Montello, mister Campo non si arrende

Sconfitta che brucia quella casalinga subita dal Montello contro un pratico San Michele. La classifica, nonostante tutto, vede Francesco Perica e compagni sempre a ridosso delle posizioni che contano. “Chi mi conosce sa molto bene che non parlo mai della classe arbitrale – dice il tecnico Gianluca Campo – Ma contro il San Michele negli 

Leggi tutto

Sconfitta che brucia quella casalinga subita dal Montello contro un pratico San Michele. La classifica, nonostante tutto, vede Francesco Perica e compagni sempre a ridosso delle posizioni che contano. “Chi mi conosce sa molto bene che non parlo mai della classe arbitrale – dice il tecnico Gianluca Campo – Ma contro il San Michele negli atteggiamenti l’arbitro ci è andato sempre contro. Puniva ogni nostro intervento, la partita poi è stata condizionata dal doppio giallo su Omar Alibardi a inizio di secondo tempo. Dall’altra parte un netto fallo di Andrea Mancini su Palmarini che era già stato ammonito non è stato sanzionato come doveva essere fatto. Facciamo tanti sacrifici durante la settimana che vengono vanificati da questi personaggi arroganti e presuntuosi. Anche noi vogliamo il massimo rispetto come giustamente bisogna darlo alla classe arbitrale. Non c’è dialogo, questo fa veramente male”.

ONORE AL SAN MICHELE – Passando ad analizzare la partita. “Onore al San Michele – continua – Della partita mi tengo stretto gli aspetti positivi. Il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto, ma nel calcio vince chi butta dentro il pallone e noi non ci siamo riusciti. Prendiamo atto di questo, ma sin dalla prossima gara voglio vedere una squadra affamata di punti e di vittorie”.

CI CREDIAMO ANCORA – Quindi si punta ancora ai posti importanti? «Perché no, mancano ancora 17 partite e tutto può ancora succedere, chi avrebbe immaginato la sconfitta del Sermoneta a Tor San Lorenzo? A me piace pensare solo al mio Montello, conosco la forza di questo gruppo, crediamo fortemente di poter arrivare il più lontano possibile. Ho la fortuna di allenare uno dei gruppi più belli della mia gestione, meritiamo un’altra classifica per la grande professionalità di questi ragazzi e di una società che ci è sempre più vicina».

Lascia un commento