Pari per l’Aprilia, il Gaeta è ancora in volo

Un gol di Siclari in pieno recupero consente all’Aprilia di Sergio Pirozzi di evitare la prima sconfitta in campionato. Come nella prima giornata contro il Monterotondo, infatti, il team biancoazzurro va sotto, nonostante non avesse demeritato nei primissimi minuti di gioco. A punitre Pergamena ci pensa al 17 Zirilli, bravo a battere dal limite dell’area 

Leggi tutto

Un gol di Siclari in pieno recupero consente all’Aprilia di Sergio Pirozzi di evitare la prima sconfitta in campionato. Come nella prima giornata contro il Monterotondo, infatti, il team biancoazzurro va sotto, nonostante non avesse demeritato nei primissimi minuti di gioco. A punitre Pergamena ci pensa al 17 Zirilli, bravo a battere dal limite dell’area di rigore. La reazione dell’Aprilia, che paga l’assenza per squalifica di Giacalone in cabina di regia, non si fa attendere, ma la difesa romana tiene bene sotto i tentativi delle rondinelle. Con Franzese ancora a mezzo servizio per la botta rimediata sette giorni prima alla spalla e con il risultato da rimontare, Pirozzi passa ad un 4-4-2 offensivo, inserendo Siclari proprio al posto del claudicante centrocampista campano. I risultati si vedono, ma la porta del Fidene regge all’urto, almeno fino al 4’ di recupero, quando lo stesso Siclari riesce a depositare in fondo al sacco il gol del pareggio. L’Aprilia, bello ma incompiuto, deve rimandare quindi ancora una volta l’appuntamento con il primo successo stagionale.

GAETA A PUNTEGGIO PIENO – La formazione di mister Felice Melchionna passa anche sull’ostico campo della Fortis Trani col il risultato di 1-0 grazie al gol siglato alla mezzora della ripresa dal centrale difensivo Ivan Speranza. Sei punti in classifica per il team del patron Damiano Magliozzi che attualmente condivide la prima posizione in classifica con Fortis Murgia, Virtus Casarano e Arzanese. Al «Comunale» di Trani partenza forsennata della formazione pugliese che nei primi minuti mette subito in seria difficoltà la retroguardia biancorossa. Al 1’ conclusione ravvicinata da dentro l’area di rigore per Turitto, De Filippis salva il Gaeta con un gran bel intervento, il primo di una lunga serie. Al 4’ ancora pugliesi avanti con la punizione bolide di Tenzone che termina di pochissimo a lato. Il Gaeta stenta a prendere in mano le redini del gioco e al 9’ rischia di nuovo sul tiro di Turitto deviato ottimamente ancora da De Filippis.

IL CALO DEL TRANI – Il Trani cala di intensità con il passare dei minuti e sale così in cattedra il Gaeta grazie al suo asfissiante possesso palla. E proprio dopo un azione ben orchestrata che al 20’ i biancorossi sfiorano il vantaggio con l’argentino Di Rito che in area di rigore salta un difensore ma all’altezza del dischetto spara alto sopra la traversa. Capitan Vitale e compagni hanno il pallino del gioco in mano ma peccano negli ultimi venti metri, l’assenza di Marzullo in questo senso si fa sentire notevolmente, e così al 34’ è il Trani che sfiora clamorosamente il vantaggio con il colpo di testa di Albano sul quale De Filippis compie un altro prodigioso miracolo salvando il risultato. E’ di fatto questa l’ultima occasione del primo tempo che termina a reti inviolate. Nella ripresa è il Gaeta a sorprendere i padroni di casa. Al 6’ punizione insidiosa di Di Maggio, Corno devia con i pugni oltre la traversa. Dopo un periodo di buon possesso al 27’, ancora su punizione di Di Maggio, nel mucchio svetta la testa del difensore centrale Ivan Speranza che indirizza la sfera all’angolino portando in vantaggio il Gaeta e facendo esplodere di gioia i circa 60 tifosi ospiti presenti al «Comunale» di Trani. Al 32’ l’offside grazia il Gaeta perchè l’undici di casa raggiunge il pari con Crisantemo, fermato per fuorigioco, dopo l’intervento nuovamente miracoloso di De Filippis. Gli animi si accendono al «Comunale» e a farne le spese è Recchia, espulso, per una brutta gomitata rifilata all’avversario mentre pochi minuti più tardi, per somma di ammonizioni, è Somma ad abbandonare il terreno di gioco. Nel finale il Gaeta soffre ma la roccaforte eretta da Speranza e Calabuig tiene per tre punti preziosissimi.

Marco Iannotta e Gianpiero Terenzi

I TABELLINI

FIDENE – APRILIA 1-1
Fidene: Santi, Esposito, Corazzini, Pollini, -Mancini (9′ st De Vizzi), Serino (29′ st Ventre), Dezi, Cangini, Zirilli, Manganelli, Bez. A disp.: Lauri, Di Pietro, Acoglanis, Rapicano, Polverino. All.: Carboni
Aprilia: Pergamena, Esposito, Oliva, Bianchi, Galluzzo, Pietrucci, (40′ st Miccichè), Foderaro, Franzese (30′ pt Siclari), Branicki, Fratangeli, Sias. A disp.: Di Mario, Avagliano, Sorgi, Salese, Palma. All.: Pirozzi
Arbitro: Scarica di Castellamare di Stabia
Marcatori: 17′ pt Zirilli (R), 49′ st Siclari (A).
Note – Ammoniti, Pollini, Esposito, Galluzzo, Foderaro

FORTIS TRANI – GAETA 0-1
Trani: Corno, Loiacono, D’Addato, La Fortezza, Paris, Sabini, Turitto, Somma, Albano (26’ st Crisantemo), Tenzone (15’ st Fumai), Vittorio (29’ st Fabiano). A disp. Bibba, Chiapparino, Prato, Pallotta. All.: Pettinicchio
Gaeta: De Filippis, Bruno, D’Agostino (38’ st Bennardo), Vitale, Calabuig, Speranza, Iozzi, Finocchiaro (10’ st Recchia), Di Rito (35’ st Morelli), Di Maggio, Amendola. A disp. Tomeo, Zaza, Mannino, Romeo. All.: Melchionna
Arbitro: Loiodice di Matera.
Marcatori: 27’ st Speranza.
Note: Ammoniti Turitto e Somma (T), Iozzi e Bruno (G). Al 34’ espulso Recchia (G) per gioco violento e al 39’ st Somma (T) per doppi ammonizione.

Lascia un commento