Podgora da applausi

E’ il Podgora la vera candidata al secondo posto. Questo quanto emerso dal match di ieri del «Pietro Buongiorno» in cui la formazione di mister Gianni Sanavia ha battuto all’inglese il San Michele. A far notizia, però, non è tanto il risultato, quanto il modo in cui è maturato. I borghigiani, infatti, dopo essere partiti 

Leggi tutto

E’ il Podgora la vera candidata al secondo posto. Questo quanto emerso dal match di ieri del «Pietro Buongiorno» in cui la formazione di mister Gianni Sanavia ha battuto all’inglese il San Michele. A far notizia, però, non è tanto il risultato, quanto il modo in cui è maturato. I borghigiani, infatti, dopo essere partiti bene, sono rimasti in 10 causa un’espulsione prematura di Armeni (due gialli in un minuto) a cui il Podgora ha saputo reagire con personalità e determinazione, aspettando il momento buono per colpire.

ASSENZE PESANTI – Dall’altra parte il San Michele fa un passo indietro rispetto alle ultime uscite, pagando, probabilmente, le precarie condizioni fisiche di due uomini chiave come Pinti e La Penna, impiegati solo nella ripresa. Cominciando dall’inizio c’è da parlare di un Podgora sceso in campo più concentrato. Al 4’Armeni scalda le mani a Pepe con un calcio di punizione da 35 metri su cui il portiere del San Michele è costretto a volare in angolo. All’8’ il Podgora bissa con una bella manovra avvolgente con Casaburi che cambia gioco da sinistra a destra per l’accorrente Lubirati: tiro al volo di destro e grande risposta ancora di Pepe. Meglio i padroni di casa, che tentano di concretizzare la mole di gioco. Al 20’ Piras dalla distanza spara troppo alto. Il San Michele, però, riesce a prendere man mano le misure ed esce dal gusto.

ARMENI FUORI – Al 37’ l’episodio che sembra cambiare volto alla partita con la doppia ammonizione di Armeni che ingenuamente si rifa dell’apparente errore arbitrale affondando il colpo su Di Marco. Sembra fatta, ma Sanavia non si spaventa. I primi minuti della ripresa si giocano sulle panchine. Ziroli sgancia l’artiglieria pesante: dentro La Penna e Pinti. Dall’altra parte il mister di casa non si scompone, lasciando due punte e chiedendo sforzi aggiuntivi a Rossetti e Lubirati, senza contare i km macinati da Piras e Casaburi e la giornata di grazi di un mastodontico Policriti.

BARBIERATO, LA CHIAVE – Dopo due folate del San Michele (tiro di La Penna parato de Petrucci e gol annullato a Pinti per un fuorigioco molto contestato dalla panchina dei borghigiani), il match, che era diventato brutto e spezzettato, trova la sua chiave di volta nell’ingresso in campo del giovane Barbierato. Nemmeno il tempo di mettere piede in campo che l’attaccante di Sanavia pennella una punizione dal limite dell’area che non lascia scampo a Pepe. Un colpo che stordisce il San Michele la cui reazione e disordinata. Ne approfitta il Podgora che affonda in contropiede e, al terzo tentativo, fa 2-0 con Cappelli, che, perfettamente imbeccato da Lubirati, mette a sedere anche Pepe e deposita in fondo al sacco il gol che manda in orbita i suoi.

Gianpiero Terenzi

IL TABELLINO

PODGORA – SAN MICHELE 2-0
Podgora
: Petrucci, Salaro (24’st Muneretto), Rossetti, Martellacci, Policriti, Piras, Lubirati, Casaburi, Cappelli, Armeni, Alessandroni (35’st Barbierato). A disp.: Cacciotti, Ruta, Caminati, Pagliuca. All.: Sanavia
San Michele: Pepe, Ricchiuti, Gigli, De Bonis, Silvaggi, Pescuma (27’st Mancini), Palluzzi (4’st La Penna), Di Marco (4’st Pinti), Ghirotto, De Angelis, Montin. A disp.: Compagnoni, Ciampini, Pozzobon, Bologna. All.: Ziroli
ARBITRO: Robustelli di Frosinone
Marcatori: 39’st Barbierato, 48’st Cappelli
Note – Ammoniti: Espulso: 36’pt Armeni (P) per doppia ammonizione. Piras, Palluzzi, Ghirotto, De Angelis

Lascia un commento