Il capolavoro Vigor Cisterna

La domanda che ci si pone oggi in casa Vigor è: basterà? Basterà il 2-1 per avere meglio del Porto Torres, squadra che, certamente, non ha mostrato nel match di andata tutte le proprie potenzialità. Alla squadra di Affuso mancavano delle pedine importanti, anche se, e questo è certo, la Vigor quando sente l’odore di 

Leggi tutto

cannariato-copiaLa domanda che ci si pone oggi in casa Vigor è: basterà? Basterà il 2-1 per avere meglio del Porto Torres, squadra che, certamente, non ha mostrato nel match di andata tutte le proprie potenzialità. Alla squadra di Affuso mancavano delle pedine importanti, anche se, e questo è certo, la Vigor quando sente l’odore di Coppa si trasforma, proprio come un predatore fiuta l’odore della sua preda e raramente fallisce. Intanto, quindi, è bene godersi questa vittoria. Una vittoria ottenuta, oltre che nel risultato, anche dal punto di vista del gioco e delle occasioni.

LA VITTORIA DI MONTARANI – Insomma, mister Montarani ha fatto suo il primo round apponendo alcuni cambiamenti alla squadra, trionfando nel match a scacchi con il collega sardo. Con l’obbligo di schierare due soli giovani in età di Lega (un ‘90 e un ‘91), il tecnico capitolino si è affidato all’esperienza di Campagna tra i pali e ad una linea difensiva formata da Arena e Bellamio centrali, con Arduini e Fulco ai lati. Una mossa perfetta per arginare il vivace 4-3-3 scelto dal mister ospite. A centrocampo la solita coppia Frasca-Cannariato, con Fiorillo a sinistra, Marseglia a destra e, questa la novità, Alessandro Parisi in posizione di trequartista centrale, a supporto dell’ariete Di Giacomo.

FIORILLO SHOW – Il canovaccio intessuto da Montarani è chiaro: aggredire gli spazi e non lasciare il tempo agli avversari di ragionare. Gli effetti si vedono immediatamente. Al 2’ Arduini affonda sulla sinistra e mette al centro dell’area dove Di Giacomo anticipa tutti in spaccata trovando il palo. È il preludio al gol che arriva al 5’: Di Giacomo libera nello spazio Fiorillo che, favorito dal liscio di Cossu (disastroso in questa fase), ha il tempo di prendere la mira e liberare un sinistro da applausi che batte Pierangeli. Il Porto Torres risponde poco dopo, con un bel destro di Oggiano su cui Campagna è bravo a distendersi.

cisternaIL PARI, POI CANNARIATO – Proprio nel momento migliore della Vigor, i sardi pareggiano al primo vero affondo. Azione tutta di prima sulla destra, palla con il contagiri in profondità di Pinna per Bonetto, destro in diagonale che Campagna respinge, ma sul tap-in è pronto Oggiano che sfrutta lo scivolone di Fulco e fa 1-1. Il Cisterna non si scompone e ricomincia a macinare gioco (pesa in questo caso l’infortunio occorso a Pinna, fino a quel punto il migliore dei turritani). La Vigor spinge sull’acceleratore e aggredisce gli avversari anche al ritorno dagli spogliatoi. Nemmeno il tempo di riprendere le ostilità che i biancoazzurri ritrovano meritatamente il vantaggio. È il 1’ quando Fiorillo guadagna il fondo sulla sinistra, mette al centro dell’area per Di Giacomo che, dopo aver fatto a sportellate con Frau, appoggia fuori per l’accorrente Cannariato: destro in diagonale a botta sicura imprendibile per Pierangeli e 2-1 servito.

Gianpiero Terenzi

IL TABELLINO

VIGOR CISTERNA – PORTO TORRES 2-1
Cisterna:
Campagna, Fulco, Arduini, Bellamio, Frasca, Arena, Marseglia (17’ st Onorato), Cannariato, Di Giacomo (23’ st Pantuso), Parisi (36’ st Bellomo), Fiorillo. A disp.: Castaldo, Mercruri, Iommazzo, Crisanti. All.: Montarani
Porto Torres: Pierangeli, Cossu (13’ st Piredda), Pili, Bonetto, Lungheo, Frau E., Frau A., Pinna (28’ pt Cacace), Sanna (29’ st Matteo), Puggioni, Oggiano. A disp.: Nieddu, Paddeo, Muresu, Niedda. All.: Affuso
Arbitro: Castello di Potenza
Marcatori: 5’pt Fiorillo (C), 20’pt Oggiano (P), 1’st Cannariato (C)
Note – Ammoniti: Parisi, Cannariato, Lunghe

Lascia un commento