Terracina, allarme rientrato?

Sembra rientrato l’allarme in casa Terracina. Ieri pomeriggio era previsto il primo allenamento della settimana in vista dell’impegno di campionato di domenica, che vedrà la formazione biancoazzurra impegnata contro l’Anitrella. C’era grande attesa per questo allenamento dopo i fatti accaduti alla fine della gara persa in casa del Monte San Giovanni Campano: le dimissioni del 

Leggi tutto

Sembra rientrato l’allarme in casa Terracina. Ieri pomeriggio era previsto il primo allenamento della settimana in vista dell’impegno di campionato di domenica, che vedrà la formazione biancoazzurra impegnata contro l’Anitrella. C’era grande attesa per questo allenamento dopo i fatti accaduti alla fine della gara persa in casa del Monte San Giovanni Campano: le dimissioni del tecnico Mauro Pernarella e il conseguente annuncio di interruzione di ogni attività da parte della squadra e dell’intero staff tecnico.

ALLENAMENTO REGOLARE – La notizia è che la squadra si è allenata regolarmente e che a dirigere l’allenamento odierno c’era proprio il tecnico dimissionario Mauro Pernarella insieme al suo staff. Lunedì sera si è infatti svolto un summit in cui erano presenti il tecnico, il presidente De Filippis e l’amministratore delegato Fragasso. Alla fine di questa riunione si è optato per un «patto di non belligeranza» a termine: la squadra si è allenata regolarmente e Pernarella ha ripreso dunque il suo posto alla guida della squadra almeno fino a giovedì, data in cui le parti in causa dovranno darsi da fare per trovare un accordo definitivo. Attualmente sono in corso tutte le trattative del caso sia con l’allenatore che con i vari calciatori. Tutti chiedono garanzie, soprattutto economiche, che la società dovrà impegnarsi a fornire entro la data stabilita ieri sera. Nel frattempo squadra e tecnico rispetteranno gli impegni presi ad inizio stagione e si impegneranno regolarmente e seriamente, come sempre, nel loro lavoro. La società, nel frattempo, ha scelto la via del silenzio. Non è stato ancora diffuso alcun comunicato ufficiale riguardo alla situazione attuale ma si è preferito gestire l’incresciosa vicenda lontano dalla ribalta e dai riflettori. Dal canto suo, il tecnico è parso invece piuttosto tranquillo, indice che gli estremi per raggiungere un accordo ci sono tutti. La palla passa adesso alla società, che mai come adesso dovrà impegnarsi al massimo per salvare una nave che rischia di colare a picco.

Alessandra Stefanelli

Lascia un commento