Tre punti e Latina campione d’inverno

Una vittoria che vale il titolo di campione d’inverno ed il Latina continua a volare in classifica. Il 2-1 che piega la volenterosa Vigor Lamezia vale l’ennesima iniezione di morale per una squadra che continua a dettare legge nel campionato di Lega Pro. Continua a farlo con la grinta e con l’umiltà che sta trasmettendo 

Leggi tutto

Una vittoria che vale il titolo di campione d’inverno ed il Latina continua a volare in classifica. Il 2-1 che piega la volenterosa Vigor Lamezia vale l’ennesima iniezione di morale per una squadra che continua a dettare legge nel campionato di Lega Pro. Continua a farlo con la grinta e con l’umiltà che sta trasmettendo Stefano Sanderra, vero artefice di questo primato. Contro la Vigor forse è una delle gare più sofferte viste al Francioni perchè i ragazzi di Massimo Costantino vendono cara la pelle. Stavolta il match winner si chiama Claudio Cafiero che alla mezz’ora della ripresa mette dentro il pallone del 2-1.

AVVIO SCOPPIETTANTE – I primi minuti di gioco sono un via vai assoluto di azioni pericolose. Il via lo dà il Latina nel migliore dei modi. Al 5′ infatti da fallo laterale Toscano pesca Martinez in area, l’argentino trova spazio per il suo diagonale e batte Forte. Un vantaggio che può far pensare subito ad un monologo nerazzurro ma la Vigor Lamezia risponde in grande stile. Al 13′ scambio delizioso sulla sinistra tra Giuffrida e Rondinelli che porta quest’ultimo a crossare in mezzo dalla sinistra, in area De Luca è tutto solo e mette la palla dentro. Il pareggio cancella così i 13 minuti iniziali di gioco dando la possibilità agli ospiti di riogranizzarsi e non commettere gli errori iniziali. Tortolano prova ad impensierire Forte senza avere fortuna così al 24′ la palla gol è ancora per i biancoverdi con Lattanzio ma Martinuzzi è super. La Vigor ha ancora qualche bel contropiede da sfruttare ma la difesa nerazzurra risolve come può

RIPRESA NERAZZURRA – Se nei primi 45 minuti la Vigor si è fatta sentire in ogni parte del campo l’intervallo carica il Latina. Dopo un solo minuto il solito grande Giannusa impegna su punizione Forte costringendolo alla deviazione in angolo. Su calcio piazzato ci prova anche Tortolano ma il fenomeno nerazzurro non sembra nella sua giornata migliore. Passano i minuti ed i nerazzurri conquistano metro su metro il campo ma senza centrare lo specchio della porta. Al 17′ però funambolica azione sulla destra di Cafiero che pesca in mezzo Polani su cui Forte è superlativo salvando con il piede. Sembra un 1-1 obbligato questo per i nerazzurri ma al 29′ sull’ennesima gran palla di Giannusa per Cafiero che in mezzo l’area di rigore colpisce di testa e manda in delirio il Francioni mettendo la palla sotto il sette. Una rete che libera squadra e pubblico lasciando così gli ultimi 15 minuti in un timidissimo assalto dei calabresi.

Stefano Scala

LATINA-VIGOR LAMEZIA 2-1
Latina: Martinuzzi, Cafiero, Toscano, Tortolano, Mariniello, Farina, Ruiz (37’ st Merito), Koné (15’ st Ricciardi), Polani, Giannusa, Martinez (21’ st Cinelli). A disp.: Gaudino, Gasperini, Tirelli, Mancosu. All.: Sanderra
Vigor Lamezia: Forte, Trovato, Mercurio, Giuffrida, Sinicropi, Parisi, Potestio (45’ st Cristiano), Rondinelli (30’ st Scalese), De Luca, Paonessa, Lattanzio. A disp.: Quarta, Scalise, Caffarelli, De Sensi, Tozzi. All.: Costantino
Arbitro: D’Angelo di Ascoli Piceno. Assistenti: Balzano di Cagliari e Raparelli di Albano
Marcatori: 5’ Martinez, 12’ De Luca, 29’ st Cafiero
Note – Ammoniti: Tortolano, Mariniello, De Luca, Sinicropi, Potestio, Paonessa, Ricciardi

GIANNUSA GRANDE ANCHE SENZA BERARDI, FARINA SALVA TUTTO NEL FINALE

MARTINUZZI 6,5: Poche volte deve intervenire ma quando lo fa è sempre attentissimo. Grande l’intervento al 24′ del primo tempo su Lattanzio

CAFIERO 6,5: Al suo rientro si fa trovare voglioso come sempre e decisivo come non mai. Nella ripresa le occasioni più pericolose portano la sua firma. Prima una grande serpentina sulla destra e l’assist per Polani e poi il gol vittoria

TOSCANO 6: Ancorato nella propria metà campo per tutto l’incontro, il fallo laterale da cui nasce l’1-0 è battuto da lui

TORTOLANO 5,5: Non è il solito trottolino che fa impazzire il pubblico di Latina. Il Francioni lo applaude ad ogni pallone toccato ma stavolta non va oltre qualche conclusione facilmente bloccata da Forte

MARINIELLO 6: Stavolta non è il re dei colpi di testa perchè gli attaccanti avversari anche sulle palle alte danno filo da torcere al capitano nerazzurro. Resta una partita molto attenta con poche concessioni agli avversari

FARINA 6,5: Oltre a quello detto su Mariniello c’è da aggiungere un recupero nel finale che poteva costare caro al Latina

RUIZ 5,5: A destra ha troppa facilità nell’accentrarsi così Sanderra lo inverte di ruolo con Tortolano. Certamente il terreno del Francioni non facilita le giocate del numero sette nerazzurro che ci mette comunque tantissimo impegno (37’st Merito sv)

KONE’ 5: Senza Berardi era la sua grande occasione ma già dai primi minuti dimostra di essere spaesato in mezzo al campo. Tocca pochi palloni e male, si vede che ha pochi minuti nelle gambe. Sanderra lo sostituisce ma lo aspetta per il girone di ritorno (15’st Ricciardi 6,5)

POLANI 6: Lotta come sempre su tutti i palloni che arrivano dalle sue parti. Stavolta si ritaglia un numero minore di occasioni ma l’unica che ha nella ripresa poteva essere letale

GIANNUSA 7: Privo del suo compagno di reparto Berardi poteva sembrare spaesato ma il giocatore siciliano si rende protagonista nelle azioni principali dei nerazzurri. Sia da fermo con i suoi soliti calci piazzati letali che in movimento con lanci spettacolari anche di destro che non è il suo piede ideale

MARTINEZ 6,5: Al primo pallone giocabile la mette dentro e questo basterebbe per meritarsi gli applausi. Su ogni palla poi cerca sempre la giocata migliore nelle maglie della difesa calabrese. A volte è lasciato troppo solo a volte è marcato con grande attenzione dai suoi avversari (21’st Cinelli 5,5)

Lascia un commento