Incoroniamo le regine

Ultime settimane di apertura per il Bar Dello Sport di Zonapontina prima della chiusura estiva. Ancora tanta carne al fuoco sul bancone del nostro bar preferito dove, come ogni settiamana, si incoronano promossi e si indicano i bocciati. Nella settimana che ha visto assurgere Atletico Nettuno e Virtus Lenola non poteva mancare uno spazio dedicato 

Leggi tutto

Ultime settimane di apertura per il Bar Dello Sport di Zonapontina prima della chiusura estiva. Ancora tanta carne al fuoco sul bancone del nostro bar preferito dove, come ogni settiamana, si incoronano promossi e si indicano i bocciati. Nella settimana che ha visto assurgere Atletico Nettuno e Virtus Lenola non poteva mancare uno spazio dedicato alle due regine della Seconda categoria, ma c’è anche tanto alto. A voi un buon caffè e una buona lettura.

CHI SALE

Gaeta, il salto è ancora possibile

Sembrava in calo e quasi ormai fuori da qualsiasi gioco ed invece il Gaeta si è ripreso in poche settimane orgoglio e playoff. La vittoria di domenica ha addirittura lanciato la formazione sud pontina all’inseguimento del secondo posto visto che dietro il Fondi la bagarre resta completa. Raggiungere la seconda posizione sarebbe un ottimo risultato per i plaoyff ma allo stesso tempo aumenterebbe il rammarico per i punti persi per strada.

San Pietro e Paolo d’orgoglio

Il duello tra Podgora, San Michele e San Pietro e Paolo conferma quanto sia stato bello ed avvincente questo campionato di Prima categoria. La squadra di Iannotti su tutte ha dimostrato di non mollare mai perchè dopo il sorpasso del Podgora sembra davvero tutto perduto. Ora i biancorossi sono secondi e si giocheranno tutto nell’ultima partita. Con il Podgora a Borgo Flora sperare è lecito.

Virtus Lenola la dominatrice

La paura di un possibile aggancio del Sonnino è durata solo qualche settimana, a ridosso dell’inizio del girone di ritorno. Poi un lungo ed inequivocabile dominio del Lenola. Una cavalcata da applausi in un campionato dominato al primo posto sin dalla prima giornata. Una cavalcata culminata con la vittoria di domenica scorsa: una vera e propria prova di forza contro un Sonnino che ha solo provato ad arginare la furia rossoverde senza però troppo successo. E allora onore ai vincitori e ai dominatori della stagione nel girone M di Seconda categoria.

Atletico Nettuno che rimonta!

Vincere un campionato che già apparentemente chiuso alla fine del girone di andata non ha prezzo. Rimontare più di 11 punti nel giro di tre mesi non ha eguali. Eseguire il sorpasso e la domenica dopo vincere matematicamente il campionato ai danni della macchina da guerra Latina Scalo non ha prezzo…per tutto il resto c’è l’Atletico Nettuno. E’ proprio il team di mister Trovato la più bella sorpresa della domenica, autore di una rimonta strepitosa e campione del girone M…volare si può!

Alessio Sciacqua, the wall

823 minuti di imbattibilità interna. Al “San Valentino” di Cisterna non si vede un gol degli avversari da nove partite e un quarto. Merito della difesa dell’Atletico Cisterna, ma soprattutto di Alessio Sciacqua, uno dei migliori portieri del girone M di Seconda categoria che con le sue parate ha trascinato i biancoazzurri verso il terzo posto matematico della classifica: niente male per una matricola!

…E CHI SCENDE

Aprilia, una domenica no

La prima sconfitta interna stagionale dell’era Pirozzi è corrisposta anche con la più sonora batosta stagionale delle Rondinelle, “asfaltate” da un Selargius che ha passeggiato al Quinto Ricci chiudendo con un sonoro 5-1. Una domenica da dimenticare al più presto, un incidente di percorso che non cancella comunque quanto di buono fatto dagli apriliani sinora.

Vigor, accanimento o calo?

Dalle stelle alle stalle in meno di tre settimane. Da una possibile semifinale di Coppa Italia nazionale con annessa possibilità di ripescaggio in serie D, alla zona calda della classifica. La Vigor Cisterna si gioca tutto nell’ultimo incontro con la Stella Polare, match decisivo per evitare i playout. Il tutto dopo l’ennesima sconfitta dubbia arrivata in casa del Pescatori Ostia. Protagonista ancora una volta un arbitraggio che ha lasciato tanti dubbi. Adesso serve portare a termine la stagione con una vittoria e poi pensare e far sentire la propria voce nelle alte sfere.

Latina Scalo, qualcosa si è rotto

Dopo una stagione dominata in lungo e in largo, tre partite consecutive senza vincere (due sconfitte) sembrano troppe per non destare stupore. Qualcosa si è rotto nel giocattolo Latina Scalo, ma cosa? Probabilmente la stanchezza per una stagione passata interamente in testa alla classifica ora paga dazio, ma anche i tanti infortuni che hanno falcidiato queste ultime settimane dei biancoverdi, soprattutto in attacco. Intanto il primo posto è andato, non senza amarezza…ora si spera solo nel ripescaggio.


Lascia un commento