Latina-Lega Pro, ci siamo quasi

Lega Pro, adesso è realtà. Il Latina Calcio ha trovato i 600mila euro di fidejussioni necessari per la richiesta di ripescaggio nell’ultima categoria dei professionisti. E’ questione di ore, infatti, ma l’accordo con le banche sembra essere ormai stato preso, anche se c’è da aspettare apprestandosi a vivere ore molto intense, visto che l’accordo c’è 

Leggi tutto

Lega Pro, adesso è realtà. Il Latina Calcio ha trovato i 600mila euro di fidejussioni necessari per la richiesta di ripescaggio nell’ultima categoria dei professionisti. E’ questione di ore, infatti, ma l’accordo con le banche sembra essere ormai stato preso, anche se c’è da aspettare apprestandosi a vivere ore molto intense, visto che l’accordo c’è ma potrebbe slittare a dopo l’iscrizione e quindi vanificare ogni sforzo. Sarà mercoledì, dunque, il giorno decisivo. Latina ritroverebbe così la serie C2 (ora Seconda Divisione), un sogno che sta per divenire realtà grazie ad uno scenario sempre più nero per quanto riguarda il calcio italiano. Ben 21 squadre professionistiche, infatti, hanno dovuto rinunciare all’iscrizione.

LA MESSA A NORMA DEL FRANCIONI – Con l’arrivo della Lega Pro, ora, il vero problema diventa la messa a norma dello stadio Francioni. Per partecipare alla Seconda Divisione, infatti, l’impianto di piazzale Prampolini va dotato in primis di un impianto di video sorveglianza interna. Poi serviranno degli stuart e soprattutto un sistema di rilevazione dei tifosi tramite tessera del tifoso (che certamente sarà argomento di discussioni). Non serviranno, invece, i tornelli all’ingresso, visto che il Francioni ha una capienza inferiore agli 8000 posti.

Lascia un commento