Latina Scalo, serenità e consapevolezza nei propri mezzi, ma…

,Nessun muso lungo, ma gran voglia di continuare la linea tracciata: questo è l’imperativo in casa LATINA SCALO CIMIL, a margine del match perso con il Sermoneta. Abbiamo raggiunto il presidente MAURIZIO PALOMBO: “ll nostro stile e la nostra tradizione ci hanno sempre contraddistinto nell’evitare sterili commenti e opinioni sulle decisioni arbitrali. Tuttavia non posso 

Leggi tutto

,Nessun muso lungo, ma gran voglia di continuare la linea tracciata: questo è l’imperativo in casa LATINA SCALO CIMIL, a margine del match perso con il Sermoneta. Abbiamo raggiunto il presidente

MAURIZIO PALOMBO: “ll nostro stile e la nostra tradizione ci hanno sempre contraddistinto nell’evitare sterili commenti e opinioni sulle decisioni arbitrali. Tuttavia non posso esimermi, in qualità di massimo rappresentante del club che presiedo, di notare una certa linea di condotta alquanto “strana” da parte dell’intera classe arbitrale.Una partita di calcio, sia essa anche un match sentito come un derby, non può essere affatto condizionata da decisioni arbitrali al limite della fattibilità: siamo davvero stanchi di subire angherie calcistiche ogni weekend, che finiscono per vanificare l’intera preparazione settimanale. Sono situazioni che ci lasciano alquanto sconcertati e amareggiati: stiamo portando avanti un progetto serio, consapevole e ben strutturato. Comunque posso affermare che, nonostante tutto e tutti, andremo avanti per la nostra strada: mai come quest’anno il gruppo è unito, compatto e desideroso di ben figurare. Abbiamo scelto attentamente tutte le pedine del nostro scacchiere e, francamente, domenica l’atteggiamento dei nostri ragazzi e del nostro coach, Stefano Galassi, mi ha reso davvero ORGOGLIOSO di essere il leader di un collettivo sempre più speciale. Il Latina Scalo c’è e venderà cara la pelle con quello che la contraddistingue: serenità, serietà, pazienza & dedizione “.

IL DIESSE FIASCHETTI – Gli fa eco il ds TULLIO FIASCHETTI: ” Oltre a sottoscrivere le dichiarazioni del presidente, permettetemi di dire che, sebbene l’arbitro abbia deciso il risultato finale con un rigore fantascientifico, è stato bello vedere tutta quella gente al campo sportivo che in maniera corretta & calorosa incitava la propria squadra del cuore. Faccio i miei complimenti alle due squadre & quindi ai due allenatori che hanno giocato a viso aperto, senza remora alcuna: ciò dimostra che il Sermoneta merita il primo posto & il nostro Latina Scalo è una splendida realtà che se la può giocare con qualunque avversario. Limitare uno squadrone come il Sermoneta deve essere un vanto per un collettivo, quale il nostro, che risulta comunque essere sempre una MATRICOLA. Comunque rinnovo le mie convinte congratulazioni alle due squadre & ai coach, di sicuro avvenire. Purtroppo il copione è stato “sporcato” da un arbitro non proprio all’altezza”…

di Agostino Madonna

Lascia un commento