Atletico Sabotino, con la testa al Montespaccato

In casa Atletico Sabotino c’è una certezza. Il borgo ha ritrovato la sua squadra di calcio. Un Andriollo così pieno di gente non si vedeva da anni, e questa componente potrà essere la spinta in più per capitan Mangili e compagni. Contro il Podgora, sempre sotto di un gol, i biancoverdi sono stati sospinti dai 

Leggi tutto

In casa Atletico Sabotino c’è una certezza. Il borgo ha ritrovato la sua squadra di calcio. Un Andriollo così pieno di gente non si vedeva da anni, e questa componente potrà essere la spinta in più per capitan Mangili e compagni. Contro il Podgora, sempre sotto di un gol, i biancoverdi sono stati sospinti dai propri tifosi hanno sempre recuperato il risultato. “Erano veramente in tanti – afferma il presidente onorario Maurizio Cavaricci – Mi sento in dovere di ringraziarli tutti. Credo che con l’aiuto dei nostri simpatizzanti questa squadra potrà togliersi le sue belle soddisfazioni”. Con la scomparsa di Paolo Spolon, Maurizio Cavaricci ha preso in mano il sodalizio biancoverde, portando avanti il progetto che insieme al compianto presidente avevano disegnato. “Sono stato presidente a Borgo Santa Maria, poi con il marchio Real Latina ho fatto la Promozione per otto anni con pochi amici. Se avessi avuto questo gruppo di dirigenti che ho trovato a Sabotino, gente come Mario Nardin, Renzo Amedei e Rolando Spolon, con loro saremmo arrivati in Eccellenza e con buoni risultati. A Borgo Sabotino sto vivendo delle grandi emozioni, alle spalle c’è un bel settore giovanile e questo è un dato da non sottovalutare”.

SI PENSA AL MONTESPACCATO – Intanto la squadra è al lavoro per preparare la sfida contro la capolista Montespaccato. Per i biancoverdi si tratta della seconda partita consecutiva casalinga. E’ un Atletico Sabotino destinato a vincere. “Secondo me sì – dice il tecnico Francesco Gesmundo – L’ho già detto ai miei ragazzi. Dobbiamo sbagliare di meno, giocare con più semplicità, migliorare nel collettivo e, non mi stancherò mai di ripeterlo, dobbiamo creare più gioco sugli esterni. Lo spirito è quello giusto, recuperare due volte lo svantaggio contro il Podgora non era semplice”. Adesso si aspetta la prima vittoria, arriva la capolista Montespaccato, tre punti per mettersi ai vertici del girone. “Questo deve essere il nostro obiettivo, per noi è un vero primo esame. I ragazzi stanno lavorando bene e con entusiasmo, per cui ci sono tutti i presupposti per disputare una bella partita. Il nostro primo obiettivo è quello di disputare una stagione che ci consenta di toglierci delle belle soddisfazioni. L’obiettivo è come sempre quello di ottenere il massimo. Ai ragazzi ho detto che bisognerà affrontare l’avversario con la solità umiltà e la grinta di sempre”. E’ un Sabotino che è riuscito, dunque, a raccogliere subito le simpatie da parte della sua gente: adesso però è arrivato il momento di festeggiare la prima vittoria.

Lascia un commento