Una stagione come da “pronostico”

Con la coda dello spareggio salvezza tra Sporting Terracina e Sperlonga è calato ufficialmente il sipario sul girone N di Seconda categoria 2009-2010. Un campionato che, ad onor del vero, si è contraddistinto per le poche sorprese, in particolare nelle zone più nobili della classifica. I pronostici estivi, infatti, che vedevano la Virtus Lenola grande 

Leggi tutto

Con la coda dello spareggio salvezza tra Sporting Terracina e Sperlonga è calato ufficialmente il sipario sul girone N di Seconda categoria 2009-2010. Un campionato che, ad onor del vero, si è contraddistinto per le poche sorprese, in particolare nelle zone più nobili della classifica. I pronostici estivi, infatti, che vedevano la Virtus Lenola grande favorita insieme al Sonnino, con Bella Farnia e Agora Santa Rita un gradino al di sotto, sono stati rispettati in pieno. La cavalcata vincente dei rossoverdi di Pecchia è stata solo a tratti messa in discussione da un Sonnino che ha recitato i panni del “cavalier servente” praticamente per tutto il campionato. Il punteggio di tutto rispetto ottenuto però dai ragazzi di Baroni difficilmente impedirà anche ai sonninesi di prendersi un posto in Prima categoria, seppure “d’ufficio” e grazie alla scappatoia dei ripescaggi.

HARAKIRI SPERLONGA – L’unica vera sorpresa è arrivata in coda, con la retrocessione dello Sperlonga. Il dato che rende ancora più sorprendente questo verdetto è il fatto che i gialloblu di Guglietta sono stati, durante tutto l’arco del torneo, l’unica squadra ad aver battuto sia Virtus Lenola che Sonnino. Singolare, quindi, che a retrocedere in Terza categoria, siano stati coloro che hanno avuto la forza di mettere sotto, sul proprio campo, entrambe le dominatrici di questa stagione. Una dimostrazione ulteriore che i motivi dell’annata no dello Sperlonga vanno ricercati nella scarsa concentrazione con la quale i giovani gialloblu hanno affrontato le cosiddette gare semplici. La categoria perde sicuramente una squadra storica, anche se la speranza è quella di rivedere la formazione di Guglietta in Seconda categoria a settembre, magari “salvata” dai ripescaggi estivi.

BENE LE NEO-PROMOSSE – Per il resto, nella norma l’annata della Virtus Pontinia che ha raggiunto un buon quinto posto nonostante qualche vicissitudine ad inizio stagione. Da segnalare le buone stagioni, in particolare nel girone d’andata, di due neopromosse come Borgo Santa Maria e Amatoriale Bassiano. I borghigiani hanno messo in mostra un’individualità come Tiziano Riggi che va sicuramente annoverata nell’undici ideale del girone, mentre i bassianesi di Censorio hanno fatto della compattezza la loro arma vincente. Un po’ deludente la stagione del Nuovo Latina che, pur avendo buone potenzialità, ha ottenuto solamente una stentata permanenza in Seconda categoria. Nota di merito invece per il Real Vallemarina che anche quest’anno ha raggiunto una salvezza anticipata che, viste le difficoltà a cui devono far fronte Fabio Di Vezza e soci, ha davvero del miracoloso.

L’AUGURIO – Appuntamento quindi a settembre con la Seconda categoria targata 2010-2011. La speranza è quella di assistere ad un campionato magari di livello tecnico inferiore, ma più incerto dal punto di vista dei verdetti finali. Buona estate a tutti.

Davide Di Cesare

Lascia un commento