Latina svegliati, c’è Fucka

Recuperare la speranza per la salvezza, il pubblico del PalaBianchini e…Theron Smith. I propositi di Latina contro la Carmatic Pistoia di coach Moretti (sabato ore 20.30) sono ben chiari, quasi come un poker a carte scoperte. Non c’è nulla da nascondere a questo punto della regualar season, a maggior ragione se parliamo di un quintetto 

Leggi tutto

eldrige-2Recuperare la speranza per la salvezza, il pubblico del PalaBianchini e…Theron Smith. I propositi di Latina contro la Carmatic Pistoia di coach Moretti (sabato ore 20.30) sono ben chiari, quasi come un poker a carte scoperte. Non c’è nulla da nascondere a questo punto della regualar season, a maggior ragione se parliamo di un quintetto in fondo alla classifica e attaccato ai propri risultati e a quelli degli altri. Latina deve fare il suo dovere aspettando che Pavia e Venezia non lo facciano, un rush finale in nove capitoli, tanti quante le giornate da qui alla fine del campionato. C’è un super lavoro da fare per la banda Ciaboco, un passo alla volta tenendo ben a mente che da questo momento in casa, davanti ad un pubblico da riabilitare al basket, non si può davvero più sbagliare. Per questo motivo la società ha scelto di dare un taglio ai tagliandi per l’ingresso al match di sabato sera, Latina città è chiamata a dare una mano alla squadra. Nessuna promessa di matrimonio e di amore ma piuttosto una “prova di fede”, di appartenenza ai colori nerazzurri. La media spettatori è la più bassa della Legadue e non è necessariamente colpa della mancanza di risultati. L’Ab Latina deve smetterla di giocare in trasferta anche quando il parquet di via dei Mille, condizione che va di pari passo con quelle più strettamente tecniche al fine ultimo della permanenza nel professionismo.

LA GARA – Il ciclo della verità inizia con la Carmatic Pistoia, quintetto in piena corsa per i play off e forte di una batteria di lunghi tra le più importanti della categoria. Per questo è fondamentale il recupero di Theron Smith, per la verità mai troppo convincente ma pedina comunque importante per una squadra che si trova nei guai. Salvo sorprese, Smith sarà del match, a lui e Ferrero toccherà limitare i vari Slay, Canavesi, Ringstrom e Fucka, quest’ultimo recuperato in settimana dopo alcuni problemi muscolari. I punti li dovranno portare il prezioso Bosak e Cutolo, ormai calatosi nella realtà della categoria dopo qualche imbarazzo iniziale. Ma soprattutto, Latina dovrà giocare fino alla fine con la stessa intensità, senza sfaldarsi nel finale di match come già visto e rivisto in questo campionato. La mancanza di rotazioni adeguate e di un gestore di situazioni alla base di tale problema. Per il momento la cura è affidata allo “schema cuore” di coach Ciaboco, ultima arma di esaltazione di massa per la giovane Latina. Potrebbe bastare contro una buona Carmatic, potrebbe non bastare contro una classifica che non è più nel tuo pugno.

Jonathan Gavin

Lascia un commento