vista in un ambito molto meno fluido ed organizzato di come viene svolta oggigiorno. Le finalità fondamentale di ambito sociale, educativo e, naturalmente, sportivo hanno spinto l’intero movimento ad attrezzarsi per permettere al singolo bambino di poter crescere assistito da figure di rilievo professionale molto elevato. Altro aspetto da non sottovalutare è quello psicologico: la possibilità di avere un autentico ‘maestro’di calcio potrà avere ripercussioni positive anche nell’evoluzione della vita del ragazzo stesso. La provincia di Latina? Sì, è un territorio in crescita costante: negli ultimi anni sono stati fatti notevoli passi avanti in questo campo, con club così ben strutturati da potersi permettere traguardi ancora più ambiziosi ».

ALBERTO PIZZI (presidente AIAC Latina): « Il corso si sta svolgendo con grande professionalità di tutti i partecipanti. Siamo davvero soddisfatti e felici che un impianto organizzato come quello del SSPP possa aver ospitato questo importante incontro sulle metodologie di insegnamento nelle ‘Scuola Calcio’. Siamo riusciti a portare con una certa regolarità questi corsi tra Latina e Frosinone. Questo grazie al nostro presidente regionale Alberico Marchesi. Voglio annunciare che sabato 19 febbraio si svolgerà a Ceccano presso il Palazzetto dello Sport un seminario di aggiornamento con credito formativo che darà un punto in più nel curriculum dei tecnici presenti in prospettiva di un corso per allenatori di Seconda Categoria (1a e 2a divisione). Il costo di partecipazione è di 15 Euro per un massimo di 100 partecipanti. L’aggiornamento per ogni allenatore è importante, quindi invito gli allenatori della nostra provincia ad essere presenti nel limite delle loro possibilità. Abbiamo scelto la giornata di sabato proprio per venire incontro ai nostri associati ».

Nota lietissima, sul finale dell’incontro, la presenza di MAURIZIO CARADONNA, noto agente di calciatori, che ha voluto partecipare alla nostra disamina: « Possiamo affermare con certezza che le realtà giovanili sono ormai una presenza costante nel nostro comprensorio e non solo: i ragazzi oggi hanno la possibilità di scegliere in base alle loro reali esigenze. Da parte dei club è affiorato maggior ordine e meticolosità: prima di tutto nel potenziamento delle proprie strutture adibite all’insegnamento di base, poi nella selezione del personale adeguato a questo compito. Non c’è più quell’improvvisazione che, tempo fa, imperava. Club come SSPP, Carso, Agora, NLI, R11 (solo per citarne alcune della ‘city’) fanno delle ‘Scuole Calcio’ un autentico fiore all’occhiello del proprio movimento. Naturalmente non sono affatto da tralasciare taluni altri aspetti, spesso non considerati: da
un punto di vista meramente di ambizione sportiva, la presenza di un club professionistico come il Latina permette, a coloro che dimostrano maggio talento, non dover, un domani, andare a cercar la grande fortuna in club blasonati molto lontani dalle nostre zone: si ha così una società di riferimento, che invoglia ad impegnarsi nel migliore dei modi. Tuttavia, senz’altro, l’aspetto imprescindibile resta comunque la gioia dei bambini (e nostra) nel vederli rincorrersi in campo, nel divertirsi con un pallone tra i piedi ».

Lascia un commento