Pari a reti bianche tra Italia ed Eire

Il pari tra Italia ed Eire appaia le due formazioni in vetta alla classifica del Memorial Pierro. L’Italia con Antonio Rocca in panchina parte bene, è ben messa in campo e nei primi 10 minuti si fa vedere anche in zona avanzata. Poi esce fuori l’Eire: al 12’ Mulroney da fuori fa fare bella figura 

Leggi tutto

Il pari tra Italia ed Eire appaia le due formazioni in vetta alla classifica del Memorial Pierro. L’Italia con Antonio Rocca in panchina parte bene, è ben messa in campo e nei primi 10 minuti si fa vedere anche in zona avanzata. Poi esce fuori l’Eire: al 12’ Mulroney da fuori fa fare bella figura a Lazzerini, che si distende sulla sua destra e si salva in angolo. I biancoverdi prendono coraggio e si rendono pericolosi grazie ad una corsia di sinistra con Coyne (esterno basso) e Ryan o’ Reilly (esterno alto) che crea molti problemi all’Italia e, in particolar modo, a Paramatti. Al 14’ Lazzerini si supera e salva l’Italia: Byrne, spalle alla porta, fa perno sul sinistro si gira e indirizza sotto la traversa un destro che il portiere azzurro manda in angolo. Gli azzurri pressano poco e lasciano l’iniziativa all’Eire. Al 24’ a dare una scossa all’Italia ci prova Mattiello, il migliore tra gli azzurri nel primo tempo, con un destro da fuori che termina di poco alto. Al 25’ Rocca manda in campo Michele Somma: il difensore della Juve entra al posto di Paramatti e si schiera basso a destra. Al 33’ bella iniziativa azzurra con Velocci: l’attaccante del Genoa, spalle alla porta, si gira su se stesso (azione simile a quella che aveva portato al gol contro la Danimarca) ma il destro è centrale e facile preda di Grimes. Al 38’ l’Italia pareggia il conto delle azioni pericolose con Mattiello: il numero 7 azzurro spara un destro dal limite che si stampa sul palo. Al 40’ è Rosa Gastaldo a divorarsi l’occasione del possibile vantaggio: da solo davanti a Grimes lo grazia con un sinistro sballato.

GARA EQUILIBRATA – La prima parte della ripresa è molto equilibrata, l’Italia gioca meglio del primo tempo, i centrocampisti accompagnano di più l’azione, le punte non sono isolate come la prima frazione. Rispetto al primo tempo, però, per la prima emozione bisogna attendere il 20’, quando l’Italia si vede annullare il gol del possibile vantaggio: destro di Rosa Gastaldo respinto da Grimes, sulla ribattuta si avventa Rondanini che spedisce in rete, ma l’assistente sbandiera il fuorigioco. Al 30’ ancora Italia: numero di Petagna che, salta un uomo, e di collo pieno costringe Grimes al salvataggio in angolo. Dopo 3’ di recupero finisce 0-0.

Lascia un commento