Cencia parla del suo esonero. Ecco la lettera

Fabrizio Cencia fa sentire la propria voce quattro giorni dopo il suo esonero dalla panchina della Vigor Cisterna. Il mister pontino, sostituito da Promutico, ha promulgato agli organi stampa una lettera scritta di proprio pugno che riportiamo di seguito integralmente: LA LETTERA – “Nel dispiacere e nella delusione del momento è doveroso da parte mia 

Leggi tutto

Fabrizio Cencia fa sentire la propria voce quattro giorni dopo il suo esonero dalla panchina della Vigor Cisterna. Il mister pontino, sostituito da Promutico, ha promulgato agli organi stampa una lettera scritta di proprio pugno che riportiamo di seguito integralmente:

LA LETTERA – “Nel dispiacere e nella delusione del momento è doveroso da parte mia ringraziare il presidente Capitan che mi ha concesso l’opportunità di allenare una squadra importante ed una società di primissimo livello e la possibilità di calorosa e coinvolgente. Ringrazio tutti i collabortori, da Marco Taborro a Giacomo Rossetti, l’osservatore Gianni Sanavia e il direttore generale Nicola Cea. Il diesse Lucio Bruno, al fisioterabista Rocco Bianchi ai magazzinieri Luciano ed Angelo e il presidente del Real Doganella. Ai miei collaboratori Carlo de Paolis, il preparatore dei portieri Martinelli. A loro un grande abbraccio per essersi prodigati in modo professionale e collaborativo. A tutti i calciatori il grazie più affettuoso per la partecipazione al lavoro e l’attaccamento alla maglia. Grazie anche al settore giovanile, per la continua crescita, e alla società va l’augurio per il raggiungimento di tutti i successi che la città merita e che auspicano. La mia serietà professionale mi porta sempre ad agire nell’onestà, dignità e correttezza, rispettando i ruoli e trovando soluzione ai problemi. Sarebbe ingeneroso trovare corresponsabilità per il mio esonero, per questo la mia educazione e la mia umiltà mi impongono rispetto e gratitudine… grazie presidente Capitani”.

Fabrizio Cencia

Lascia un commento