Fondi giù nel recupero, pari per il Gaeta

Se l’obiettivo era quello di mantenere il vantaggio sulle inseguitrici, il Fondi non è riuscito a centrarlo. Anzi, deve ringraziare lo stop delle inseguitrici se le conseguenze della sconfitta a Selargius non sono state ancora più gravi e se il vantaggio si è assottigliato solamente di un punto. Insomma, le avversarie non sono state in 

Leggi tutto

di-maioSe l’obiettivo era quello di mantenere il vantaggio sulle inseguitrici, il Fondi non è riuscito a centrarlo. Anzi, deve ringraziare lo stop delle inseguitrici se le conseguenze della sconfitta a Selargius non sono state ancora più gravi e se il vantaggio si è assottigliato solamente di un punto. Insomma, le avversarie non sono state in grado di approfittare della battuta d’arresto dei rossoblu, che però adesso non possono permettersi un altro passo falso contro il Sanluri. Veniamo però alla partita. La sconfitta per 1-0 patita al “Generale Porcu” ha offerto ben poco allo spettacolo ed è maturata negli ultimissimi minuti di gara, quando ormai il risultato sembrava destinato a non schiodarsi dallo 0-0. Liquidato deve fare a meno dello squalificato Di Maio e sceglie dunque Balzano in avanti, rimasto spesso fuori per la regola degli under, al fianco di Branicki, anche lui spesso in panchina nelle ultime giornate sebbene sia ancora il capocannoniere di questo Fondi. Le due squadre si presentano con schieramenti abbastanza speculari, 4-4-2 quadrato e mirato a coprire tutti gli spazi. L’avvio di gara è equilibrato, con le due formazioni che evidentemente si temono e badano molto a non scoprirsi. Le maggiori occasioni arrivano su tiri dalla distanza o su calci piazzati, che comunque non impegnano eccessivamente i due estremi difensori. Il ritmo è piuttosto spezzettato, con molti falli tattici e un arbitraggio quasi all’inglese. Le squadre si temono e nessuna delle due intende mostrare il fianco ad azioni pericolose.

1-0_di_pietro1PARI PER IL GAETA – La Viterbese ci prova ma alla fine è il Gaeta a sorridere. Il pareggio del Rocchi consegna una squadra, quella gialloblu, che continua a ricevere i complimenti ed un’altra, quella biancorossa, che si gode un punto d’oro e guarda avanti con fiducia sempre con la zona playoff nel mirino. Il cinismo è stata l’arma in più dei pontini, quel cinismo che la Viterbese non ha avuto. A Di Pietro è bastata un’incursione ad hoc per mandare la sfera alle spalle dell’incolpevole Savietto, ai padroni di casa invece non sono bastati 70 minuti di supremazia territoriale per avere la meglio della truppa biancorossa. Poi nel finale, nonostante l’inferiorità numerica, è stato proprio il Gaeta a sfiorare il colpaccio. U Gaeta che si è meritato il punto per la volontà messa in campo, e per la voglia di restare in corsa per un piazzamento nei playoff.

SELARGIUS ILLUSO CON INGIOSI – I padroni di casa erano stati illusi dal gol di Daniele Ingiosi, sempre più baluardo dei suoi e addirittura cannoniere con 3 reti. Poi è arrivata la rete di Di Pietro a rimettere le cose a posto per la formazione gaetana. Bravo il Gaeta a sfruttare l’unica vera occasione costruita, male l’attacco di una Viterbese sempre più stitica. Malissimo Pulina, il cosiddetto bomber tascabile che a Gavorrano qualcuno ancora rimpiange. A Viterbo l’attaccante si era presentato bene, mostrando qualità importanti, ma col passare delle giornate anche lui si è involuto, rimanendo a secco e perdendosi in piccoli gesti sterili non all’altezza del suo valore. In casa Gaeta c’è la soddisfazione per essere usciti indenni da un campo difficile e per aver ritrovato ormai lo spirito giusto. Il pari conferma i progressi evidenziati domenica scorsa e permette di mettersi definitivamente alle spalle la traumatica parentesi Sottana.
Domenica prossima il Gaeta tornerà a giocare al Riciniello, dove arriverà un Morolo che ieri ha fermato sul pari il Flaminia, ma che resta pur sempre al terzultimo posto. Sarà una grossa occasione per Di Pietro e soci per conquistare altri tre punti in ottica playoff.

Alessandra Stefanelli e Marco Iannotta

Foto di Gianluca Biniero e Leonardo D’Angelo

I TABELLINI

SELARGIUS-FONDI 1-0
Selargius: Crobeddu, Boi, Garau, Farci, Porcu, Chessa, Nurchi, Dettori (25’st Nuvoli), Figos, Melis E., Meloni. A disp.: Antinori, Fedda, Melis F., Sanna, Usai, Sartor. All. Perra.
Fondi: Celli, Esposito, Galasso (32’st Jovinella), Violante (35’st Formidabile), Pannozzo, Iossa, Vaccaro, Ambruoso, Festa, Branicki, Balzano (45’st Vicedomini). A disp.: Belviso, Di Ruocco, Dionisio, Improta. All. Liquidato.
MARCATORE: 47’st Nurchi.
Arbitro: Minelli di Varese.
Note: Ammoniti: Branicki, Farci, Porcu, Chessa; 37’st espulso per proteste il ds del Selargius Farci; Recupero: pt 2′, st 5′

VITERBESE-GAETA 1-1
Viterbese: Savietto, Scoppetta, Sbaccanti, Gay (33′ Balestri), Ingiosi, Materazzo, Porcelli ( 18 st’ Conocchioli),Lustrissimi, Foderaro, Proietti, Pulina (13′ Marigliano). A disp: Liverani, Menna Valerio, Grassi, Romano. All.: Puccica.
Gaeta: De Filippis, Costanzo, Colantuono, Vitale, Cioffi, Speranza, Amendola, Di Pietro, Iozzi (40′ st Ezeadi), Gambino, Recchia ( 8′ st Brutti). A disp: Campironi, Coppa, Bertolo, Nnamani, Trotta. All. Cannone.
Marcatori: 45′ Ingiosi, 10′ st Di Pietro
Note – Ammoniti: Ingiosi, Lustrissimi, Di Pietro, Brutti, Colantuono; Espulso per doppia ammonizione Vitale.

Lascia un commento