Aprilia oggi prima partita

E’ cominciato sabato mattina, in perfetta sincronia con le scadenze prefissate ad inizio estate, la preparazione in ‘altura’ del nuovo Aprilia di mister Sergio Pirozzi. I biancoazzurri hanno raggiunto il ritiro di Norcia nelle prime ore della mattina e, dopo essersi sistemati in albergo, si sono messi immediatamente a disposizione del preparatore atletico Andrea Tognazzi. 

Leggi tutto

E’ cominciato sabato mattina, in perfetta sincronia con le scadenze prefissate ad inizio estate, la preparazione in ‘altura’ del nuovo Aprilia di mister Sergio Pirozzi. I biancoazzurri hanno raggiunto il ritiro di Norcia nelle prime ore della mattina e, dopo essersi sistemati in albergo, si sono messi immediatamente a disposizione del preparatore atletico Andrea Tognazzi. Il professore ha messo immediatamente a frutto il programma di lavoro che era iniziato già da una settimana al «Quinto Ricci», testando la condizione atletica della ventina di atleti che per adesso compongono la rosa biancoazzurra.
Appena arrivati in quel di Norcia, però, c’è subito da segnalare un cambiamento nella tabella di marcia. Nella fattispecie è saltata l’amichevole (che sarebbe stata la prima di questo pre-campionato) del 10 agosto contro l’Ascoli, per assenza dei nerazzurri in quella data. La dirigenza, però, si è messa immediatamente all’opera organizzato immediatamente un’altra sgambatura che sarà disputata questo pomeriggio a partire dalle ore 17 contro l’Avellino, squadra di serie «D» ma vicinissima al ripescaggio in Seconda Divisione di Lega Pro. Gli altri appuntamenti che vedranno impegnate le rondinelle restano quella del 12 agosto, quando a Norcia arriverà a far visita al Fabriano nel penultimo giorno di ritiro.
Il 13, infatti, la squadra di Pirozzi farà ritorno in terra pontina ricominciando con le doppie sedute quotidiane al «Quinto Ricci». Il primo impegno sarà il 19 agosto nel triangolare che vedrà i biancoazzurri giocare in quel di borgo Podgora contro Vigor Cisterna (Eccellenza) e Podgora (Promozione).

Gianpiero Terenzi

Lascia un commento