La festa dello sport, la festa del Raho

Non poteva non essere una grande festa la finale della decima edizione del Memorial Daniele Raho. Sicuramente una delle pagine più belle della storica rassegna che, di anno in anno migliora sempre la sua forma e impreziosisce il suo splendore. La finale del Memorial Raho resta una delle pagine più belle dell’estate pontina. Una serata 

Leggi tutto

Non poteva non essere una grande festa la finale della decima edizione del Memorial Daniele Raho. Sicuramente una delle pagine più belle della storica rassegna che, di anno in anno migliora sempre la sua forma e impreziosisce il suo splendore. La finale del Memorial Raho resta una delle pagine più belle dell’estate pontina. Una serata che va al di fuori degli schemi quotidiani dello sport, una serata che può appassionare chiunque. Forse il vero sport, quello fatto da gente di passione è proprio questo. L’unione (in campo e fuori) di tutti con l’obiettivo comune di passare una grande serata insieme. In questo la famiglia Raho è da “pallone d’oro”. Mai una parola fuori posto, mai uno scontro fuori dalle righe e anche se dovesse succedere Aldo Raho è sempre stato pronto e svelto ad entrare in campo per sedare gli animi. La finale Tabacchi Smorgon-Alfiosnob Pokerstars poi ha solo continuano la linea tracciata qualche istante prima dal cabarettista Lallo Circosta: tutto all’insegna dello spettacolo. Serata cominciata con la Santa Messa e proseguita con la partita tra bambini. Ore in cui gli spalti del Centro Sportivo Tecariba cominciano a riempirsi perchè le due avversarie sono già al campo. Un momento anche per ricordare le grandi azioni dell’associazione “Daniele Raho” che quest’anno ha contribuito al miglioramento di alcune strutture sanitarie a favore dei bambini presenti nella Carmelitana di Bozoum, a realizzare un centro giovanile, a collaborare con la Caritas e con Don Gianni della chiesa di Santa Domitilla. Dopo l’esibizione di Lallo Circosta è il momento di scendere in campo. Sul rettangolo verde il livello dello show resta alto anche grazie all’inizio schiacciante di Alfiosnob. Subito il sigillo del capocannoniere Valle che si ripete a metà primo tempo e Tabacchi Smorgon che deve solo leccarsi le ferite visti i tanti infortuni subiti. In cinque contati però la carica di mister Coletti resta decisiva ed anche se Meneghello sigla un eurogol sul finale di tempo i nerazzurri hanno ancora qualcosa da dare. Nella ripresa esce così fuori tutta la grinta Smorgon e nel momento caldo arriva l’incredibile ribaltamento. Tre gol in pochissmi minuti che riequilibrano il risultato e fanno ripartire le rivali da zero. Alfiosnob però appare sfilacciata mentre Smorgon ormai è inarrestabile sia nelle gambe che nella testa. Arriva il gol di Panzaru e quello di Bulboaca, ormai per Masini e compagni non c’è niente da fare: la finale è andata.
Stefano Scala

IL TABELLINO

TaBACCHI SMORGON: Gaveglia, Panzarini, Bordin, Ndreose, Haras, Consoli, Bulbuaca, Solda’, Panzaru. All. Coletti
ALFIOSNOB POKERSTARS: Ziroli, Meneghello, Masini,Ceccano, Pucci, S.Valle, Ceretta, D.Valle, Franchini. All. Sannino
ARBITRI: Fiaschetti, Domizi e Petruccelli (GSI)
MARCATORI: 1’ Valle, 14’ Valle, 24’ Meneghello, 13’st Bulboaca, 14’st Haras, 16’ st Bulboaca, 19’st Panzaru, 20’st Bulboaca
NOTE – ammoniti: Ceretta, Valle

Lascia un commento