La svolta dell’Aprilia si chiama Gentile

Le ultime due schiaccianti vittorie hanno evidenziato la crisi netta che c’era tra l’ex allenatore Pirozzi e lo spogliatoio dell’Aprilia. La cura Castellucci infatti ha liberato la testa dei giocatori biancazzurri ottenendo così due netti successi che fino a poche settimane fa sembravano impossibili da centrare. Sette gol rifilati in due partite con la partita 

Leggi tutto

Le ultime due schiaccianti vittorie hanno evidenziato la crisi netta che c’era tra l’ex allenatore Pirozzi e lo spogliatoio dell’Aprilia. La cura Castellucci infatti ha liberato la testa dei giocatori biancazzurri ottenendo così due netti successi che fino a poche settimane fa sembravano impossibili da centrare. Sette gol rifilati in due partite con la partita con il Sanluri arrivata con almeno sei assenti. L’Aprilia del corso Castellucci ha voltato subito pagina, bruciando tutte le tappe e riprendendo immediatamente la corsa verso le zone alte della classifica. Già perchè giocando in questo modo la formazione biancazzurra fa già sognare tutti per una veloce risalita. Non solo una questione psicologica per il gruppo biancazzurro anche perchè in mezzo al campo l’allenatore ha deciso di mandare Francesco Gentile, arrivato qualche giorno prima della partita con l’Anziolavinio e già diventato fondamentale per gli equilibri della squadra di Castellucci. L’ex giocatore
del Rieti infatti si è fatto subito sentire in mezzo al campo ma soprattutto sotto il piano realizzativo con le tre reti realizzate nelle ultime due gare. Insiemea Gentile però la vera svolta è arrivata dal 4-4-2 dell’allenatore. L’ex mister del Neapolis non ha certo stravolto la squadra oppure trovato idee innovativa ma ha solo portato serenità nell’ambiente cercando di sfruttare al meglio le qualità dei giocatori presenti in squadra e gli ultimi risultati lo hanno dimostrato in pieno. Ora la trasferta con l’Astrea servirà per capire se questo Aprilia si è completamente ristabilito oppure se ci sarà ancora qualche problema sulla loro strada.

Stefano Scala

Lascia un commento