Bocchino: “Abbiamo vinto per noi stessi”

PIERO TERSIGNI (Pontinia – Formia 1905 0-1) – Per noi sono tre punti pesantissimi conquistati su un campo difficile, ad inizio gara avrei firmato per un pari anche perchè avevo più di qualche titolare fuori. Nel complesso, comunque, la partita era sostanzialmente da pareggio: sarebbe stato il risultato più giusto. Senza quel rigore il match 

Leggi tutto

PIERO TERSIGNI (Pontinia – Formia 1905 0-1) – Per noi sono tre punti pesantissimi conquistati su un campo difficile, ad inizio gara avrei firmato per un pari anche perchè avevo più di qualche titolare fuori. Nel complesso, comunque, la partita era sostanzialmente da pareggio: sarebbe stato il risultato più giusto. Senza quel rigore il match era destinato a chiudersi sullo 0-0 perché sia noi che loro non riuscivamo a trovare varchi. Dopo il gol, poi, abbiamo avuto due buone occasioni per raddoppiare perché loro erano sbilanciati alla ricerca del gol. Sul rigore, dalla mia posizione non ho potuto vedere cosa sia successo in area amaranto, ero troppo lontano: le proteste dei giocatori, però, del Pontinia sono stata veementi e quando si reclama in quel modo è perché si pensa di essere nella ragione. Forse il rigore non c’era ma prima, e in quel caso ho visto bene, un loro giocatore aveva toccato la palla con una mano e in quel caso l’arbitro sarebbe potuto intervenire.
L’espulsione di Adjei è stata una stupidaggine, ma ci siamo abituati. E’ un ragazzo con un carattere particolare, episodi del genere li ha già fatti in altre partite: non è la sua prima espulsione stupida. In campo è bravo e si allena sempre con grande impegno, ma purtroppo non riesce a controllarsi: va preso così con pregi e difetti.

RENATO MARTINELLI (Pontinia – Formia 1905 0-1) – E’ stata un’azione troppo confusa per capire bene cosa sia successo, ma Ambrosi ha giurato di non aver commesso alcun fallo. L’arbitro è stato troppo precipitoso, poi invece non ha fischiato per un fallo su Incollingo nell’altra area. Nel calcio si sa come funziona: la prima della classe è sempre avvantaggiata e nel dubbio gli arbitri decidono sempre a suo favore. Anche sull’episodio dell’espulsione di Onorato ho molte perplessità, il direttore di gara si è dimostrato un pò troppo permaloso. Peccato, la gara doveva finire 0-0. Siamo andati bene al cospetto della capolista e se continueremo così presto avremo la matematica salvezza.

GERARDO BOCCHINO (Bassiano – Anitrella 1-0) – Abbiamo vinto per il bene del Bassiano e per noi stessi. Per quanto riguarda i favori, voglio precisare che mi dispiace averne fatti inderettamente a qualcuno anche perché nel lotto delle pretendenti al titolo c’è più di qualche squadra che mi è antipatica.

LUCA VELLETRI (Supino – Pro Calcio Fondi 4-2) – Abbiamo incredibilmente concesso il primo tempo agli avversari. Poi nella ripresa ci siamo riorganizzati riaprendo i giochi e il pareggio ci poteva anche stare a quel punto, ma proprio nel tentativo di recuperare il match abbiamo incassato il quarto gol.

MASSIMO ZANELLA (Sermoneta – SS. Pietro e Paolo 0-0) – Il nostro obiettivo era quello di migliorare la posizione dell’anno scorso e per il momento lo stiamo facendo. La società e la squadra, comunque, continuano a credere di poter crescere ancora e non molleranno di certo.

FRANCESCO GESMUNDO (Borgo Flora – Monte San Biagio 1-0) – Abbiamo conquistato tre punti importantissimi, ora però non dobbiamo abbassare la guardia perchè ci aspettano cinque finali.

ALBERTO ZIROLI (Podgora – San Michele 2-0) – Poco determinati, molli sulle gambe e con poca concentrazione: dei difetti che purtroppo ogni tanto emergono ciclicamente in questa squadra. Merito a loro che ci hanno creduto di più. Abbiamo sofferto all’inizio il loro piglio più aggressivo; poi abbiamo preso bene le contromisure chiudendo e ripartendo. In superiorità numerica non siamo riusciti però a sfruttare gli spazi senza allargarsi e poi tagliare al centro come invece avevo chiesto. A parziale scusante ci possono essere le assenze di Pinti e La Penna dal primo minuto e anche una superficie di gioco a cui non siamo abituati: questo è un campo che ti taglia le gambe. Non cerco alibi, assolutamente. Abbiamo fatto dei passi indietro rispetto alle ultime uscite e dovremo rifletterci. Contando che mancano ancora cinque partite e tantissimi scontri diretti, penso che può succedere ancora di tutto. Per questo penso proprio che dovremo tenere alta la tensione fino alla fine del campionato.

GIANNI SANAVIA (Podgora – San Michele 2-0) – Siamo la squadra più in forma del momento. Sono i risultati a dimostrarlo. Abbiamo vinto tutti gli scontri diretti fornendo oggi l’ennesima prova di quanto questo gruppo sia determinato e concentrato verso l’obiettivo. Avevo detto ai miei ragazzi che ci aspettavano sette finali. Se vogliamo la promozione dobbiamo vincerle tutte e loro, per adesso, sembrano davvero aver carpito cosa intendessi dire. Il merito è dei ragazzi, non certamente mio. Hanno avuto uno spirito di sacrificio davvero encomiabile, si sono aiutati e hanno corso tutti il doppio per sopperire all’inferiorità. Io mi sono limitato a dare fondo ai miei 40 anni di esperienza nel calcio, prendendo le dovute contromisure ai cambi tattici effettuati da Ziroli. Quando ha inserito Pinti e La Penna ho deciso di coprirmi nuovamente sui lati…poi la scelta di Barbierato: me lo sentivo che avrebbe segnato lui.

LALLO ORSINI – (Bella Farnia – Sonnino 0-1) – Accettiamo la sconfitta, c’è da riconoscere la bravura degli avversari e la loro esperienza. Il verdetto sul campo non deve abbatterci dobbiamo continuare a lottare fino all’ultima giornata.

CESARE BARONI (Bella Farnia – Sonnino 0-1) – I ragazzi hanno interpretato in modo perfetto la gara e hanno messo in campo tutto il lavoro preparato in settimana sapendo che oggi (ieri ndr) era una giornata fondamentale per capire di che pasta eravamo fatti; da qui a maggio saranno tutte finali.

Lascia un commento