Vigor Cisterna, battesimo da ricordare (On line le pagelle)

La festa è tutta dei 1500 che hanno affollato gli spalti del nuovo «Bartolani». A regalargliela è Juan Garat, che con la sua perla, al 40’ del primo tempo, mette il suggello ad una giornata cha sarà ricordata a lungo in casa biancoceleste. Dopo 13 anni si torna a casa, e ad accogliere l’undici di 

Leggi tutto

La festa è tutta dei 1500 che hanno affollato gli spalti del nuovo «Bartolani». A regalargliela è Juan Garat, che con la sua perla, al 40’ del primo tempo, mette il suggello ad una giornata cha sarà ricordata a lungo in casa biancoceleste. Dopo 13 anni si torna a casa, e ad accogliere l’undici di Maurizio Promutico contro il Roccasecca è il caldo abbraccio del pubblico di casa, che, nonostante una fastidiosa pioggia battente ed il freddo, ha reso memorabile il pomeriggio della Vigor Cisterna.

IL CALORE DEL PUBBLICO – Finisce 1-0, ma il risultato è bugiardo per quello che il Cisterna ha fatto vedere nel corso di 90’ giocati su altissimi livelli. Accoglienza da brividi per l’undici di casa che entra in campo tra cori, striscioni, fumogeni e coreografie che hanno riportato la memoria ai tempi della grande Pro Cisterna. Tornando ai fatti del campo, Promutico, nello stilare l’undici titolare, deve fare i conti con le assenze. Fuori Arduini, Venerelli e Frattarelli per squalifica, dentro Sagramola, in avanti, sostenuto da Fiorillo, Garat e Marseglia. A centrocampo la coppia Frasca-Chiaraviglio a schermo della difesa formata da Arena e Borrino (al centro), Chiarucci sulla destra e Iommazzo a sinistra.

VIGOR SUBITO FORTE – La Vigor mette subito in chiaro quali sono le sue intenzioni. Al 4′ discesa sulla sinistra di Iommazzo che supera Montevitoli e mette al centro un cross basso per Garat che anticipa il proprio marcatore e di piatto indirizza in rete trovando però il riflesso di Diafani. Il Roccasecca si vede solo al 15’ con un innocuo tiro centrale di Gatti bloccato da Leone. Solo un lampo, visto che la Vigor ricomincia a macinare gioco. Al 17’ Fiorillo mette al centro, Bonira spazza maldestramente l’area e per un soffio non devia la palla nella propria porta. Due minuti dopo è ancora lo scatenato Fiorillo a scendere sulla sinistra, accentrarsi e sparare a rete trovando la stupenda risposta di Diafani. Al 24’ brivido per la Vigor. A darglielo è Lombardi, che per pochi centimetri non ribadisce in rete un cross dalla destra da buona posizione. Ma nel finale di tempo sale la pressione dei padroni di casa.

PERLA DI GARAT – Al 37’ Chiaraviglio prova di testa su cross di Fiorillo, mentre, tre minuti dopo, è tempo del capolavoro di Garat. L’argentino prende palla da 45 metri, punta la porta, salta Zonfrilli con un doppio passo e poi arriva al limite dell’area. Dribbling a rientrare eludendo la marcatura di D’Aguanno e sinistro prepotente che batte Diafani sul primo palo: il Bartolani esplode. Sulle ali dell’entusiasmo il Cisterna prova a chiudere il conto. Fiorillo, scatenato, fa fuori Montemitoli e di destro spara a rete trovando ancora un super Diafani.

RISULTATO CHE STA STRETTO – Nella ripresa il copione non cambia. Pronti via, tacco di Sagramola a smarcare Marseglia che da destra mette al centro sbagliando però la misura del cross. Poco dopo Frasca fa tutto solo e da 25 metri prova un fendente che termina di poco fuori. Poi è ancora Garat pericoloso. Prima spreca un bel cross di Fiorillo, spedendo alto di testa da ottima posizione. Poi, per due volte, lo stesso Garat non trova la porta da dentro l’area. Il Cisterna meriterebbe il raddoppio, ma ancora Diafani si supera su un siluro di Fiorillo su punizione da 45 metri che fa la barba al palo. La Vigor non rischierà più fino alla fine…che la festa abbia inizio!

