Il Terracina è pronto per il Torrenova

Il gran momento sta per arrivare. Domenica c’è l’andata dei playout per il Terracina per giocarsi quella salvezza inseguita da una stagione intera. Intanto la prima vera novità in vista della sfida con il Torrenova dovrebbe essere il campo che dovrebbe essere il neutro di Nemi. Campo stretto e sintetico che sicuramente non ostacolerà la 

Leggi tutto

Il gran momento sta per arrivare. Domenica c’è l’andata dei playout per il Terracina per giocarsi quella salvezza inseguita da una stagione intera. Intanto la prima vera novità in vista della sfida con il Torrenova dovrebbe essere il campo che dovrebbe essere il neutro di Nemi. Campo stretto e sintetico che sicuramente non ostacolerà la tecnica di alcuni elementi dei tigrotti potendo quasi essere un punto a favore per gli ospiti. Contando il ritorno al Colavolpe bisognerà stare attenti a non prendere gol però:«Andiamo lì con la solita mentalità – afferma Giorgio Mineri – certo non dobbiamo prendere gol. Non andremo lì allo sbando cercando di entrare in campo in maniera equilibrata». Una partita secca in cui servirà sicuramente l’apporto di gente abiutata ai grandi incontri ed il Terracina sicuramente ne ha più di uno: «Devono essere all’altezza del nome che portano – prosegue Minieri – serve la loro esperienza e la loro bravura. Sono molto ottimista perchè stanno davvero tutti bene: Mandarelli e Caligiuri si stanno allenando benissimo, senza problemi fisici e senza pensieri».

FORMAZIONE ANCORA DA DECIDERE – Ora però azzardi sulla formazione che scenderà in campo non si possono fare anche perchè sono tutti a disposizione e lo stesso Minieri ancora non ha le idee molto chiare: «Sicuramente scenderà in campo chi starà meglio fisicamente e mentalmente. Il modulo uscirà fuori da questo mix. Io personalmente sto molto meglio ma spero davvero di non servire alla squadra così da poter gestire meglio i ragazzi dalla panchina». Insomma 10 giorni passati ad allenarsi sodo e concentrarsi per quella che sarà la partita più importante della stagione. Il Terracina ha sognato questa salvezza per molto tempo, sfiorandola in qualche momento della stagione, ora è alla portata. Il turno di andata di questi playout sarà determinante per i tigrotti che poi si giocheranno tutto sul proprio campo. Minieri però appare molto tranquillo: «Ci stiamo allenando con tranquillità, queste sono partite che si caricano da sole, non c’è bisogno di stressare più di tanto i giocatori. Lavoriamo con il sorriso e sono convinto che faremo bene».

Stefano Scala

Lascia un commento