A Ponza non si passa. Ma in finale ci va il Littoria

Alla fine all’atto conclusivo di questi playoff ci va la squadra che partiva con i favori del pronostico, l’Atletico Littoria. Ma quanto hanno dovuto penare i nerazzurri per portare a casa questa qualificazione ai danni di un Ponza mai domo e sostenuto da una splendida tifoseria. Già, partiamo proprio da un altro match, quello sugli 

Leggi tutto

Alla fine all’atto conclusivo di questi playoff ci va la squadra che partiva con i favori del pronostico, l’Atletico Littoria. Ma quanto hanno dovuto penare i nerazzurri per portare a casa questa qualificazione ai danni di un Ponza mai domo e sostenuto da una splendida tifoseria. Già, partiamo proprio da un altro match, quello sugli spalti: al seguito della squadra del capoluogo, come al solito, i ragazzi della Brigata Littoria, sbarcati sull’isola di Ponza decisi a far valere ancora una volta la loro fama di dodicesimo uomo in campo. Da segnalare tra l’altro la presenza, con la tifoseria nerazzurra, anche di tre sostenitori della Viterbese, squadrea gemellata con i supporter latinensi. Per nulla intimorita, dal canto suo, la folta rappresentanza dei tifosi isolani che, ad un certo punto del match, ha anche creduto di poter assistere a una rimonta ai confini della realtà. BOTTA E RISPOSTA DI RIGORE – Ma veniamo ai fatti del campo. L’Atletico Littoria, forte del 2-0 maturato all’andata, imposta una gara di contenimento e pronta ripartenza, a sfruttare le doti superiori di Fabio Zaza. Al Calacaparra però la musica è un’altra (il Ponza ha ottenuto solo vittorie tra le mura amiche in questa stagione) e lo si capisce dopo soli venti minuti di gioco: Giulio Migliaccio, lanciato alla cieca da Napolitano, si allarga in area dopo l’uscita di Ricci. Il capitano ponzese però è bravo a recuperare il controllo del pallone e ad indurre Carboni all’intervento in scivolata: rigore ineccepibile, trasformato freddamente da Napolitano. Il Calacaparra si scalda ma viene gelato dopo soli dieci minuti: Fabio Zaza si invola sulla destra e mette dentro un pallone intercettato con un braccio in area isolana. Il signor Bellato concede un altro penalty, anche questo realizzato (dallo stesso Zaza). Il Ponza ha il merito di non demordere e, dopo un lungo stop per soccorrere Negri ( infortunatosi gravemente ad una spalla), riprende in mano le redini del gioco. Carboni si immola sulla conclusione da pochi passi a botta sicura di Migliaccio ma l’Atletico Littoria capitola ad un respiro dalla fine del primo tempo: è ancora Napolitano, stavolta di testa sotto misura, a portare il Ponza al riposo sopra di una rete. AD UN PASSO DALL’IMPRESA… – Agli isolani servono altre due gol per completare la rimonta e qualificarsi alla finale. Sembra comunque difficile ma con un Napolitano in giornata di grazia nulla appare impossibile. E’ ancora il centravanti rossoblu, con una punizione che buca la barriera nerazzurra a regalare la speranza al Calacaparra. Manca ancora mezzora al termine e la partita si accende anche dal punto di vista nervoso, come inevitabile che sia. I ponzesi, nonostante il caldo asfissiante, gettano sul terreno di gioco le ultime energie. A dieci minuti dal termine la grande occasione capita ancora sui piedi di Napolitano che si libera di potenza di mezza retroguardia nerazzurra ma poi, a tu per tu con Ricci, allarga troppo il compasso del suo piattone a girare mancando clamorosamente il bersaglio. Sarebbe stato un clamoroso poker per l’attaccante isolano oltre che, cosa ben più importante, il gol qualificazione. Ed invece, a due minuti dal termine, arriva la rete che mette la parola fine sul match. Baldin vede Marcone fuori dai pali e lo sorprende con una perfetta punizione da 40 metri, scatenando l’urlo della Brigata Littoria. Il Littoria va in finale col San Raffaele, e chissà che non sia l’occasione per un clamoroso ritorno della tifoseria nerazzurra al Francioni. Davide Di Cesare

IL TABELLINO

PONZA – ATLETICO LITTORIA 3-2 Ponza: Marcone, Tescione, Migliaccio M. (37’st Aprea), Pesce, Merche, Negri (34′ Morlè), Migliaccio G., Napolitano R., Rispoli, Napolitano F., Iannello (9’st Vitiello R.). A disp.: Califano, Scotti, Vitiello A., Tricoli. All.: Rispoli. Atletico Littoria: Ricci, Fratocchi, Sacchetti, Carboni, Zaza S., Hrib, Martini, Federico (9’st Baldin), Ciavardini (33’st Di Masi), Zaza F. (38’st Di Viccaro), Cinelli (43’st Troiano). A disp.: Leopardi, Lucci, De Meis. All.: Troiano-Del Serrone Arbitro: Luca Bellato di Aprilia Marcatori: 21’pt (rig.), 43’pt e 15’st Napolitano F. (P), 30’pt (rig.) Zaza F. (AL), 43’st Baldin (AL)

Lascia un commento