I comunicati più attesi, tre gruppi tornano al Francioni

I tifosi tornano a casa. Dopo un anno di esilio volontario infatti la Brigata Littoria, Opposta Fazione e Gruppo Sabaudia annunciano il loro ritorno sulle gradinate del Francioni per seguire la prossima stagione del Latina Calcio perchè quello è il loro posto. Riparte così l’annata dei nerazzurri con la notizia più bella, quella più attesa. 

Leggi tutto

I tifosi tornano a casa. Dopo un anno di esilio volontario infatti la Brigata Littoria, Opposta Fazione e Gruppo Sabaudia annunciano il loro ritorno sulle gradinate del Francioni per seguire la prossima stagione del Latina Calcio perchè quello è il loro posto. Riparte così l’annata dei nerazzurri con la notizia più bella, quella più attesa. Ora però bisognerà programmare la prossima stagione per poter dare soddisfazioni alla loro Curva Nord.

BRIGATA LITTORIA

“Al cuor non si comanda… questo slogan ci ha accompagnato ultimamente nei momenti fondamentali della nostra vita ultras, ed è per questo che – recita il comunicato della Brigata Littoria –  Anche ora vogliamo che sia il nostro biglietto da visita, la nostra «tessera del tifoso» intesa  come simbolo di riconoscimento e non come marchio negativo da parte di qualcuno che non sa nulla di noi e del nostro mondo. E’ passato quasi un anno dalla  scelta (giusta o sbagliata che sia è stata una nostra scelta) di non seguire le sorti di questa società che a nostro avviso  non ha avuto alcuna «sensibilità» nei confronti di tutti i tifosi del Latina, ma ora basta. Il nostro obiettivo non è quello di rivangare certe situazioni, ma è quello di tornare nel posto in cui ci compete stare: la Curva nord. Torneremo  ad onorare questi colori che mai abbiamo dimenticato e nel farlo vogliamo ricordare che la nostra fiducia dall’attuale società dovrà essere conquistata con il tempo e con la caparbietà, dote quest’ultima che tutti noi riconosciamo nel presidente Condò. Dando a tutti i nerazzurri  appuntamento alla prossima stagione, vogliamo ringraziare i ragazzi di Sabaudia e Opposta Fazione e quanti altri ci hanno appoggiato e sostenuto nella nostra protesta. Il nostro ultimo pensiero è sempre rivolto a chi non è più tra noi, ma che sicuramente ci accompagnerà e ci proteggerà da lassù: Carlo, Stefanino, Mirketto e Bistecca. Al cuor non  si comanda Brigata Littoria 1932, onore e gloria”.

OPPOSTA FAZIONE E GRUPPO SABAUDIA

“Dalla prossima stagione torneremo a seguire e sostenere il Latina calcio. I motivi che ci spingono a prendere tale decisione è la voglia di rientrare al Francioni, la volontà di tornare a casa dopo un esilio, volontario e forzato, di un anno. Le motivazioni del nostro allontanamento dallo stadio, nella stagione appena conclusa, sostanzialmente possono essere riassunte nella mancanza di rispetto che l’attuale dirigenza dell’Us Latina ha avuto nei confronti dei gruppi organizzati e, a nostro avviso, dell’intera tifoseria. Un atteggiamento da noi ritenuto immotivato e ingiustificabile, che tanti tifosi e semplici appassionati di calcio a caldo non hanno percepito, ma che si è palesato in maniera evidente nel corso dell’intera stagione, determinando il progressivo spopolamento delle gradinate del nostro amato stadio. Sia ben chiaro che l’attuale società dell’Us Latina non ci piace, ma non ce la sentiamo di restare ad osservare mentre questi signori fanno morire la passione per il calcio che, negli anni passati e addirittura in categorie inferiori, ha portato un numero considerevole di sportivi al Francioni. Per questo motivo abbiamo deciso di cambiare strategia, pur mantenendo la linea del dissenso nei confronti dell’attuale dirigenza. Tutto questo sostenendo sempre e comunque quei colori che ci appartengono, e appartengono alla città. Un ringraziamento doveroso va al popolo nerazzurro che, con la propria assenza dal Francioni, ha appoggiato in maniera chiara ed inequivocabile la nostra battaglia. Siamo certi che questa nuova mobilitazione verrà ben compresa da tutti, vista la grande maturità dimostrata quest’anno dalla tifoseria. Come abbiamo avuto modo di dire già in passato, il Latina calcio è della gente, del suo popolo deciso e sognatore, instancabile e commovente, insomma chi fa ancora finta di non capire si ricordi sempre: il Latina è dei suoi tifosi e di nessun altro”.

Lascia un commento