Trovò risponde al Santa Croce. Ma il San Michele perde a tavolino

La risposta alla lettera del Santa Croce proviene direttamente da Davide Trovò, direttore sportivo del San Michele e sempre in panchina nelle gare ufficiali al fianco di Ziroli. “ Il regolamento parla chiaro- ha detto Trovò- non capisco la polemica. Se una squalifica ha una durata di una settimana o di un mese poteva essere 

Leggi tutto

La risposta alla lettera del Santa Croce proviene direttamente da Davide Trovò, direttore sportivo del San Michele e sempre in panchina nelle gare ufficiali al fianco di Ziroli. “ Il regolamento parla chiaro- ha detto Trovò- non capisco la polemica. Se una squalifica ha una durata di una settimana o di un mese poteva essere valido quanto sostenuto dai dirigenti del Santa Croce. Ma in questo caso la squalifica deve essere scontata in una gara effettiva e visto il recupero imminente, Palluzzi Chiodi e La Penna domani non potranno essere in campo oggi, perchè come da accordi proprio oggi (21 aprile) si recupererà la gara” Il commento di Trovò prosegue anche in merito al guasto meccanico e alla decisione dell’arbitro che come si legge nella lettera scritta dai dirigenti del Santa Croce aveva accordato una proroga al timing previsto in caso di assenza della squadra avversaria “ Se il pullman si rompe non capisco quale possano essere le nostre colpe- ha osservato Trovò- il gusto c’era ed è stato accertato. Perchè non siamo arrivati al campo? Perchè il regolamento anche in questo caso parla chiaro e dice che nelle ultime quattro giornate il tempo di attesa non può essere superiore ai venti minuti. Era trascorsa un’ora e mezza”.

Intanto il giallo si infittisce, con il Cr Lazio che promulga il seguente comunicato Ufficiale:

Il Giudice Sportivo, esaminato il reclamo fatto pervenire della Società SAN MICHELE rispettando i termini procedurali previsti dal C.U. N° 75/A del 10/1/2010 della FIGC e con il quale si deduce che la gara in epigrafe non è stata disputata in quanto il pulmann che trasportava i propri calciatori subiva un guasto meccanico. Per l’effetto chiede il riconoscimento della causa di forza maggiore e la ripetizione della gara. All’uopo allega relazione di servizio della Questura di Latina, Commissariato di Fondi. Dall’esame del documento, sottoscritto dal sovraintendente di PS, si legge che alle 14.30,su segnalazione della Società sportiva S. MICHELE una pattuglia si portava in Via Flacca al Km. 5.600 in quanto un autobus era fermo su di un piazzale di una stazione di servizio. Il conducente del mezzo (identificato) riferiva che il predetto pulmann aveva subito un guasto meccanico e precisamente al cambio delle marce tanto da non poter proseguire la strada. Sullo stesso documento si legge che la Società ospitante si è prodigata per fare disputare la gara e due dirigenti della stessa si sono portati presso il distributore per prelevare i calciatori della Società SAN MICHELE, ma si legge, sulla relazione, che il pulmann con i componenti la squadra si era già allontanato. Gli operatori del Commissariato di Fondi contattavano telefonicamente il gestore dell’impianto di benzina ed il gestore ha confermato che il mezzo si era allontanato in direzione di Terracina poco dopo che la pattuglia della Polizia aveva terminato l’intervento. Alla luce di quanto sopra descritto, appare evidente che la Società SAN MICHELE ha messo in atto una strategia pur di non disputare la gara di cui in epigrafe e pertanto, questo Organo Giudicante, non ritiene dover riconoscere la sussistenza di una causa di forza maggiore poichè è dimostrato che il mezzo che trasportava la comitiva della reclamante, subito dopo il sopralluogo della Polizia di Stato ha ripreso l’efficienza e quindi rientrava in sede. Considerato che la mancata disputa della gara debba essere addebitata alla Società SAN MICHELE ai sensi di quanto disposto dal C.U. n° 1 dell’1/7/2009 deve ritenersi rinunciataria a tutti gli effetti Visto l’art. 17 comma 1 del CGS e 53 comma 2 delle NOIF
PQM
delibera
– di respingere il reclamo proposto dalla Società SAN MICHELE
– di infliggere alla Società SAN MICHELE la punizione sportiva della perdita della gara con il punteggio di 0 – 3
– nonchè la penalizzazione di un punto in classifica e l’ammenda di Euro 250.00 (1° rinuncia) di incamerare la tassa reclamo.

Lascia un commento