Alimentazione e prestazione sportiva

Carboidrati, grassi, proteine, vitamine, minerali e acqua sono componenti essenziali della dieta. Carboidrati, grassi e proteine vengono detti nutrienti energetici, poichè vengono usati come alimenti combustibili nel corso del metabolismo. I carboidrati possono essere semplici(monosaccaridi) quali il glucosio e il fruttosio, duplici(disaccaridi) quali il saccarosio, e complessi(polisaccaridi) quali l’ amido e il glicogeno. Essi vengono 

Leggi tutto

Carboidrati, grassi, proteine, vitamine, minerali e acqua sono componenti essenziali della dieta. Carboidrati, grassi e proteine vengono detti nutrienti energetici, poichè vengono usati come alimenti combustibili nel corso del metabolismo.
I carboidrati possono essere semplici(monosaccaridi) quali il glucosio e il fruttosio, duplici(disaccaridi) quali il saccarosio, e complessi(polisaccaridi) quali l’ amido e il glicogeno. Essi vengono immagazzinati nei muscoli e nel fegato sotto forma di glicogeno, e sono presenti nel sangue sotto forma di glicoso. Glicogeno e glicoso ematico costituiscono le due forme di combustibile di origine alimentare.

L’IMPORTANZA DI GRASSI E PROTEINE… – I grassi sono presenti nel nostro organismo sotto forma di trigliceridi, di fosfolipidi e di colesterolo. I trigliceridi vengono immagazzinati nei muscoli scheletrici. Le proteine non vengono, normalmente, usati come combustibile. Esse sono costituite da aminoacidi combinati tra loro, e svolgono la funzione di pietre costruttive della struttura dei tessuti corporei. Nel nostro organismo sono presenti 22 diversi aminoacidi, 9 dei quali vengono detti essenziali. Questi non possono essere sintetizzati dall’ organismo, di conseguenza, la loro unica fonte si trova nella dieta. Contrariamente a quello che si dice, il fabbisogno proteico durante esercizio pesante ed allenamento intenso non aumenta in misura significativa nei soggetti adulti.

… E DELLE VITAMINE – Le vitamine sono componenti essenziali di molecole enzimatiche, aventi importanza fondamentale per il metabolismo dei grassi e dei carboidrati. Nondimeno l’ aggiunta di supplementi vitaminici al di sopra del fabbisogno minimo quotidiano non avvantaggia la prestazione di esercizio. Oggi le deficienze di nutrienti minerali sono rare. L’unico di questi è il ferro per alcune donne atlete.

DIFFERENZE NELLA NUTRIZIONE DEGLI ATLETI – La piu cospicua differenza tra atleta e non atleta, nei riguardi dei fabbisogni alimentari, consiste nel numero complessivo di calorie da assumere; il primo ne avrà ne avrà bisogno in quantità maggiore. I cibi dovranno essere scelti ogni giorno attingendo ai seguienti gruppi alimentari:1) latte, 2) carni, 3) cereali, 4) frutta e verdura. Gli atleti che richiedono un grande introito calorico quotidiano possono aver bisogno di consumare 5 o 6 pasti al giorno.

IL PASTO PRE-GARA – Il costituente del pasto pre-gara deve essere rappresentato dai carboidrati; questo pasto deve includere anche frutta, verdure cotte e pesce. Grossi quantitativi di zucchero, in forma disciolta o compresse, devono esssere evitati durante i 30-45 minuti precedenti la gara. In effetti, tali quantitativi fanno si che si renda disponibile meno glicoso ematico e provocano una più precoce deplezione delle riserve di glicogeno muscolare. a ciò consegue una piu rapida comparsa della fatica.

E DURANTE LO SFORZO? – Durante l’esercizio di resistenza prolungato deve essere sorbita una certa quantità di soluzione di glicoso, che previene l’abbassamento dei livelli di glicogeno ematico e la disidratazione, allontanando cosi l’ insorgenza della fatica. Durante l’ esercizio di resistenza è raccomandabile l’ assunzione di acqua, ma questa non deve superare gli 800ml per ora, dacchè tale quantitativo corrisponde alla medesima portata con la quale lo stomaco può svuotarsi di essa durante esercizio.

Andrea Pellicciotta

(per maggiori chiarimenti contattare Andrea Pellicciotta al numero 3476853642 o all’indirizzo e-mail pellicciottaandrea@hotmail.com)

Lascia un commento