Borgo Flora, che cinismo

Stavolta il derby è del Borgo Flora. Dopo aver perso il confronto con il Borgo Podgora sette giorni fa, l’undici di Paolo Pelucchini è riuscito ad imporsi in rimonta per 2-1 sull’Atletico Sabotino al termine di un match in cui ha più volte rischiato di capitolare, ma in cui ha anche saputo stringere i denti 

Leggi tutto

Stavolta il derby è del Borgo Flora. Dopo aver perso il confronto con il Borgo Podgora sette giorni fa, l’undici di Paolo Pelucchini è riuscito ad imporsi in rimonta per 2-1 sull’Atletico Sabotino al termine di un match in cui ha più volte rischiato di capitolare, ma in cui ha anche saputo stringere i denti e condurre in porto una vittoria fondamentale nell’economia del campionato. Ora il Borgo Flora è a quota dodici in classifica, a solo un punto dai «cugini» biancoverdi, ormai lontani dai quartieri alti a causa del magro bottino di quattro punti raccolti nelle ultime cinque gare. Come accaduto più volte nelle ultime settimane, infatti, anche ieri la formazione di Francesco Gesmundo (uno dei tanti ex dell’incontro al pari di Gazzi, Pennacchia, Santoni, De Chiara, Sorrentino e Maggi) avrebbe meritato ben altro risultato, visto che ha macinato gioco e costruito almeno quattro nitide occasioni da gol, ma alla fine si è ritrovata ancora a mani vuote e ora deve al più presto invertire la rotta per risalire la china.

LA CRONACA – Per il derby con l’Atletico Sabotino, mister Pelucchini,

costretto a seguire la gara dalla tribuna perché squalificato, schiera i suoi con un classico 4-4-2, pronto però a trasformarsi in un vero e proprio 4-3-3 in fase di possesso palla. Francesco Gesmundo, invece, risponde con il solito 4-4-1-1 in cui Spogliatoio agisce alle spalle del terminale offensivo Santoni, supportato però in fase d’attacco da Tomei a destra e da Ponso a sinistra. Dopo dieci minuti di sostanziale equilibrio, l’Atletico Sabotino passa in vantaggio: lancio lungo dalle retrovie, spizzata di Santoni per Spogliatoio che prende il tempo a tutti, si infila nel corridoio centrale lasciato dalla retroguardia di casa e si invola verso Cipriani, superato in uscita con un preciso destro sul primo palo. Il Borgo Flora accusa il colpo e i biancoverdi guadagnano campo. Al quarto d’ora gli ospiti sfiorano il raddoppio: Tomei allarga sulla destra per Spogliatoio, che fa qualche metro palla al piede e mette a centro area un traversone basso col contagiri per Santoni, il quale addomestica la sfera, calcia a colpo sicuro, ma trova l’opposizione di Cipriani. Proprio nel momento in cui l’Atletico Sabotino sembra in totale controllo della gara, il Borgo Flora trova il pari: al 25’ Petitti arriva ai diciotto metri e batte Tarricone con un insidioso destro su cui però è decisiva la deviazione di un avversario. Nei restanti venti minuti di gioco non succede praticamente nulla e la gara scorre via fino all’intervallo.

IL SECONDO TEMPO – Nella ripresa l’Atletico Sabotino parte a spron battuto e costruisce due nitide palle gol nel giro di centoventi secondi. Al 52’ Tomei si libera di Del Pin e mette un perfetto pallone sulla testa di Santoni, che però gira in maniera troppo debole verso la porta difesa da Cipriani. Due minuti più tardi, invece, è Spogliatoio a servire nello spazio lo stesso Santoni, che approfitta ancora di un errato posizionamento della retroguardia borghigiana e arriva davanti a Cipriani in prossimità del limite dell’area di rigore, ma il suo esterno destro è troppo largo e si spegne sul fondo. L’inerzia della gara è tutta per i biancoverdi, mentre il Borgo Flora fatica ad impensierire la retroguardia biancoverde. Ma come da copione, proprio nel momento migliore dell’Atletico Sabotino, il Borgo Flora trova il punto del 2-1. Al 66’ Petitti siincarica della battuta di un calcio di punizione dall’out di sinistra, la palla attraversa tutta l’area di rigore e Campagna

la tocca quel tanto che basta con la testa per beffare Tarricone sul palo più lontano. Passato in svantaggio, il team capitanato da Alfonso Cappelletti perde progressivamente le giuste distanze tra i reparti e soprattutto la sua verve in attacco, permettendo così ai padroni di casa di abbassare il ritmo della partita, alzare il baricentro della manovra e ridurre al minimo i pericoli dalle parti di Cipriani. Prima del triplice fischio, dunque, c’è giusto il tempo per Sorrentino di rimediare un inutile cartellino rosso per una brutta entrata da dietro ai danni di Proia. Dopo il fischio dell’arbitro Pelucchini e i suoi possono gioire per la seconda vittoria interna consecutiva, mentre in casa biancoverde l’epilogo è quello solito delle ultime deludenti giornate.

di Simone D’Arpino

BORGO FLORA – ATLETICO SABOTINO 2-1
Borgo Flora: Cipriani, Pacchiarotti, Del Pin, Cerolini, Marinelli, Maggi, Caputi (39’st Trapani), De Chiara, Campagna (22’st Portioli), Petitti (43’st Durastanti), Sorrentino. A disp.: Castrichini, Ambrosi, Lizzio, Colardo. All.: Pelucchini (squalificato, in panchina Picca).
Atletico Sabotino: Tarricone, Cappelletti (35’st De Luca), Sangermano, Fasulo, Gazzi, Pennacchia, Tomei (31’st Criscuolo), Micheletti (36’pt Proia), Santoni, Spogliatoio, Ponso. A disp.: Raucci, Veglia, Rigon, Amati. All.: Gesmundo.
Arbitro: Badiali di Albano Laziale; collaboratori: Testa di Tivoli e Paladino di Ostia Lido.
Marcatori: 11’pt Spogliatoio, 25’pt Petitti, 21’st Campagna.
Note: espulsi: Sorrentino al 42’st; ammoniti: Pacchiarotti, De Chiara (BF),Cappelletti, Gazzi, Micheletti (AS).

Lascia un commento