L’R11 non si sente già retrocesso

Comincia a scoprire le sue carte anche l’R11 Latina. Una squadra totalmente rinnovata rispetto allo scorso campionato, con solo quattro superstiti, ovvero Nale, Stasino, Eramo e Castelli. Nuovo anche l’allenatore che, come ampiamente anticipato, sarà Maurizio Pinti. Al momento sono otto i volti nuovi con altre quattro trattative in dirittura d’arrivo. Sono arrivati in maglia 

Leggi tutto

Comincia a scoprire le sue carte anche l’R11 Latina. Una squadra totalmente rinnovata rispetto allo scorso campionato, con solo quattro superstiti, ovvero Nale, Stasino, Eramo e Castelli. Nuovo anche l’allenatore che, come ampiamente anticipato, sarà Maurizio Pinti. Al momento sono otto i volti nuovi con altre quattro trattative in dirittura d’arrivo. Sono arrivati in maglia biancorossa Tiziano Miccinatti, difensore ex Sermoneta, il centrocampista offensivo Ivan Sarra, ex Sa.Ma.Gor, mentre dall’Agora Santa Rita sono arrivati in blocco ben cinque giocatori, si tratta di Simone Conte, Cristian Roma, Fabrizio Novelli, Gianmarco D’Annolfo e Maicol Marcotulli. L’ultimo colpo di mercato, invece, è quello dell’estremo difensore Matteo Vita, ex Cori, mentre dal Borgo Grappa per fine prestito è rientrato Carlaccini. Un gruppo totalmente nuovo e giovane, che richiede pazienza oltre che competenza, ma questo non spaventa Maurizio Pinti: «anche perchè abbiamo quei quattro cinque ‘anziani’, pronti a prenderli per mano, visto che per diversi si tratta dell’esordio in un campionato di Prima categoria. Ho sempre lavorato con i giovani e vi posso assicurare che è veramente bello, perchè ti danno sempre il massimo. Poi si può perdere per nesperienza,ma l’importante è uscire dal campo consapevoli di aver dato il massimo. La forza di questo R11 Latina è soprattutto a livello societario. Dirigenti come Ottocento, Davoli, Barattella, Bozza e soprattutto Andrea Mazzanti, hanno fatto la storia di questo sodalizio, sempre con grande professionalità e soprattutto con grande onestà». Come vi state attrezzando per il prossimo campionato? «Soprattutto nel segno della tranquillità. Questa è la risposta a chi dava per certo il funerale dell’R11 Latina. Alle spalle della prima squadra c’è un grande settore giovanile questa è la vera garanzia di continuità. Partiamo senza grossi clamori, il mio primo impegno è quello di creare un gruppo su cui poter contare. Iniziamo in punta di piedi, sono altre le squadre che puntano ai vertici del girone». con quale spirito si mette al lavoro ? «Sono carico di entusiasmo. Forse ne ho addirittura di più degli anni scorsi. L’obiettivo? Lo spogliatoio deve essere la nostra arma vincente. Ci sarà come sempre tanto da lottare e soffrire, ma non ci tireremo indietro. Il campionato di Prima categoria in questi ultimi anni è diventato veramente ‘tosto’. Troviamo giocatori che possono fare tranquillamente l’Eccellenza, giocatori che al primo errore non ti perdonano, per questo bisognerà rimanere concentrati dall’inizio alla fine. I proclami, comunque, li lasciamo tranquillamente agli altri. Ci sono almeno cinque squadre che avranno con una marcia in più, ma non per questo ci sentiamo inferiori. Alla fine sono sempre le motivazioni quelle che fanno la differenza. Mi sento di dire solamente che da parte di tutti ci sarà il massimo impegno». La squadra si ritroverà in sede lunedi 23 agosto per iniziare lapreparazione. Ad affiancare il tecnico Maurizio Pinti ci sarà il reparatore atletico Costantino. Procedere a fari spenti, mettendo in vetrina più giovani possibili, questo l’obiettivo del nuovo R11 di Pinti. Non è un caso se da alcuni anni con la presidenza di Andrea Mazzanti per il settore giovanile, diversi under vengono richiesti da società di Eccellenza e Promozione. Un R11 Latina, dunque, pronto a fare bene e con tutte le carte in regola per togliersi molte soddisfazioni. Insomma, chi vorrà vincere il campionato dovrà fare i conti anco con i biancorossi, una squadra pronta a battagliare su ogni campo.

Lascia un commento