Il Perrone a rischio

LA preparazione atletica prosegue senza intoppi presso il «Bruno Zauli », la squadra al momento sembra reagire positivamente agli ordini dello staff tecnico biancoazzurro ma la questione che tiene banco in questi giorni a Formia riguarda lo storico «Nicola Perrone». Di fatto al suo ultimo anno di vita, visto che nella stagione 2011/2012 il team 

Leggi tutto

LA preparazione atletica prosegue senza intoppi presso il «Bruno Zauli », la squadra al momento sembra reagire positivamente agli ordini dello staff tecnico biancoazzurro ma la questione che tiene banco in questi giorni a Formia riguarda lo storico «Nicola Perrone». Di fatto al suo ultimo anno di vita, visto che nella stagione 2011/2012 il team del Golfo si sposterà nel nuovo stadio di Maranola, l’impianto che ha ospitato centinaia e centinaia di emozionanti incontri è stato al momento dichiarato inagibile. In base alle nuove norme di sicurezza mancherebbero alcune documentazioni necessarie per ottenere il via libera dalla Federazione. Alcuni lavori, il più importante riguarda la costruzionedi una serie di ingressi per permettere  agli spettatori di  accedere all’interno del rettangolo di gioco in caso di pericolo, sarebbero da eseguire al più presto e in tal senso sia la società che il Comune, nella persona dell’assessore allo sport Pasquale Cardillo
Cupo, stanno stringendo i tempi per risolvere la problematica. «Allo stato attuale delle cose il problema c’è – ha spiegato Antonio Miele, direttore sportivo del Formia ma anche presidente
della Commissione Sport del Comune – Bisognerà intervenire per tempo e con l’amministrazione stiamo lavorando per cercare di risolvere il problema. Manca ancora una parte della  documentazione, credo sinceramente che non dovrebbero esserci problemi per sbloccare la
situazione. Quest’anno sono subentrate delle nuove norme per quanto riguarda la sicurezza sugli stadi. Si tratta comunque di lavori abbastanza semplici e speriamo che nel giro di poche settimane si possa trovare la soluzione». Un anno a porte chiuse o il trasferimento in un altro impianto sono i due rischi concreti che potrebbero colpire il club di Aldo Zangrillo qualora non si risolva la questione«Perrone»: «Potrebbero essere due ipotesi ma che preferisco scartare a priori. Nessuno ha intenzione di giocare a porte chiuse o di andare in un altro campo – conclude Antonio  Miele – Noi siamo fiduciosi e cercheremo di far giocare il Formia per l’ultimo anno nello stadio che ha
fatto la storia di questa città dal punto di vista sportivo». Dunque, c’è grande ottimismo in
casa Formia per quanto riguarda la prossima stagione e intanto la dirigenza  tirrenica ha confermato le date delle prossime amichevoli. La formazione di mister Piero Tersigni
esordirà ufficialmente il 19 agosto in casa del Pomigliano D’Arco, il 21 agosto altra sfida in Campania (Somma Vesuviana) contro la Viribus Unitis, 24 agosto a Lenola match
amichevole contro la Pro Calcio Fondi e, per finire, il 29 agosto a  Sperlonga ci sarà la sfida contro la Primavera del Frosinone (serie B).

Marco Iannotta

Lascia un commento