Continua il valzer delle panchine

Da oggi sono a disposizione le liste dei trasferimenti. I direttori sportivi sono a lavoro ormai da tempo per cercare piazzare i migliori colpi del mercato, cercando di evitare magari gli errori commessi nella stagione ufficialmente terminata ieri. Tranne i iovani di lega, fino a 23 anni tutti sono liberi. E’ un mercato che comunque 

Leggi tutto

Da oggi sono a disposizione le liste dei trasferimenti. I direttori sportivi sono a lavoro ormai da tempo per cercare piazzare i migliori colpi del mercato, cercando di evitare magari gli errori commessi nella stagione ufficialmente terminata ieri. Tranne i iovani di lega, fino a 23 anni tutti sono liberi. E’ un mercato che comunque si annuncia difficile, non tanto per l’esigua disponibilità di denaro liquido, quanto per il fatto che le società che già hanno nelle proprie fila giocatori di un certo spessore se li tengono stretti, rispedendo al mittente i legittimi assalti che arrivano dall’esterno. In attesa degli annunci ufficiali è il caso di dare uno sguardo alle panchine.

ITRI, VENERDI’ LA VERITA’ – Cominciamo dal sud pontino, dove c’è attesa per la conferenza stampa in programma sabato mattina in casa della Nuova Itri, dove verrà annunciato il nuovo allenatore e i programmi societari. Sarà una Nuova Itri con diversi giocatori che verranno dalla provincia di Caserta, elementi che hanno più fame di calcio e che costano almeno il 40 per cento in meno rispetto ai rimborsi appetiti dalla maggior parte dei giocatori pontini.

SCAURI A STRAVATO? – Lo ScauriMinturno, nonostante le difficoltà societarie, sarà presente al campionato di Promozione. La politica è sempre la stessa: allestire una squadra giovane pronta a stupire proprio come è successo nell’ultimo campionato. Potrebbe esserci il ritorno sulla panchina del figliol prodigo Loreto Stravato. Il tecnico di Minturno ha una grande voglia di riscatto dopo le esperienze non brillanti con la Setina e il Vallecorsa.

DEL DUCA IN POLE A SEZZE –  Dalle parti del «Tasciotti» sono giorni di grande lavoro da parte del patron Luigi Bucciarelli, impegnato nella ristrutturazione della società. Il messaggio è stato ben recepito. I nuovi soci hanno un programma dove al primo posto c’è il settore giovanile. Al patron Bucciarelli non è dispiaciuto il lavoro del tecnico Emiliano Del Duca: tutto lascia presupporre quindi che dovrebbe (il condizionale è d’obbligo) essere lui l’allenatore anche per la prossima stagione. E’ caduta la prima tegola in casa Bassiano: il portiere Silvio Solimeno dopo aver raggiunto l’accordo economico chiaramente verbale, nella serata di lunedì ha chiamato in società per non poter rispettare l’accordo perchè era arrivata una chiamata dall’Eccellenza. Quindi tutto da rifare per un ruolo così importante per il diesse Vincenzo Falanga che già si è messo in contatto con altre due prime scelte.

Paolo Annunziata

Lascia un commento