LE PAGELLE:

LEONE: Il Roccasecca arriva dalle sue parti in pochissime occasioni. Lui si fa trovare pronto con ottime uscite a terra e parando una conclusione di Lombardi da distanza ravvicinata nel primo tempo, segno della concentrazione e della voglia di dare il suo apporto in un match così importante. Voto: 6 Leone… in gabbia

CHIARUCCI: Promutico fa spingere tantissimo i due terzini. Come da manuale del calcio Chiarucci e Iommazzo si alternano nelle scorribande offensive. Nel caso del primo, però, spesso manca quella lucidità che permetterebbe maggiore pericolosità. Voto 6: Soldatino

BORRINO: Con il solo Gatti (per altro nemmeno quelle delle giornate migliori) lì davanti, il Roccasecca è poca cosa. Per Borrino è un gioco da ragazzi annullare le sortite offensive dei ciociari. Ecco allora che più che con i piedi, il difensore, gioca con le urla con le quali dirige alla grande le azioni dei suoi. Voto 6,5: Condottiero

FRASCA: Il Cisterna vince la partita a centrocampo. Merito di Frasca, il capitano. Corsa, polmoni e fosforo per una mediana che non perde un colpo e da subito prende in mano le redini della manovra. Voto 6,5: Guastatore

MARSEGLIA: Meglio nella fase difensiva che in quella offensiva, ovvero quella per cui Promutico lo chiama in campo. Sbaglia un paio di appoggi elementari in posizione pericolosa e soffre probabilmente il campo pesante. Voto 5,5: Polveri bagnate

ARENA: Per lui vale il discorso fatto per il suo compagno di reparto. Poco lavoro ma molta sostanza. Non sbaglia nulla e non disdegna ottimi lanci di piede ad imbeccare le punte. Voto 6: Scolaretto

IOMMAZZO: Macina chilometri sulla fascia di competenza sovrapponendosi più volte a sinistra. Non manca nemmeno la concretezza con ottimi cross al centro che dimostrano una lucidità formidabile. Voto 7: Galaxy Express

CHIARAVIGLIO: Puntuale nelle chiusure, sempre pericoloso nelle incursioni offensive. Offre un paio di assist al bacio che Garat, nel secondo tempo, non concretizza. Un mastino sì, ma anche con ottimi piedi. Voto: 6,5 El Gaucho

SAGRAMOLA: Si batte e si sbatte come un ossesso nel tentativo di crearsi spazi in avanti. Non è facile come unico terminale offensivo dell’undici di Promutico, soprattutto vista la giovane età. Tocca pochi palloni, ma non può fare di più. Voto: 5,5 Lottatore

GARAT: Decide l’incontro con una perla di rara bellezza. Doppio passo, poi dribbling a rientrare e sinistro sotto il sette. Applausi a scena aperta per l’argentino che, però, ha la pecca di non chiudere l’incontro quando può nella ripresa. Voto 7: El Tanguero

FIORILLO: Di fronte a lui c’è Montemitoli, non c’erto l’ultimo arrivato in Eccellenza. Ma il terzino ciociaro viene letterlamente umiliato da “Mimmo” che lo salta con una sistemicità disarmante. Solo un grande Diafani gli nega due gol che l’avrebbero proiettato nella storia del Cisterna in un giorno così. Voto 7,5: Imprendibile

PROMUTICO: Senza Venerelli, Arduini e Frattarelli non ha nessuna paura nello spedire nella mischia Sagramola in avanti. Nel giorno più importante, il suo Cisterna gioca a memoria mettendo in scena una partita quasi perfetta. Voto 7: Profeta in patria

VIGOR CISTERNA – ROCCASECCA 1-0
Vigor Cisterna
: Leone, Chiarucci, Borrino, Frasca, Marseglia (23’st Onorato), Arena, Iommazzo, Chiaraviglio, Sagramola (42’st Guarriglia), Garat (39’st Favano), Fiorillo. A disp.: Marino, Favano, Onorato, Magni, Mercuri, Di Camillo, Guarriglia. All.: Promutico
Roccasecca: Diafani, Ricci, Montevitoli (33’st Cioffi), Zonfrilli, D’Aguanno, Bonira, Lombardi, Grassi, Gatti, Perrotti (19’st Argentino) , Umani (11’st Vittorelli). A disp.: Conte, Mancone, Cambone, Cioffi, Argentino, Marsella. All.: Riccio
Arbitro: Marchetti di Ostia
Marcatori: 40′ pt Garat
Note – Ammoniti: Garat, Frasca, Gatti, Vittorelli
Gianpiero Terenzi

Lascia un commento