Un punto dalla trasferta di Vibo

In un Luigi Razza con poco più di 150 persone sugli spalti, si fanno sentire i 30 tifosi nerazzurri arrivati dal capoluogo. Il Latina parte bene e si rende pericoloso al 10’ con Giannusa: azione personale del centrocampista nerazzurro, cross basso e palla che attraversa tutta l’area piccola senza che nessuno dei pontini riesca a 

Leggi tutto

In un Luigi Razza con poco più di 150 persone sugli spalti, si fanno sentire i 30 tifosi nerazzurri arrivati dal capoluogo. Il Latina parte bene e si rende pericoloso al 10’ con Giannusa: azione personale del centrocampista nerazzurro, cross basso e palla che attraversa tutta l’area piccola senza che nessuno dei pontini riesca a mettere a segno la zampata vincente. Al 13’ ci prova Tortolano con un destro dalla distanza che sfiora il palo della porta difesa da Senatore. Un minuto dopo discesa di Merito sulla corsia di destra, ma il traversone del colombiano non trova nessun nerazzurro all’appuntamento con la stoccata vincente. Al 16’ arriva a sorpresa il vantaggio calabrese: l’1-0 lo firma il centrocampista classe ’90 Dominici, che sfrutta un errore di Martinuzzi. Il portiere del Latina si fa sfuggire la palla dalle mani dopo un’uscita alta e Dominci lo infila con un pallonetto, depositando la sfera nella porta vuota. La reazione del Latina arriva al 19’, con Giannusa prima e Tortolano poi che non riescono a risolvere in rete una furibonda mischia scatenatasi in area rossoblu. Il Latina non preme come dovrebbe per riequilibrare il match, i nerazzurri tengono possesso palla e i calabresi agiscono di rimessa rendendosi pericolosi in un paio di occasioni. Ad un minuto dalla conclusione del primo tempo, poi, Martinuzzi si riscatta dell’errore costato lo svantaggio e con un balzo prodigioso manda in angolo il colpo di testa ravvicinato di Donati. Si va al riposo con i padroni di casa avanti 1-0.

RIPRESA DI FUOCO – Nella ripresa torna in campo un Latina diverso da quello della prima frazione, i nerazzurri come accaduto contro Fondi e Isola Liri, dopo il riposo, mettono alla corde i propri avversari e trovano il pareggio all’10’ con Tortolano: il talento di Ostia parte dalla sinistra, si accentra e fulmina Senatore con un bolide che si insacca all’incrocio dei pali. Passano 4 minuti e il Latina mette a segno il sorpasso con un’imperiosa incornata di Mariniello, subentrato da pochi minuti all’infortunato Chiavaro, che sfrutta uno schema da calcio d’angolo. Neanche il tempo di festeggiare il vantaggio, che al 22’ arriva il pareggio della Vibonese con un calcio di rigore molto dubbio, concesso per un presunto fallo di mano di Farina, e trasformato da Grillo: palla da una parte, Martinuzzi dall’altra. L’ultima parte di match è sostanzialmente equilibrata, con il Latina che cerca di fare la gara e la Vibonese che si difende con ordine: alla fine le due squadre si accontentano di un punto che permette alla Vibonese di rimpinguare la sua classifica e al Latina di restare in testa in solitudine.

Lascia un commento