San Pietro e Paolo, la “fabbrica dei sogni”

Per chi nel lavoro, & nei pensieri, ha sempre messo in primo piano la centralità dell’uomo & ha come temi ricorrenti la solidarietà & le origini, il SS.PIETRO&PAOLO deve essere una gran bella storia. Avrebbe potuto scriverla & dirigerla un grande regista: il mestiere del calcio, una squadra che nasce da un quartiere & si 

Leggi tutto

Per chi nel lavoro, & nei pensieri, ha sempre messo in primo piano la centralità dell’uomo & ha come temi ricorrenti la solidarietà & le origini, il SS.PIETRO&PAOLO deve essere una gran bella storia. Avrebbe potuto scriverla & dirigerla un grande regista: il mestiere del calcio, una squadra che nasce da un quartiere & si afferma con la forza del gruppo & l’essenza del gioco, in un viaggio tra radici comuni, sport & valori.

NON E’ SUCCESSO NIENTE – « Calma, non è successo niente: dico così ai miei calciatori. » assicura GAETANO NADDEO, presidente del SSPP che inizia la sua giornata rispondendo alle domande dei nostri microfoni, semplicemente perché « Qui non è davvero successo niente ». Il solito basso profilo del SS.Pietro&Paolo, direte. « No, è realtà. – asserisce il presidente, sempre molto chiaro con noi, che siamo tra i tanti innamorati del fenomeno SSPP – Sono solo poche partite; pochi anni fa giocavamo insieme a delle piccole realtà locali; ora abbiamo addirittura avuto l’onore di affrontare club con un passato tra i prof » osserva il presidente, che poi sposta il tiro sui giocatori. « Qui abbiamo gente che capisce la nostra realtà & sa che se ha voglia, avrà sempre la possibilità di giocare & far bene. Noi mettiamo a disposizione i nostri strumenti, poi tocca a loro investire sul campo per il presente & il futuro ». In ogni caso, lui non perde certo la testa. Un po’ perché è fatto così, un po’ perché, in fondo, “se vuoi essere SSPP, non puoi montarti la testa”. Parole che ripete ogni giorno alle sue selezioni, che tante soddisfazioni stanno portando.

GIOVANNELLI, LA STORIA – Gli fa eco GIANFRANCO GIOVANNELLI, storico segretario & factotum della realtà pietropaolina di via Londra: « Il nostro è un club fatto di amici, come nello spirito mediante il quale lo fondammo nel 1989, anno importante, anno di grandi stravolgimenti & coinvolgimenti calcistici & mondiali. Noi ci identifichiamo nel quartiere, coi valori di una piccola comunità: solidarietà, voglia di fare, unità & serenità nel vivere la sfide & nell’ accettare la sconfitta. La nostra è una realtà che sa di favola e non c’è niente di meglio al mondo di una favola che diventa realtà. Sempre senza prenderci troppo sul serio ».

SCHIAVON-IANNOTTI, STILE SSPP – Già, i coach, quelli che hanno la responsabilità delle scelte sul campo: & loro hanno già capito tutto. Arriva SIMONE SCHIAVON, guida della straordinaria Juniores: « La classifica? Sì, siamo in testa al nostro primo anno di campionato regionale, ma io la guardo solo per capire quanto punti mancano alla nostra salvezza. Noi qui non ci illudiamo, non cambiano certo i nostri obiettivi & la nostra filosofia. Qui c’è tutto per lavorare bene: società, ambiente, clima, gruppo. Il merito è di tutti, ma l’unica cosa che possiamo fare è continuare a lavorare così. Poi quello che verrà in più, sarà ben accetto».

LA SODDISFAZIONE DEL MISTER – Interviene anche coach SALVATORE IANNOTTI, artefice dei successi della prima squadra, al primo anno di Promozione: « Quando siamo stati ripescati, pensavamo a come avremmo smaltito l’impatto con una dimensione inedita, non certo a tutto questo. Invece in modo naturale & sereno, abbiamo costruito qualcosa d’importante. E spesso ripeto ai ragazzi quanto siamo stati fortunati a trovarci tutti insieme, a far parte di un intreccio perfetto. Stiamo vivendo un momento magico. Siamo a ridosso delle prime & superfavorite? Siamo felici dei complimenti, ma pensieri diversi non fanno per noi. Le grandi magari stentano perché devono ancora carburare: prima o poi torneranno al loro posto. Noi? Cercheremo di continuare a giocare come vorremmo che ci vedessero giocare ». Dunque il SS.PIETRO&PAOLO è un esempio su come gestire la società & sull’impegno di fair play & correttezza, il simbolo di uno sport brillante & pulito. Una splendida eresia & una straordinaria eccezione di un calcio che pensa più ad aver successo che a costruire…

di Agostino Madonna

Lascia un commento